2452

Mondo

La domanda di olio d'oliva biologico cresce a livello globale

Entro il 2030, il mercato dell'olio d'oliva biologico potrebbe valere più del dieci percento del totale del settore, rispetto all'attuale sei percento.
Di Paolo DeAndreis
27 marzo 2023 14:17 UTC

L'olio d'oliva biologico sta guadagnando terreno sui mercati internazionali. Un volume crescente del commercio di olio d'oliva ora proviene dalla produzione biologica poiché anche le aziende olivicole biologiche si stanno espandendo in modo significativo.

Allied Market Research mostra che il mercato globale dell'olio d'oliva biologico è stato valutato a $ 933 milioni nel 2021. Secondo Polaris Market Research, il mercato dell'olio d'oliva è stato valutato a $ 14 miliardi quell'anno.

I consumatori ben informati sui vantaggi dell'agricoltura biologica e sulla qualità dei prodotti biologici sono anche più disposti a pagare il prezzo più alto dell'olio d'oliva biologico.- Nikos Renieris, proprietario, El Renieris

Nel 2031, il mercato dell'olio d'oliva biologico dovrebbe salire a 2.2 miliardi di dollari, con una crescita annua vicina al 9%.

Un'ampia quota di olio d'oliva biologico viene esportata all'ingrosso in un ambiente business-to-business (B2B). Entro il 2031, il commercio di olio d'oliva biologico B2B dovrebbe superare gli 803 milioni di dollari. Nel 2021, si è attestato a $ 357 milioni.

Vedi anche:Le fattorie biologiche producono meno, ma sono più convenienti, secondo uno studio

Gli esperti citano la crescente consapevolezza dei consumatori nei confronti del cibo sano come uno dei motori dell'aumento delle vendite di prodotti alimentari biologici.

"I consumatori che sono ben informati sui vantaggi dell'agricoltura biologica e sulla qualità dei prodotti biologici sono anche più disposti a pagare il prezzo più alto dell'olio d'oliva biologico ", Nikos Renieris, proprietario di El Renieris, produttore e imbottigliatore di olio d'oliva a Creta, La Grecia, raccontata Olive Oil Times.

Entrano in gioco anche le politiche pubbliche. Un esempio è la strategia dell'Unione europea per ampliare l'agricoltura biologica, per convertire il 25% di tutti i terreni agricoli del blocco in pratiche biologiche entro il 2030.

I paesi produttori, come la Tunisia, le cui esportazioni costituiscono gran parte della sua produzione di olive, stanno segnalando aumenti sostanziali anche nel commercio di olio d'oliva biologico.

Ha detto Hamed Daly Hassen, amministratore delegato dell'Ufficio nazionale dell'olio d'oliva della Tunisia Olive Oil Times che l'olio d'oliva biologico rappresentava il 44 percento di tutta la produzione tunisina nel 2021, superando le 100,000 tonnellate. In 2012, l'olio d'oliva biologico rappresentava meno del 10 percento di tutta la produzione.

La quota crescente della produzione di olio d’oliva biologico è dovuta alla crescente domanda internazionale, principalmente da parte dei paesi sviluppati.

"Di sicuro, i mercati economicamente più avanzati sono quelli che stanno guidando le vendite di olio d'oliva biologico ", ha affermato Renieris, aggiungendo che le vendite di olio d'oliva biologico aumentano ogni anno a Creta.

Tuttavia, secondo esportatori e importatori, la crescita delle vendite di olio d'oliva biologico è solo in parte correlata all'andamento della domanda.

"Il mercato tedesco dell'olio extravergine di oliva è forte e anche la quota di olio di oliva biologico sta crescendo ", ha dichiarato Massimo Boraso, amministratore delegato della piattaforma italiana di e-commerce di olio d'oliva, OlivYou Olive Oil Times. "Il consumatore tedesco è ancora più attivo nella ricerca di olio d'oliva biologico rispetto a quello italiano.

Mentre l'aumento dei prezzi e l'inflazione persistente hanno portato a a calo previsto del consumo globale di olio d'oliva, il mercato tedesco dell'olio d'oliva ha mostrato una crescita significativa.

Secondo il Consiglio oleicolo internazionale, il consumo di olio d'oliva nel paese è passato da 60,500 tonnellate nella campagna 2012/13 a 88,000 tonnellate previste nel 2022/23.

"Considerando che vendiamo solo oli extra vergini di oliva di fascia alta, le vendite di olio d'oliva biologico stanno crescendo in una base di consumatori che è molto interessata a trovare l'olio d'oliva giusto ma anche a provare nuovi oli d'oliva ", ha affermato Boraso.

pubblicità
pubblicità

Nelle economie sviluppate come il Regno Unito, il successo dell'olio d'oliva biologico va di pari passo con la popolarità di olio extravergine d'oliva tra i consumatori.

"Abbiamo visto cambiare la consapevolezza dei consumatori con i nostri partner di vendita al dettaglio di prodotti di fascia alta nel Regno Unito ", ha dichiarato Yacine Amor, importatore e CEO di Artisan Olive Oil Olive Oil Times. "Il La pandemia di Covid-19 ha giocato un ruolo importante, promuovendo la cucina casalinga da parecchio tempo, e i consumatori attenti alla salute hanno iniziato a prestare molta più attenzione all'olio d'oliva e agli oli d'oliva di buona qualità.

Mentre l'olio d'oliva biologico ha trovato nuovi clienti appassionati durante la pandemia, le attuali condizioni economiche sono cambiate in modo significativo, alterando il panorama del mercato del Regno Unito.

"Mentre l'inflazione morde, le famiglie hanno cambiato le loro priorità. Devono far fronte a una situazione difficile", ha detto Amor. "L'olio d'oliva di alta qualità e l'olio d'oliva biologico stanno subendo un duro colpo.

Ha aggiunto che ulteriori ostacoli burocratici imposti dalla Brexit, la decisione del Regno Unito di lasciare l'UE, aveva influito anche sulla disponibilità di olio d'oliva biologico.

"Se entri in un supermercato ora, puoi vedere come le scelte di olio d'oliva a disposizione dei consumatori si sono dimezzate da due anni fa ", ha affermato Amor.

"E lo stesso accade con l'olio d'oliva biologico e i prodotti biologici in generale, evitati dalle famiglie che cercano di risparmiare denaro e dai rivenditori che promuovono strategie di protezione del paniere per i propri clienti ", ha aggiunto.

Insieme al Regno Unito e alla Germania, Bosaro ha affermato di aver notato un crescente interesse per l'olio d'oliva biologico in altre parti del nord Europa, tra cui Svezia ed Estonia.

Dall'altra parte dell'Atlantico, negli ultimi due decenni gli Stati Uniti sono diventati uno dei maggiori consumatori e importatori di olio d'oliva al mondo.

I dati del Consiglio oleicolo internazionale mostrano che le importazioni di olio d'oliva negli Stati Uniti sono aumentate da 193,000 tonnellate nel 2002/03 a 360,000 tonnellate previste nel 2022/23, circa il 36% delle importazioni globali di olio d'oliva. Le maggiori quantità di olio extravergine di oliva vengono importate da Italia, Spagna e Tunisia.

Nel 2013, il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti lo ha stimato l'olio d'oliva biologico rappresentava un decimo del valore delle vendite estere di olio d'oliva negli Stati Uniti

I dati dell'USDA mostrano che tra il 2013 e il 2021 il valore delle importazioni biologiche statunitensi è quintuplicato, passando da 500 milioni di dollari a 2.7 miliardi di dollari. L'USDA prevede inoltre che queste cifre continuino a salire in futuro.

Dato il ruolo fondamentale svolto dagli Stati Uniti come importatore globale di olio d'oliva, la crescente domanda di olio d'oliva biologico avrà probabilmente effetti a catena in tutto il settore.

L'interesse di importatori e consumatori per l'olio d'oliva biologico colpisce anche i paesi produttori.

In Italia, il 12 percento dei terreni agricoli biologici del paese ospita uliveti. Secondo l'Istituto dei servizi per il mercato agroalimentare (Ismea), le olive biologiche crescono su circa 243,000 ettari nel paese.

Nel suo ultimo rapporto, Ismea ha affermato che la quantità di terreno dedicato all'olivicoltura biologica è raddoppiata dal 2010 al 2019. Da allora, tuttavia, la crescita è rallentata all'1.5% all'anno.

Gli ultimi regolamenti dell'UE che promuovono l'agricoltura biologica si tradurranno in una ripresa dell'olivicoltura biologica.

In Spagna, il più grande paese produttore di olio d'oliva al mondo con un ampio margine, il il numero di oliveti biologici continua a crescere attraverso il paese.

Secondo il Ministero dell'agricoltura, della pesca e dell'alimentazione, la terra dedicata agli oliveti biologici è aumentata del 16% nel 2021. Ora gli oliveti biologici coprono ora 256,510 ettari in Spagna, un'area più grande del Lussemburgo.

Il maggiore aumento dell'olivicoltura biologica è arrivato dall'Andalusia, responsabile della maggior parte della produzione di olio d'oliva spagnola. La copertura degli oliveti biologici è aumentata di quasi un terzo nella regione, passando da 88,691 ettari nel 2020 a 117,380 ettari nel 2021.



pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati