Le autorità identificano il ceppo di Xylella che infetta viti e mandorli in Puglia

La nuova variante è stata rilevata in una regione già gravemente colpita dalla Xylella fastidiosa pauca.

Raccolta delle mandorle a Molfetta, Italia (AP)
Di Paolo DeAndreis
29 febbraio 2024 02:12 UTC
314
Raccolta delle mandorle a Molfetta, Italia (AP)

Il monitoraggio della task force Xylella fastidiosa nella regione meridionale italiana della Puglia ha identificato un nuovo ceppo del batterio nel comune centrale di Triggiano.

Analizzando campioni prelevati in 136 località, gli esperti locali hanno scoperto che fastidiosa sottospecie (Xylella fastidiosa fastidiosa) in sei mandorli. È la prima volta che il ceppo viene identificato nella regione italiana.

Dobbiamo debellare subito il nuovo ceppo del batterio, in quanto è capace di attaccare la vite. Se ciò accadesse sarebbe un colpo mortale per l’agricoltura pugliese.- Gennaro Sicolo, presidente Confederazione Italiana Agricoltori

Dato il suo potenziale come agente patogeno per varie piante, le autorità locali lo hanno notato protocolli di contenimento, che prevede l'eradicazione degli alberi infetti, l'analisi dei batteri appena rilevati e un ulteriore monitoraggio.

"La scoperta di questo nuovo batterio è frutto di un ampio, preciso e attento monitoraggio effettuato dall'Assessorato all'Agricoltura - spiega Donato Pentassuglia, assessore regionale all'Agricoltura media locali.

Vedi anche:Il nuovo spray potrebbe proteggere gli ulivi dalla Xylella

"In questo momento è necessaria un’unità di intenti e di attività per sostenere la sicurezza fitosanitaria della regione”, ha aggiunto. "Ora dobbiamo estinguere tempestivamente l’epidemia eradicando il batterio. Non c’è bisogno di allarmismi, ma è necessario restare vigili”.

Pentassuglia ha affermato che i ricercatori non sanno ancora quanto sia aggressivo o contagioso il nuovo ceppo, ma ha avvertito che devono essere prese ulteriori precauzioni riguardo ai parassiti che trasmettono la malattia, in particolare quelli che predano l'uva.

Le piante infette identificate dalle autorità si trovano fuori dal territorio pugliese zone rosse e zone cuscinetto contenere un ceppo diverso di Xylella fastidiosa, il pauca sottospecie.

Negli ultimi dieci anni, la Xylella fastidiosa pauca ha causato la morte di milioni di ulivi in ​​tutta la Puglia meridionale.

Secondo l'Autorità europea per la sicurezza alimentare, non è noto che Xylella fastidiosa fastidiosa infetti naturalmente gli ulivi. Tuttavia, la sottospecie è ben nota nelle Americhe per aver causato la mortale malattia di Pierce in diverse colture, come la vite.

Fin dalla sua emergenza alla fine del 19th secolo, Xylella fastidiosa fastidiosa è rimasta a minaccia significativa all’industria vinicola statunitense.

Modelli attuali prevedono una modesta espansione globale della malattia di Pierce nei prossimi 20 anni, principalmente a causa del commercio internazionale di piante, che espande la portata geografica del patogeno.

Difficile da rilevare e spesso identificata solo dopo molto tempo dall'infezione iniziale, la Xylella fastidiosa viene diffusa attivamente da numerosi insetti vettori.

La Puglia è un grande produttore ed esportatore di vino. Altri potenziali bersagli della sottospecie fastidiosa includono mandorli e ciliegi, entrambi ampiamente coltivati ​​nella regione.

Lo ha detto Salvatore Infantino, direttore dell'Osservatorio fitosanitario regionale media locali che l’epidemia di Xylella fastidiosa negli Stati Uniti e quella pugliese potrebbero ancora seguire percorsi molto diversi.

"La potenziale aggressività [del ceppo appena scoperto] dipende da molti fattori, come le caratteristiche delle aree infette”, ha affermato.

Gianluca Nardone, direttore dell'Assessorato all'Agricoltura della Puglia, ha affermato che la rete scientifica che collabora con le autorità locali sulla Xylella fastidiosa determinerà l'origine della specie. fastidiosa ceppo, la sua virulenza e i potenziali danni che potrebbe arrecare al territorio.

"Xylella fastidiosa fastidiosa è attualmente presente in Europa, secondo l'EPPO Global Database, in Portogallo e l' Isole Baleari;, "Ha detto.

"Dobbiamo debellare subito il nuovo ceppo del batterio, perché è capace di attaccare la vite - ha aggiunto Gennaro Sicolo, presidente della Confederazione Italiana Agricoltori (CIA). "Se ciò accadesse sarebbe un colpo mortale per l’agricoltura pugliese”.

Secondo Sicolo occorre sviluppare un approccio globale alla nuova minaccia "attraverso un sostegno più deciso e sistematico alla ricerca scientifica, creando e rafforzando una rete internazionale capace di trovare finalmente soluzioni efficaci. Tali controlli ci consentiranno di affrontare il nuovo pericolo”.

Diverse organizzazioni agricole hanno lanciato un appello alle autorità locali, nazionali ed europee affinché uniscano le forze per contenere l’impatto dei batteri.

In una nota, la Coldiretti Puglia, sindacato degli agricoltori, afferma che dovrebbe essere immediatamente promossa una revisione delle attuali normative europee sull'importazione di piante, data la potenziale gravità di focolai come quello identificato a Triggiano.



Condividi questo articolo

pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati