Olive Pit Voli carburante da Siviglia

Il biocarburante da noccioli di olive e altri rifiuti organici ha ridotto di 200 tonnellate le emissioni di anidride carbonica di oltre 200 voli.
Di Daniel Dawson
1 dicembre 2022 13:48 UTC

C'erano noccioli di olive, olio da cucina usato e altri resti vegetali convertito in biocarburante per più di 200 aerei che hanno volato dall'aeroporto di Siviglia alla fine di novembre.

Secondo Cepsa, il produttore di biocarburanti, i voli di sei diverse compagnie aeree hanno utilizzato il 4.5% del carburante per aviazione sostenibile nei loro serbatoi. L'obiettivo a livello europeo per l'integrazione sostenibile del carburante per l'aviazione è del due percento entro il 2025.

Vedi anche:Treno turistico in Provenza parzialmente alimentato da biocarburante di olive-nocciolo

La società ha affermato che l'iniziativa ha evitato 200 tonnellate di emissioni di anidride carbonica. Nel complesso, sostengono che la sostituzione del carburante per aerei con il biocarburante ridurrebbe le emissioni del trasporto aereo fino al 90%.

La maggior parte del carburante per aerei è a base di cherosene con vari additivi per prevenire il congelamento, abbassare il punto di congelamento e aumentare il punto di infiammabilità.

"Abbiamo visto che non è necessario apportare modifiche ai motori degli aerei o ai sistemi di alimentazione degli aeroporti o degli aerei per adottare questo tipo di biocarburante", ha detto ai media locali Javier Gándara, presidente dell'Associazione nazionale delle compagnie aeree. "È possibile miscelare carburante sostenibile con cherosene convenzionale”.

Secondo Our World in Data, un volo senza scopo di lucro rappresentava circa 2.5% delle emissioni globali di anidride carbonica e l'1.9% delle emissioni totali di gas serra prima dell'inizio della pandemia di Covid-19.

L'organizzazione ha stimato che l'aviazione ha prodotto solo 1.04 miliardi di tonnellate di anidride carbonica nel 2018.

Vedi anche:L'aereo passeggeri vola per 560 chilometri utilizzando olio da cucina riciclato

Carlos Barrasa, direttore commerciale ed energia pulita di Cepsa, ha affermato che il progetto svolge un ruolo importante nella transizione verde del settore dell'aviazione e creerà nuovi posti di lavoro nella regione.

Ha detto che la società prevede di produrre 2.5 milioni di tonnellate di biocarburante nel suo impianto nel sud-ovest dell'Andalusia, di cui 800,000 tonnellate sarebbero utilizzate per il carburante per aerei.

Barrasa ha stimato che l'attuale generazione di biomassa nella comunità autonoma e nella più grande regione mondiale di olivicoltura e produzione di olio d'oliva potrebbe coprire circa il 10 percento della domanda di carburante per aviazione dall'aeroporto di Siviglia.

Secondo Tobi Pardo, direttore dell'aviazione e della produzione di asfalto presso Cepsa, il principale fattore limitante nell'adozione diffusa di biocarburanti per l'aviazione è il costo. Ha stimato che la produzione di biocarburanti costa due o tre volte di più rispetto al tradizionale carburante per aerei.

Nonostante queste limitazioni, Cepsa prevede di produrre biocarburante sufficiente per coprire circa 400,000 chilometri di voli delle compagnie aeree partecipanti, per un totale di 400 e 500 ore di volo.



pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti