L’agricoltura rigenerativa su piccola scala promuove la qualità per Maraviglia in Toscana

Dal 2019, il produttore dell'Agricola Maraviglia ha trovato un equilibrio simbiotico tra la cura del paesaggio e la produzione di olio d'oliva pluripremiato.

Azienda Agricola Maraviglia
Di Ylenia Granitto
11 ottobre 2023 15:07 UTC
382
Azienda Agricola Maraviglia

Raccontano gli abitanti di Monte San Savino che quando i pellegrini che viaggiavano dalla Francia a Roma si fermavano ad ammirare il paesaggio, dicevano che maraviglia, Senso, "che meraviglia."

Da qui il nome di Agricola Maraviglia e nasce il suo omonimo blend biologico di olive Moraiolo, Leccino e Frantoio prodotto sulle colline che circondano un borgo vicino ad Arezzo, in Toscana.

Un limite dimensionale aziendale ci permette di essere davvero sostenibili e credo che questo rappresenti l'unico modo per svolgere un lavoro agricolo di qualità.- Francesco Piattelli Palmarini, fondatore dell'Agricola Maraviglia

"Sono cresciuto in quella che oggi è diventata la cascina, che in origine era la casa della mia famiglia, circondata da cento ulivi”, ha raccontato il fondatore Francesco Piattelli Palmarini Olive Oil Times. "Come spesso accade, chi nasce in campagna vuole scappare, e così ho fatto”.

"Sono partito e ho vissuto all’estero per 15 anni, dieci dei quali a New York, dove avevo un lavoro che mi piaceva molto nella comunicazione, nel branding e nel design”, ha aggiunto. "Eppure ad un certo punto ho iniziato a capire che avevo bisogno di riscoprire il contatto con la terra e la natura e ho deciso di ritornare.”

Vedi anche:Profili del produttore

Piattelli Palmarini si descrive come parte della nuova generazione di agricoltori entrati nel mondo dell'alta qualità olio extravergine d'oliva iniziando da zero. Fondata nel 2019, l'azienda guadagnato i premi d'oro in tre consecutivi NYIOOC World Olive Oil Competition edizioni.

"Quando ho iniziato a pensare a questo progetto tutti dicevano che ero pazzo perché stavo lasciando un lavoro sicuro per buttarmi nell’agricoltura, accettando una nuova sfida da solo”, ha detto Piattelli Palmarini.

"I miei genitori non operavano nel settore dell'olio d'oliva ", ha aggiunto. "Potevo semplicemente fare affidamento sulle competenze acquisite dal mio precedente lavoro in cui promuovevo marchi e ho pensato che avrei potuto applicarle a un progetto tutto mio. I risultati finora raggiunti mi dicono che ho preso la decisione giusta.”

La tenuta risale a quasi 400 anni fa, quando una colonia di mezzadri vi si stabilì e iniziò a coltivare diverse colture.

profili-la-migliore-produzione-di-olio-d-oliva-in-europa-l-agricoltura-rigenerativa-su-piccola-scala-promuove-la-qualità-per-maraviglia-in-toscana-tempi-dell-olio-d-oliva

Francesco Piattelli Palmarini partecipa alla vendemmia manuale dei suoi oliveti.

"I primi coloni applicarono un sistema di policoltura, molto diffuso in passato”, spiega Piattelli Palmarini. "Sto cercando di reintrodurlo perché offre diversi vantaggi, a cominciare dalla promozione della biodiversità”.

"Preservare la qualità dell’ambiente è infatti uno dei nostri obiettivi primari, e la prima cosa che ho fatto a questo proposito è stata prendermi cura degli ulivi secolari della proprietà che costituiscono un vero patrimonio”, ha aggiunto.

Tutti gli alberi sono sopravvissuti al gelo del 1985. Alcuni erano gravemente danneggiati ma si sono rigenerati dai ceppi e sono ora riconoscibili, con il tronco diviso in due o più rami; altri ne sono usciti indenni e hanno sviluppato strutture enormi e imponenti.

Piattelli Palmarini decise di prendersi cura dei frutteti abbandonati nelle vicinanze poiché aveva notato che molte famiglie che producevano olio d'oliva per il consumo personale avevano abbandonato i loro uliveti a causa dell'aumento dei costi di produzione e nessun ricambio generazionale.

"Ho contattato i proprietari dei terreni abbandonati circostanti e abbiamo concordato che mi sarei preso cura di loro per renderli di nuovo produttivi", ha detto. "Ora posso contare su diversi frutteti, ciascuno contenente 100 o 200 ulivi.

"Ogni anno, in base all'andamento della stagione, posso scegliere quello che dà la resa migliore e che mi permette di rispettare le proporzioni previste per la mia miscela”, ha aggiunto Piattelli Palmarini.

Con la moglie Francesca Gambato gestisce 1,300 ulivi. La maggior parte degli alberi sono disposti su ripidi terreni terrazzati sostenuti da antichi muretti a secco, una disposizione che non consente l'uso di veicoli e richiede una raccolta manuale.

profili-la-migliore-produzione-di-olio-d-oliva-in-europa-l-agricoltura-rigenerativa-su-piccola-scala-promuove-la-qualità-per-maraviglia-in-toscana-tempi-dell-olio-d-oliva

Francesca Gambato e Francesco Piattelli Palmarini

"Il Morellino (in toscano Moraiolo), varietà rustica che trova su questi pendii il suo habitat ideale, era in passato la varietà prevalente”, spiega Piattelli Palmarini. "Resiste alla siccità e, d’altro canto, beneficia del drenaggio ottimale dell’acqua piovana fornito dai terrazzamenti”.

"Non è facile da gestire perché i suoi frutti sono abbastanza resistenti. Dato che effettuiamo una raccolta anticipata, la raccolta delle olive è ancora più difficile", ha aggiunto. "Tuttavia, ho voluto onorare l'ambiente originale coltivato dai coltivatori locali che hanno piantato il frutteto. Ho creato un blend di Moraiolo al 70% e il resto di Frantoio e Leccino in parti uguali”.

pubblicità
pubblicità

L'azienda si avvale di un frantoio locale dotato di macchinari all'avanguardia, aggiornati annualmente, per valorizzare al massimo il frutto. Nei frutteti è coltivata anche una varietà locale chiamata Biancaccio, utilizzata come impollinatore, intervallata da alcuni appezzamenti di grano e legumi.

"La nostra particolarità è che, oltre all'olio d'oliva, produciamo miso, tamari e shoyu (salsa di soia), condimenti tipici della cucina asiatica, da materie prime autoctone toscane”, spiega Piattelli Palmarini. "In particolare coltiviamo un'antica tipologia di orzo e cece, coltivata in epoca rinascimentale, denominata Cece fiorentino. "

Dopo essere stati raccolti, vengono inoculati con le spore di un fungo noto come muffa kōji (Aspergillus oryzae) e poi lasciato invecchiare in botti per almeno un anno – l'azienda dispone di un laboratorio dedicato che consente un processo produttivo a ciclo chiuso.

"Puntiamo a proporre un modello produttivo piccolo, anzi quasi micro, che garantisca la qualità dell’intera filiera, a partire dalle materie prime”, ha affermato Piattelli Palmarini. "Inoltre provengono tutti da terreni biologici gestiti secondo tecniche di agricoltura rigenerativa”.

profili-la-migliore-produzione-di-olio-d-oliva-in-europa-l-agricoltura-rigenerativa-su-piccola-scala-promuove-la-qualità-per-maraviglia-in-toscana-tempi-dell-olio-d-oliva

A causa degli uliveti terrazzati, all'Agricola Maraviglia è impossibile una raccolta meccanica.

L’azienda ha implementato una serie di pratiche sostenibili basate sul metodo dell’agricoltura rigenerativa per migliorare la qualità del suolo e potenziare il ciclo idrologico.

"Puntiamo alla sostenibilità totale non solo perché questa è alla base della nostra filosofia di vita”, ha affermato Piattelli Palmarini. "La scienza ci insegna l’importanza di mantenere sano il suolo, soprattutto dopo decenni di gestione irresponsabile dei terreni agricoli, e tale consapevolezza spinge noi, agricoltori di oggi, a prenderci cura dell’ambiente, a partire dalla terra in cui coltiviamo le nostre colture”.

In quest'ottica Piattelli Palmarini coltiva diverse tipologie di piante per arricchire la biodiversità e fornire diversi nutrienti al terreno con le pratiche di cover cropping e sovescio.

"Ci sono tanti tipi diversi di erba da seminare accanto al famoso favino”, ha detto Piattelli Palmarini. "L’erba medica, con le sue radici profonde che dissodano la terra, è solo un esempio tra le tante varietà che aiutano il terreno a essere naturalmente soffice e più capace di trattenere l’umidità, aspetti che cerchiamo di migliorare anche applicando la tecnica della non lavorazione del terreno”.

L'approccio attento all'ambiente perseguito dal produttore toscano è intrinsecamente legato al numero limitato di ulivi gestiti e alla dimensione limitata delle linee di produzione, che fanno parte di una scelta deliberata.

"Secondo me, un limite dimensionale aziendale ci permette di essere veramente sostenibili e credo che questo rappresenti l’unico modo in cui si potrà svolgere d’ora in poi un lavoro agricolo di qualità”, ha affermato. "Anche molti rivenditori stanno andando in questa direzione con un numero sempre crescente di piccole boutique indipendenti alla ricerca di produttori creativi che abbiano una storia di qualità da raccontare ai consumatori”.

"Quando anche chi vende i prodotti acquisisce consapevolezza, i consumatori possono essere meglio supportati nel riconoscere e apprezzare i prodotti di qualità”, ha aggiunto Piattelli Palmarini. "E questo genera un nuovo circolo virtuoso, che riduce i costi per entrambe le parti. Con il nostro modello vogliamo stimolare un trend che migliori sia la qualità del lavoro degli operatori sia la consapevolezza e il benessere dei consumatori”.

Insieme all'impegno nel preservare il paesaggio mantenendo produttive le antiche terrazze, produrre un olio extravergine di oliva di livello mondiale può essere molto impegnativo.

"Tutto ciò richiede lavoro extra e costi di produzione più elevati, soprattutto in alcune stagioni difficili”, ha affermato Piattelli Palmarini.

"Tuttavia, oltre al valore ambientale della nostra attività, i grandi risultati e le soddisfazioni che abbiamo ottenuto finora ci dicono che la nostra visione è giusta e ci motivano ad andare ancora oltre nella ricerca della qualità e nella dedizione alla sostenibilità integrale”, ha concluso.


Condividi questo articolo

pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati