Le fattorie australiane affrontano la minaccia dall'insetto mortale che fa schifo

L'insetto Olive Lace ha avuto un impatto sull'Australia occidentale e sta minacciando di diffondersi ulteriormente nel paese.

Dipartimento dell'Agricoltura e Alimentare dell'Australia
Di Mary Hernandez
19 dicembre 2016 11:30 UTC
97
Dipartimento dell'Agricoltura e Alimentare dell'Australia

Due importanti olivicoltori dell'Australia occidentale sono stati costretti ad abbattere vicino agli ulivi adulti 7,000 che sono stati infestati dal micidiale Olive Lace Bug (Froggattia Olivinia) in un focolaio che è stato ufficialmente dichiarato endemico nell'area.

Olive Lace Bug (membro della famiglia Hemiptera di insetti succhiatori di linfa) è originaria dell'Australia orientale e la sua diffusione è particolarmente preoccupante per gli olivicoltori situati nell'Australia occidentale e nel Nuovo Galles del Sud in quanto possono avere un impatto drammatico sull'attuale e sul futuro di un ulivo cedere, con il danno che dura fino a due anni in alcuni casi.

Il trattamento del problema può rivelarsi impegnativo per gli agricoltori poiché l'Olive Lace Bug vive, mangia e si riproduce sotto la foglia, il che rende difficile il rilevamento a meno che ogni albero non sia attentamente monitorato.

La popolazione di Olive Lace Bug si moltiplicherà rapidamente se non trattata, rendendo necessario un protocollo di trattamento in più fasi per garantire che gli insetti siano stati completamente eliminati.

Non esiste un trattamento specifico prescritto per eliminare il parassita da boschi infetti e gli esperti raccomandano l'uso di spray insetticidi per sapone come il piretro. Questa opzione terapeutica non è favorita dagli agricoltori in quanto corre il rischio di danneggiare le api vicine e gli insetti benefici e di compromettere l'integrità del suolo.

Il danno agli insetti utili può portare a un aumento della popolazione di altri parassiti che erano stati precedentemente tenuti sotto controllo. Sono stati anche segnalati casi di Olive Lace Bug che sviluppano l'immunità ai trattamenti chimici di uso comune.

L'insetto non ha trovato la sua strada fuori dai confini dell'Australia, ma a livello internazionale sono disponibili ricerche limitate sul controllo della sua popolazione. Gli agricoltori temono che il bug possa diffondersi ulteriormente in quanto è noto che si attacca ai macchinari e persino ai lavoratori stagionali che viaggiano da una fattoria all'altra, rendendo la sua rapida diffusione una preoccupazione tra le parti interessate.

Solo il tempo ci dirà che le misure messe in atto per eliminare l'infestazione hanno avuto successo. Gli esperti nel controllo dei parassiti affermano che gli agricoltori dovranno aspettare fino all'anno successivo, quando inizierà una nuova crescita stagionale, per vedere se sono presenti le foglie gialle e chiazzate.

L'industria dell'olio d'oliva australiana ha registrato una crescita esplosiva negli ultimi anni, con una produzione annua aumentata in media di quasi il cinquanta percento tra il 2010 e il 2015, ma il paese rimane un attore relativamente piccolo nel mercato internazionale, rappresentando meno dello 0.5 percento della produzione mondiale di olio d'oliva.



pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati