Acesur espande la presenza negli Stati Uniti

L'azienda afferma che produrrà il suo primo olio d'oliva californiano nel 2027 e prevede una resa di un milione di litri.

Acesur prevede di produrre un milione di tonnellate di olio d'oliva ogni anno quando gli alberi maturano. (Foto: Acesur)
Di Daniel Dawson
27 novembre 2023 17:32 UTC
422
Acesur prevede di produrre un milione di tonnellate di olio d'oliva ogni anno quando gli alberi maturano. (Foto: Acesur)

Acesur, uno dei maggiori produttori e imbottigliatori di olio d'oliva al mondo, ha continuato la sua presenza negli Stati Uniti acquistando 356 ettari in California.

Lo ha detto Carlos Yagüe Benjumea, responsabile della comunicazione dell'aziendo olive oil Times che l'azienda spagnola fondata più di 150 anni fa aveva piantato 450,000 alberi di Arbosana, Arbequina, Lecciana e Sikitita che dovrebbero entrare in produzione prima del raccolto del 2027.

L'oliveto si trova a Woodland, in California, una delle regioni olivicole più significative dello stato, appena ad ovest di Sacramento.

Vedi anche:Cauto ottimismo mentre inizia la raccolta delle olive in California

"Speriamo di ottenere circa cinque milioni di chilogrammi di olive, che con una resa media del 20% ci porterebbero a un milione di litri ", ha affermato Yagüe Benjumea.

L'azienda prevede di molire le olive con un partner locale e di vendere il ricavato olio extravergine d'oliva negli Stati Uniti.

"Acesur sarebbe in grado di portare sul mercato un olio extra vergine di oliva di origine californiana, che il consumatore locale apprezza molto poiché il Paese è in grado di produrre solo il -% dell'olio di oliva che consuma, essendo il principale consumatore al di fuori dell'Europa Unione”, ha detto Yagüe Benjumea.

Ha descritto l'acquisto e l'impianto come la prima fase di un progetto per espandere la presenza dell'azienda negli Stati Uniti.

L'anno scorso, Acesur ha aperto il suo primo centro di imbottigliamento e distribuzione nel Suffolk, Virginia, circa dieci anni dopo l'apertura del suo primo ufficio commerciale a New York City.

"Nella seconda fase, [espanderemo] il nostro uliveto e acquisiremo il nostro frantoio e il nostro impianto di confezionamento ", ha affermato Yagüe Benjumea.

Ha aggiunto che la decisione di espandere la propria presenza negli Stati Uniti arriva dopo che la società ha registrato una forte crescita per Acesur North America, che ha superato i 100 milioni di dollari (92 milioni di euro) di fatturato, insieme ad un aumento del 15% delle vendite in Nord America.

Secondo l'amministratore delegato Gonzalo Guillen, espandere la capacità di Acesur di produrre olio d'oliva in alcuni dei suoi mercati più importanti fa parte del suo piano strategico più ampio.

"Acesur è immersa in un grande piano strategico che cerca di crescere nella sua integrazione verticale... e nella crescente internazionalizzazione delle sue attività", ha detto Olive Oil Times. "Stiamo quindi investendo nell'espansione della nostra capacità produttiva, aggiungendo più ettari di moderni uliveti di nostra proprietà o gestiti da noi stessi.


Condividi questo articolo

pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati