Gli olivicoltori australiani iniziano la raccolta con aspettative contrastanti

Si prevede che un anno di raccolto leggero porterà a un’offerta limitata e a prezzi più alti.

1484
Di Lisa Anderson
26 febbraio 2024 16:35 UTC
752
1484

A causa della bassa resa dei raccolti, alcuni coltivatori australiani hanno iniziato a raccogliere prima. Tuttavia, altri hanno riportato risultati più favorevoli e stanno pianificando di iniziare la raccolta delle olive ad aprile.

Michael Southan, amministratore delegato dell'Australian Olive Association, ha confermato che il raccolto sarà leggermente inferiore rispetto allo scorso anno.

A causa di un anno di raccolto leggero in Australia, alcuni produttori hanno già avviato le macchine per la raccolta e iniziato a lavorare i primi lotti di frutta.- Amanda Bailey, Associazione australiana dell'olio d'oliva

"In alcune zone, la fioritura è stata buona, ma l'allegagione non è stata altrettanto buona", ha raccontato Olive Oil Times. "Sembra che i grandi oliveti avranno dei rendimenti attesi”.

"Le sfide principali saranno quelle perenni legate alla disponibilità di mietitrici a contratto per gli oliveti più piccoli e di aziende di trasformazione a contratto", ha aggiunto.

Vedi anche:Aggiornamenti di Harvest 2024

Amanda Bailey, membro del comitato dell'Australian Olive Oil Association, ha confermato che alcuni produttori sono stati colpiti da condizioni meteorologiche avverse durante la fioritura, fluttuazioni di temperatura e altre variabili ambientali.

Ha affermato che ciò ha ridotto i raccolti in molte regioni olivicole dell'Australia. L'Australian Olive Oil Association ha stimato la produzione in Da 18 a 19 milioni di litri nell'anno raccolto precedente.

"La sfida di un anno di raccolto leggero in Australia va oltre l’impatto immediato sulla produzione di frutta”, ha affermato Bailey. "Ha anche implicazioni significative per altri settori, in particolare l’industria dei prodotti sfusi che guida l’offerta di esportazioni e i servizi alimentari”.

Secondo i dati del Consiglio oleicolo internazionale, l'Australia ha esportato 2,000 tonnellate di olio d'oliva nella campagna agricola 2022/23, un secondo calo consecutivo rispetto al record del paese di 4,000 tonnellate nel 2020/21.

"A causa di un anno di raccolto leggero in Australia, alcuni produttori hanno già avviato le macchine per la raccolta e iniziato a lavorare i primi lotti di frutta", ha affermato Bailey.

Ha sottolineato che la scarsità dei raccolti di frutta si traduce in problemi di domanda e offerta, creando un effetto domino tra i mercati.

"A causa della ridotta offerta di frutta, in Australia non è praticamente disponibile alcuna fornitura sfusa di olio d'oliva, il che porta a un ulteriore squilibrio tra offerta e domanda ", ha affermato Bailey. "Di conseguenza, prevediamo che i prezzi più alti persisteranno poiché i produttori sono alle prese con la ridotta disponibilità di olio d'oliva ".

"Le ripercussioni dell’anno di raccolto leggero si ripercuotono e, in risposta, i produttori stanno sfruttando questo tempo per valutare le strategie di potatura per migliorare la resilienza degli alberi per i raccolti futuri”, ha aggiunto Bailey.

Ha detto che il raccolto ridotto di quest'anno, derivante da alcuni raccolti eccezionali, rappresenta gli estremi opposti dello spettro per quanto riguarda la produzione; entrambi gli scenari hanno implicazioni significative per produttori, mercati e consumatori.

"Anni di raccolto eccezionali comportano un aumento dell’offerta, prezzi più bassi e stimoli economici, mentre gli anni di raccolto leggero portano a rese ridotte, prezzi più alti e sfide finanziarie per i produttori”, ha affermato Bailey. "Sarà interessante vedere come si svolgerà il tutto. I produttori devono garantire che il loro petrolio possa essere sfruttato il più possibile lungo tutta la catena di approvvigionamento per ottenere il massimo rendimento”.

Lo ha detto Richard Seymour, direttore generale di Mount Zero Olives, un'azienda che acquista olive in tutto il Victoria e l'Australia meridionale Olive Oil Times che prevedeva di iniziare a ricevere le olive verdi da tavola di Cerignola per la fermentazione a metà marzo e di avviare una raccolta anticipata Picual olio extravergine d'oliva nel mese di aprile.

"Parlando con i nostri coltivatori principali, prevediamo che questo raccolto andrà bene, ma in calo rispetto alla scorsa stagione", ha affermato Seymour. "Ciò è in gran parte dovuto al gelo in alcune aree di coltivazione appena prima della fioritura".

pubblicità
pubblicità

"La sfida ha tutta a che fare con la continua sfida in termini di offerta e prezzi che attualmente l’industria globale deve affrontare”, ha aggiunto. "Uno degli obiettivi principali della nostra attività è la fornitura al settore della ristorazione e non sono sicuro di come il settore potrà sopportare un altro aumento dei prezzi del 25%”.

Nel frattempo, il più grande produttore australiano, Proprietà di Cobram, prevede di iniziare la raccolta a metà aprile se le condizioni meteorologiche saranno quelle previste.

attività-produttiva-australia-e-nuova-zelanda-gli-olivicoltori-australiani-iniziano-la-raccolta-con-aspettative-diverse-tempi-dell'olio-d'oliva

Mentre Cobram Estate prevede un buon raccolto, altri produttori sono meno ottimisti dopo essere stati colpiti dal clima irregolare. (Foto: Tenuta Cobram)

"La stagione del raccolto 2024 si preannuncia buona, con stime iniziali in linea con le aspettative", ha affermato Leandro Ravetti, co-amministratore delegato dell'azienda e mastro mugnaio. "È importante ricordare che questo è un anno di raccolto con rendimenti inferiori in molti dei nostri oliveti australiani e che i rendimenti finali sono soggetti ai normali rischi associati alla produzione agricola”.

"La fioritura per il raccolto 2024 è iniziata a metà ottobre nei boschetti australiani di Cobram, con la piena fioritura nel nostro boschetto di Boundary Bend durante l'ultima settimana di ottobre e durante la prima settimana di novembre nel nostro boschetto di Boort", ha aggiunto. "Questo è avvenuto solo pochi giorni prima rispetto alla media a lungo termine”.

Ravetti ha affermato che l'azienda prevede anche una fioritura inferiore in alcune parti dei suoi uliveti di Boort rispetto a quanto inizialmente previsto, compensata da raccolti più grandi del previsto altrove.

Ha attribuito quest'ultimo all'inizio dell'anno più umido della media (da ottobre a settembre) e ad altre condizioni favorevoli sperimentate in Australia durante il periodo di fioritura.

Anche a Vittoria, Tenuta degli ulivi di Cape Schanck dalla penisola di Mornington si prevede un buon raccolto quest'anno.

"Sembra che gli alberi siano carichi di frutti", ha detto il comproprietario Stephen Tham. "A circa tre mesi dalla raccolta, si stanno sviluppando bene. La pressione delle malattie sugli alberi, soprattutto la fuliggine, non sembra per ora preoccupare. Prevediamo che il raccolto probabilmente supererà quello dell’anno precedente”.

Tham ha detto che, nonostante il Bureau of Meteorology avesse previsto un clima asciutto, estate calda a causa di El Niño dopo tre anni di tempo piovoso, sono in piena estate, cosa che non è ancora avvenuta.

"La tarda primavera e l’inizio dell’estate ci hanno visto regolarmente inzuppati di pioggia, in particolare negli stati orientali e nord-orientali e, in misura minore, nel sud di Victoria”, ha detto Tham. "Il nostro Natale ha visto le piogge più abbondanti. Da allora le temperature non sono più state troppo calde. Fortunatamente l'inzuppamento è avvenuto dopo l'allegagione e non abbiamo perso molto".


Condividi questo articolo

pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati