La nuova cooperativa di olivicoltori di Malta cerca di professionalizzare il settore storico

In vista di un raccolto eccezionale, la cooperativa mira a trasformare il settore millenario attraverso investimenti, istruzione e turismo.

Selezione delle olive in uno dei frantoi in fase di modernizzazione di Malta
Di Daniel Dawson
31 agosto 2023 17:08 UTC
704
Selezione delle olive in uno dei frantoi in fase di modernizzazione di Malta

Nonostante l'ondata di caldo di luglio e l'estate secca, Jimmy Magro è fiducioso che l'arrivo Anno del raccolto 2023/24 sarà un momento di svolta per il settore dell'olio d'oliva di Malta.

"L'ultima pioggia che abbiamo avuto è stata ad aprile, ma sarà un buon raccolto", ha affermato il neo-presidente di Malta. Cooperativa di olivicoltori detto Olive Oil Times.

Citando le stime del ministero nazionale dell'agricoltura, Magro ha affermato che si prevede che Malta produrrà 60,000 chilogrammi di olive da 130 ettari di uliveti nella prossima campagna agricola.

Vedi anche:Le persone qui usano più olio d'oliva che altrove nel mondo

Malta è un piccolo arcipelago del Mediterraneo composto da tre isole principali e molte minori a circa 90 chilometri a sud della Sicilia e 300 chilometri a est della Tunisia.

Gli ulivi crescono a Malta da oltre 1,000 anni, fiorendo sotto i Fenici e dominio romano. Tuttavia, nel IX secolo, i conquistatori arabi sostituirono gli ulivi con piante di cotoneth secolo d.C. Il cotone fu successivamente sostituito dai pascoli per le pecore sotto il dominio britannico.

Magro spera che il raccolto eccezionale e la fondazione della Cooperativa degli olivicoltori, che conta già 50 membri, rivitalizzeranno il raccolto storico dell'isola. "Gli olivicoltori devono aderire alla cooperativa ", ha affermato. "Dobbiamo riorganizzare il settore”.

Molti produttori a Malta sono coltivatori su piccola scala che coltivano olive part-time e lavorano a tempo pieno in settori separati. Tuttavia, Magro ha affermato che sull'isola c'è un crescente interesse per la produzione di olio d'oliva, con alcuni nuovi entranti che convertono vecchi vigneti in uliveti e piantano nuovi ulivi su terreni vuoti.

Ha fondato la cooperativa nell'ottobre 2022 per professionalizzare il settore. A causa delle sue dimensioni ridotte, ritiene che concentrarsi sulla qualità e trovare basi di clienti di nicchia sia il modo migliore per far prosperare la produzione di olio d'oliva.

produzione-impresa-europa-olio-d'oliva-tempi

La cooperativa di olivicoltori di Malta incoraggia gli agricoltori a piantare più ulivi.

Secondo il Consiglio oleicolo internazionale, Malta, che ospita circa 520,000 persone, consuma circa 1,000 tonnellate di olio d'oliva ogni anno. Di conseguenza, la ricerca di nuovi partner commerciali e di marketing rappresenta la principale sfida a lungo termine del settore. "Possiamo trovare un nuovo segmento di mercato”, ha affermato Magro.

Ha aggiunto che educare gli agricoltori sulle migliori pratiche agricole e migliorare l'infrastruttura della catena di produzione dell'olio d'oliva sono i due fattori critici per il successo del settore.

Magro crede fermamente che la conversione agli oliveti biologici sia una delle migliori pratiche che i produttori maltesi devono adottare. "Vediamo un tendenza molto forte in quella direzione. "

Il ministero è in procinto di creare un frantoio dedicato alla produzione di olio d'oliva biologico, con il quale Magro ha affermato che la cooperativa sarebbe probabilmente coinvolta.

La cooperativa sta inoltre collaborando con il governo nazionale e Unaprol, l'associazione nazionale dei produttori di olio d'oliva in Italia, per insegnare ai coltivatori le migliori pratiche di potatura, fertilizzazione, gestione dei parassiti e raccolta.

Magro ha affermato che questi servizi verranno forniti come servizi di estensione agricola, consentendo agli agricoltori di incontrare personalmente consulenti esperti nei loro oliveti per ricevere una formazione pratica.

Ha inoltre discusso della necessità che i mugnai esistenti nel paese investano nei loro frantoi aumentando la capacità di stoccaggio e migliorando le attrezzature di imbottigliamento.

produzione-impresa-europa-olio-d'oliva-tempi

Jimmy Magro ha fondato la Cooperativa Olivicoltori nell'ottobre 2022.

Si prevede inoltre di aumentare l’efficienza attraverso la digitalizzazione. Magro vuole consentire ai coltivatori di connettersi digitalmente con i frantoiani durante la raccolta per programmare i tempi di consegna delle olive e di ritiro dell'olio d'oliva, semplificando un processo a volte disordinato.

"Questo è molto importante per mantenere la qualità. A volte, i frantoiani vengono invasi da grandi quantità di olive contemporaneamente ", ha detto. "Sarebbe come prenotare una camera d’albergo per gli olivicoltori”.

pubblicità
pubblicità

Mentre le varietà tradizionali italiane, tra cui Frantoio, Leccino, Carolea e Pendolino, costituiscono la maggior parte degli uliveti del paese, un terzo è costituito da varietà autoctone: Maltija, Bidnija, Bajda e diverse varietà selvatiche.

Secondo una ricerca dell'Università di Malta, la cultivar Maltija è la più popolare tra i coltivatori locali per il suo alto livello di produttività, mentre la cultivar Bajda è più caratteristica con le sue drupe bianche.

Si ritiene invece che la cultivar Bidnija sia la più antica, con prove che la varietà fu piantata in epoca romana. La varietà di olivo si adatta bene anche alla siccità e ha un alto contenuto di polifenoli.

Da parte sua, ha detto Magro olio extravergine d'oliva prodotto con varietà autoctone, ha qualità organolettiche distintive dovute alla combinazione del clima e della topografia unici di Malta. Secondo Magro le condizioni climatiche a Malta sono simili a quelle della Tunisia.

Di conseguenza, la cooperativa ha redatto i documenti per richiedere le certificazioni di Denominazione di Origine Protetta o di Indicazione Geografica Protetta da parte dell'Unione Europea. Malta ha tre certificazioni DOP registrate per i vini e ne ha richiesta una per il formaggio Ġbejna tan-nagħaġ Belg.

produzione-impresa-europa-olio-d'oliva-tempi

Magro ha affermato che il settore prevede di godere di una resa abbondante nella campagna agricola 2023/24.

Magro ha affermato che la cooperativa lavora a stretto contatto con il governo nazionale sulle domande di DOP e IGP. Insieme a questi sforzi, Magro vuole collaborare ulteriormente con le autorità locali per sviluppare una cultura dell'olio extra vergine di oliva a Malta, a partire dai suoi abitanti più giovani.

"Vogliamo avere un programma che coinvolga anche i bambini in età scolare, a cui già viene dato il latte gratis ricevi olio extra vergine di oliva in omaggio due volte a settimana”, ha detto. "Non sarà molto costoso e, se iniziamo fin dalla giovane età, insegnando ai bambini l'olio extra vergine di oliva e l'olivo, acquisiranno familiarità con il prodotto e, si spera, diventeranno futuri consumatori.

L'obiettivo finale di Magro è integrare il settore dell'olio d'oliva con il resto della società maltese. Di conseguenza, la cooperativa prevede di ospitare e partecipare a vari eventi che precedono la raccolta.

A settembre visiteranno le feste locali di Zejtun (dalla parola araba per olio d'oliva) e Zebbug (che significa oliva) per promuovere l'olio d'oliva locale. Il 26 novembre la cooperativa organizzerà inoltre un evento incentrato sul miglioramento della qualità della produzione e sull'implementazione delle pratiche di agricoltura biologicath celebrare Giornata mondiale delle olive.

Magro cerca anche di integrare la produzione di olio d'oliva maltese e il turismo, uno dei principali motori economici del paese.

"Stiamo esaminando la possibilità di istituire una qualche forma di cooperazione per introdurre il turismo dell'olio d'oliva a Malta ", ha affermato. "Abbiamo un numero molto elevato di turisti in arrivo”.

Magro ha aggiunto che l'oleoturismo porterebbe probabilmente ad un aumento delle vendite di olio d'oliva ai turisti. Quasi 2.3 milioni di turisti hanno visitato Malta nel 2022, contribuendo con 2.2 miliardi di euro all’economia locale.

"Vogliamo che i visitatori vivano un'esperienza speciale visitando l'oliveto, imparando a conoscere la coltivazione dell'olivo a Malta e degustando il nostro olio extra vergine di oliva ", ha concluso.



Condividi questo articolo

pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati