La tecnologia guida le ambizioni del più grande produttore di olio d'oliva della Tunisia

Il Gruppo CHO è stato uno dei primi ad adottare la tecnologia blockchain per la tracciabilità. Ora si stanno rivolgendo all’intelligenza artificiale per contribuire a mitigare gli impatti del cambiamento climatico.

L'amministratore delegato Abdelaziz Makhloufi e Wajih Rekik nell'oliveto aziendale di Chemlali a Sfax (Foto: CHO Group)
Di Paolo DeAndreis
27 marzo 2024 14:23 UTC
0
L'amministratore delegato Abdelaziz Makhloufi e Wajih Rekik nell'oliveto aziendale di Chemlali a Sfax (Foto: CHO Group)

Nato dalla passione di una famiglia tunisina, il Gruppo CHO è cresciuto ed è diventato il più grande produttore di olio d'oliva del paese negli ultimi 20 anni.

L'azienda ha scommesso il suo futuro nel settore sul ruolo della tecnologia nel mitigare gli impatti della Tunisia clima sempre più caldo e secco sulla sua capacità di produrre ed esportare premiato olio d'oliva.

"Le sfide che affrontiamo con il clima sono fuori dal nostro controllo e incidono gravemente sui raccolti di olive e, per estensione, sulla stabilità economica delle comunità rurali in Tunisia ", ha detto Wajih Rekik, amministratore delegato di CHO America Olive Oil Times.

Vedi anche:Profili del produttore

Più specificamente, Rekik ha affermato che il caldo estivo estremo e gli inverni secchi record negli ultimi due anni hanno avuto un impatto sui raccolti di olive in vaste aree del bacino del Mediterraneo.

"Un'azienda agricola che produceva 20,000 litri di olio d'oliva ora ne produce solo 10,000, mentre le spese di produzione sono rimaste costanti, quasi raddoppiando il costo totale di produzione ", ha affermato.

Di conseguenza, CHO Group sta aumentando il prezzo del suo marchio di punta Terra Delyssa. Dal 2007 l'azienda produce olio extravergine d'oliva prende il nome dalla regina Elissa, conosciuta anche come Didone, la leggendaria fondatrice e prima regina di Cartagine nel 9th Secolo a.C.

profili-la-migliore-produzione-di-olio-di-oliva-africa-medio-oriente-oil-times

Il marchio Terra Delyssa del Gruppo CHO rende omaggio alla regina Elissa, la leggendaria mecenate dell'industria tunisina dell'olio d'oliva. (Foto: Gruppo CHO)

"Abbiamo lavorato su un marchio che sarebbe stato in grado di raccontare la storia della regina Elissa, che ha avviato la cultura dell'olio d'oliva in Tunisia ", ha affermato Rekik.

Ex regina di Tiro, nell'odierno Libano, la regina Elissa fuggì dalla tirannia del fratello autocratico per fondare una nuova città-stato fenicia sulla costa nordafricana, introducendo l'olivicoltura nella regione.

"Volevamo essere fedeli a questa eredità, presentando un prodotto della massima qualità imbottigliato in un packaging elegante che racconta una storia del genere", ha affermato Rekik.

In effetti, l’azienda è stata premiata per i suoi sforzi, vincendo due Gold Awards per i suoi marchi Terra Delyssa biologici e di agricoltura convenzionale al 2024 NYIOOC World Olive Oil Competition.

"Siamo profondamente umiliati e pieni di immenso orgoglio”, ha detto Rekik. "Questi premi simboleggiano la dedizione, la passione e il duro lavoro di tutta la nostra rete, dagli agricoltori devoti e dagli abili mugnai a ogni membro della nostra famiglia che gioca un ruolo nel dare vita alla nostra visione.

Dalla liberalizzazione della produzione di olio d'oliva nel paese negli anni '1990, il gruppo CHO si è espanso rapidamente. Ora esporta una media di 50,000 tonnellate di olio d'oliva all'anno in più di 50 paesi, rappresentando circa un quinto di tutte le esportazioni tunisine di olio d'oliva.

"Produciamo fino a 1,200 tonnellate di olio d'oliva al giorno ", ha affermato Rekik. "In Tunisia disponiamo di una capacità di stoccaggio di circa 30,000 tonnellate. Diamo lavoro a circa 1,000 persone, a cui si aggiungono circa 1,300 lavoratori stagionali durante la raccolta."

profili-la-migliore-produzione-di-olio-di-oliva-africa-medio-oriente-oil-times

Il gruppo CHO è con un ampio margine il più grande produttore ed esportatore di olio d'oliva della Tunisia. (Foto: Gruppo CHO)

Il Gruppo CHO coltiva più di 4,000 ettari di ulivi in ​​Tunisia e si sta espandendo altrove. "La nostra prima grande diversificazione è in Marocco, dove ora stiamo piantando 280 ettari di olivi ", ha affermato Rekik.

In Marocco, gli stabilimenti dell'azienda operano nella regione di Marrakesh. "Abbiamo creato il marchio Moresh, che rappresenta le nostre attività marocchine", ha affermato Rekik. Moresh ha vinto un Silver Award al 2024 NYIOOC.

pubblicità

"Ora è il marchio marocchino più presente sugli scaffali del Nord America, poiché è già venduto in oltre 4,000 negozi", ha aggiunto. "Debutta anche in Francia e Germania, quindi si sta affacciando sul mercato internazionale”.

Secondo Rekik, una chiave del successo del Gruppo CHO è l'adozione di tecnologie nuove e innovative. "Un elemento cruciale del nostro successo risiede nel nostro costante impegno per la qualità, supportato dalla completa tracciabilità della blockchain fino ai frutteti”, ha confermato.

profili-la-migliore-produzione-di-olio-di-oliva-africa-medio-oriente-oil-times

Il Gruppo CHO ha abbracciato nuove tecnologie, tra cui la blockchain per la tracciabilità e l’intelligenza artificiale per aiutare l’azienda ad adattarsi agli impatti dei cambiamenti climatici in Tunisia. (Foto: Gruppo CHO)

"Siamo stati i pionieri nell'adozione tecnologia blockchain", ha aggiunto Rekik. "Inizialmente una scelta del genere suscitò qualche risata nel settore. Tuttavia, la blockchain ha aggiunto valore per i nostri clienti e partner al dettaglio, poiché rappresenta quell’ulteriore livello di fiducia che è molto importante sul mercato”.

Rekik ritiene che l'innovazione rimanga in prima linea nel business dell'azienda, che ora si sta avventurando nell'intelligenza artificiale (AI).

pubblicità

"La digitalizzazione è davvero nel DNA del gruppo”, ha affermato. "Oggi siamo pionieri dell’intelligenza artificiale creando modelli di previsione e lavorando a stretto contatto con esperti e sviluppatori tunisini. Stiamo anche lavorando con le università tunisine e collaboriamo con loro in laboratori aperti”.

"È un rapporto proficuo perché diamo ai ricercatori un tocco di realtà, un contatto con il mondo delle imprese”, ha aggiunto. "L’azienda dà loro problemi di vita reale che devono essere risolti”.

CHO Group sta anche lavorando con InstaDeep, una delle principali società tunisine focalizzata sullo sviluppo dell'intelligenza artificiale.

profili-la-migliore-produzione-di-olio-di-oliva-africa-medio-oriente-oil-times

Il Gruppo CHO può macinare 1,200 tonnellate di olio d'oliva al giorno durante la raccolta. (Foto: Gruppo CHO)

Rekik ha affermato che l’intelligenza artificiale aiuta l’azienda ad adattarsi ai cambiamenti climatici e ad adottare pratiche sostenibili come lo sviluppo di energie rinnovabili, la conservazione dell’acqua e soluzioni di imballaggio sostenibili. Il Gruppo CHO ha anche annunciato un programma di emissioni di carbonio pari a zero entro il 2040.

"La scarsità d’acqua è un problema innegabile. Non abbiamo visto quasi nessuna pioggia durante l’inverno in Tunisia”, ha detto Rekik. "Nel nostro Paese si diceva che la qualità dell'olio d'oliva derivava dai 320 giorni di sole dell'anno. Adesso si va verso i 350 giorni”.

"Tuttavia, il sole ci rende il produttore numero uno di olio d'oliva biologico al mondo, poiché non consente agli insetti di proliferare ", ha aggiunto. "Non abbiamo bisogno di spruzzare prodotti chimici, il che è un grosso problema altrove. I pesticidi sono a grosso problema all’estero, e stanno diventando tali anche negli Stati Uniti”.

Il gruppo CHO fa maggiore affidamento sulle varietà di olive locali, come Chemlali o Chetoui, per far fronte al clima sempre più caldo e secco del paese. "Tali varietà esistevano ben prima che iniziasse l’irrigazione”, ha detto Rekik. "La loro resilienza salverà il settore dell'olio d'oliva in Tunisia ".

"Lo stesso sta accadendo in Marocco”, ha aggiunto. "Nei nostri frutteti di Marrakesh ci stiamo ora concentrando sulla cultivar Beldi, considerata la Picholine marocchina. Ciò salverà anche il settore”.

Rekik ritiene che la coltivazione di varietà di olivo autoctone e il monitoraggio attento degli oliveti digitalmente consentiranno all'azienda di superare le sfide poste dal cambiamento climatico.

profili-la-migliore-produzione-di-olio-di-oliva-africa-medio-oriente-oil-times

Il gruppo CHO scommette sulle varietà di olivo endemiche in Tunisia e Marocco per far fronte al clima sempre più caldo e secco. (Foto: Gruppo CHO)

L'uso della tecnologia da parte dell'azienda si espande oltre gli uliveti e nella sua rete di laboratori 20, uno dei quali è accreditato dal Consiglio oleicolo internazionale. Questa rete consente all'azienda di verificare la qualità dei suoi oli d'oliva in Tunisia. "Il nostro panel di degustazione è riconosciuto anche dal CIO”, ha affermato Rekik.

Affrontare i prezzi elevati dell'olio d'oliva, che hanno portato a divieto temporaneo di esportazione a dicembre, Rekik ha affermato che i prezzi devono rimanere elevati per riflettere l'aumento dei costi operativi e la diminuzione dei volumi di produzione.

"Questo adeguamento dei prezzi non è solo una risposta ai costi di produzione, ma un passo necessario per garantire la sostenibilità delle nostre aziende olivicole e il benessere degli agricoltori che sono la spina dorsale di questo settore ", ha affermato.

"Ci impegniamo a rivedere i nostri prezzi a favore [del cliente] non appena le condizioni lo consentiranno e apprezziamo profondamente la [loro] comprensione e supporto durante questi tempi difficili", ha aggiunto Rekik. "Il [loro] sostegno è fondamentale non solo per noi ma per l'intera comunità olivicola in Tunisia."



Condividi questo articolo

pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati