Come la formica iberica può aiutare a controllare i parassiti negli uliveti

I ricercatori hanno scoperto che le formiche iberiche predano naturalmente le larve di falena dell'olivo negli uliveti senza disturbare il resto dell'ecosistema.
Di Simon Roots
4 dicembre 2023 20:22 UTC

I ricercatori del Museo Nazionale di Scienze Naturali di Madrid e della Stazione Biologica di Doñana, entrambi affiliati al Consiglio Nazionale delle Ricerche spagnolo e all'Università di Granada, hanno pubblicato uno studio congiunto sull'efficacia della formica iberica, Tapinoma ibericum, come mezzo per controllare i parassiti dell'olivo come la tignola dell'olivo.

Il studio, pubblicato sul Journal of Applied Entomology, conclude che la specie è un candidato ideale.

Indubbiamente, questo studio può aiutare coloro che lavorano con gli ecosistemi agricoli, come agricoltori e tecnici, ad applicare il controllo biologico dei parassiti sia nella coltivazione dell’olivo che in altre piantagioni.- Rubén Martínez-Blázquez, ricercatore, Stazione Biologica di Doñana

Tapinoma nigerrimum era precedentemente considerata un'unica specie di formiche dannosa per l'agricoltura europea. Tuttavia, uno studio del 2017 ha stabilito che il T. nigerimum Il complesso comprende quattro specie distinte che possono essere identificate solo mediante metodi di tassonomia alfa basati sulla morfologia numerica ad alta risoluzione. Una di queste specie è la formica iberica Tapinoma ibericum.

Per identificare correttamente le specie coinvolte nel loro studio, il team ha inviato esemplari provenienti da uliveti e habitat naturali in tutta l'area di indagine al Museo di Storia Naturale Senckenberg a Görlitz, in Germania, per essere identificati utilizzando la tecnica dell'alfa-tassonomia basata sulla morfologia numerica.

Vedi anche:I ricercatori reintroducono i pipistrelli negli uliveti andalusi per combattere i parassiti

I risultati hanno dimostrato che T. nigerimum tende ad abitare più ecosistemi naturali rispetto a T.ibericum, che è stato scoperto abitare gli uliveti della regione di studio.

Lungi dall'essere dannoso per l'agricoltura, lo studio ha dimostrato che è vero il contrario per le specie iberiche, che si nutrono dello stesso tipo di cibo indipendentemente dalla gestione agricola applicata nei diversi oliveti.

Ciò è importante perché un predatore non influenzato dalla gestione potrebbe essere utilizzato per migliorare la pianificazione e le strategie di controllo biologico locale.

"Indubbiamente, questo studio può aiutare coloro che lavorano con gli ecosistemi agricoli, come agricoltori e tecnici, ad applicare il controllo biologico dei parassiti sia nella coltivazione dell'olivo che in altre piantagioni", ha affermato Rubén Martínez-Blázquez, ricercatore presso la Stazione Biologica di Doñana.

Per determinare il ruolo di Tapinoma ibericum negli oliveti iberici, i ricercatori hanno applicato l'analisi degli isotopi stabili. Questo nuovo approccio analizza la quantità e il rapporto degli isotopi stabili nei tessuti degli organismi.

Gli isotopi stabili sono atomi con lo stesso numero di protoni ma diverso numero di neutroni e non sono radioattivi. Diversi isotopi si accumulano nei tessuti viventi a velocità diverse a seconda dei fattori ambientali.

L’analisi degli isotopi dell’azoto-15 e del carbonio-13 rende possibile tracciare il flusso di energia o di massa attraverso gli ecosistemi e discernere complesse interazioni trofiche all’interno di una rete alimentare.

Questo perché il carbonio-13 viene eliminato attraverso la respirazione e l'azoto-15 attraverso l'escrezione delle urine, consentendo di stimare sia le fonti di carbonio nella dieta di un organismo sia la posizione di detta specie all'interno di una rete alimentare.

Ciò richiede però una serie di dati preliminari, come il tempo necessario agli isotopi per accumularsi nei tessuti dell’organismo in questione e come l’impronta isotopica cambia o si mantiene nel tempo in base alla dieta.

Il gruppo di ricerca ha acquisito questo set di dati di base allevando formiche in un ambiente di laboratorio, nutrendole con una delle quattro diete: una miscela di miele e lievito, afidi che consumano piante di copertura, larve di falena dell'olivo o l'insetto carnivoro Chrysoperla carnea (lacewing verde) che è un altro importante predatore della tignola dell'olivo.

Falena dell'olivo

La falena dell'olivo è un membro della famiglia delle falene Plutellidae ed è endemica dell'Europa meridionale e del Nord Africa. Le tignole sono parassiti perniciosi dell'olivo; gli adulti depongono le uova nel frutto. Dopo la schiusa, le larve si nutrono delle olive, provocando notevoli danni.

L'analisi finale ha concluso che Tapinoma ibericum preda facilmente prega oleae nelle fasi critiche del ciclo di vita del parassita, rendendolo parte integrante del controllo biologico della specie.

pubblicità
pubblicità

Inoltre, l'inclusione della crisopa verde nella fase iniziale di laboratorio ha permesso ai ricercatori di concludere che le formiche non assumono il ruolo di iperpredatrici, consumando altre specie utili al controllo naturale della falena dell'olivo.

"Le formiche sono opportuniste e se sono presenti parassiti, come la tignola dell'olivo (prega oleae), le formiche si nutrono di loro", ha detto la coautrice Francisca Ruano. "Avendo inoltre dimostrato di non diventare iperpredatori, cosa che potrebbe rappresentare un problema per altre specie necessarie al mantenimento della salute del suolo e dell'olivo stesso, [sono] candidati ideali per agire nel controllo di questo tipo di parassiti .”

In Andalusia, la più grande regione produttrice di olivi del mondo, la tignola dell'olivo è uno dei parassiti dell'olivo più comuni.

prega oleae produce tre generazioni all'anno: la generazione filofaga, che si nutre di foglie di olivo da novembre ad aprile e sverna nella chioma; la generazione antofaga, che si nutre di boccioli floreali da aprile a giugno; e la generazione carpofaga quando le larve penetrano nel frutto e si nutrono del nocciolo da giugno a ottobre.

Tutte e tre le generazioni possono causare danni agli uliveti e il successo o il fallimento di ciascuna generazione determina la dimensione della generazione successiva.

Nel corso dello studio, i ricercatori sottolineano che la biodiversità è fondamentale per controllare le specie nocive da parte dei predatori naturali. Ciò è dimostrato dalla maggiore abbondanza di formiche in aree con habitat seminaturali più complessi e dal ridotto utilizzo di pesticidi.

Hanno scoperto, ad esempio, che le formiche che vivono accanto e all'interno degli oliveti biologici tendono a spostarsi dalla vegetazione naturale adiacente agli olivi principalmente quando la copertura del terreno inizia ad appassire, corrispondente al momento in cui la tarma dell'olivo depone le uova sui giovani frutti d'oliva. La predazione in questa fase può avere un impatto notevole sulle generazioni successive.



pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati