Gli olivicoltori della California si rivolgono agli uccelli per il controllo naturale dei parassiti

Gli olivicoltori stanno incrementando le popolazioni di uccelli e la biodiversità creando e preservando habitat favorevoli agli uccelli per aiutare a controllare i parassiti.

Falco dalla coda rossa (Buteo jamaicensis)
Di Thomas Sechehaye
3 ottobre 2023 13:49 UTC
2487
Falco dalla coda rossa (Buteo jamaicensis)

Dal lancio della gestione sostenibile dei parassiti in California tabella di marcia a gennaio, agricoltori e funzionari di tutto il Golden State hanno lavorato per controllare i parassiti senza interventi chimici dannosi.

Gli agricoltori lo stanno facendo negli uliveti dello stato creando diverse abitudini per attirare specie di uccelli benefici.

Gli studi dimostrano che i frutti delle olive mangiati dagli uccelli contenevano principalmente larve, suggerendo che gli uccelli non danneggiano la produzione.- Jo Ann Baumgartner, direttore esecutivo, Wild Farm Alliance

"Gli studi dimostrano che gli uccelli si nutrono di una varietà di colture, comprese le olive ", ha detto Jo Ann Baumgartner, direttore esecutivo della Wild Farm Alliance Olive Oil Times. "La cosa più efficace che un agricoltore può fare per aumentare il controllo dei parassiti aviari è aggiungere habitat diversificati all’azienda agricola”.

"Ciò può avvenire sotto forma di specie vegetali autoctone e di nidi per diversificare la comunità di uccelli”, ha aggiunto. "Più specie di uccelli sono presenti, maggiore sarà il controllo dei parassiti”.

Vedi anche:I coltivatori biologici si affidano a metodi tradizionali e naturali per combattere le mosche

Lo ha detto Liz Tagami, direttore generale di Lucero Olive Oil Olive Oil Times che incoraggiare habitat favorevoli agli uccelli aiuta a promuovere un ecosistema olistico e offre una serie di vantaggi agli olivicoltori.

"Guadagniamo disinfestanti naturali con insettivori come le cince in primavera o i cardellini e i giunchi in autunno”, ha detto. "Questi uccellini agiscono come fertilizzanti mobili perché i loro escrementi apportano azoto e fosforo, migliorare la salute del suolo senza input petrolchimici”.

Situato a Corning, in California, Tagami ha affermato che gli alberi autoctoni, tra cui la quercia matura della valle, dividono i blocchi principali di uliveti e forniscono habitat per rapaci più grandi, che aiutano a mantenere un ecosistema equilibrato.

"Durante il giorno vediamo abitualmente i falchi di Cooper e i falchi dalla coda rossa insieme ai gheppi che cacciano scoiattoli di terra e altri roditori: piccoli parassiti che possono devastare i sistemi di irrigazione e le radici degli alberi", ha detto Tagami.

attività-produttiva-nord-america-california-coltivatori-di-olivo-si-rivolgono-a-birds-per-il-controllo-naturale-dei-parassiti-olive-oil-times

gheppio americano

Dal 2000, la Wild Farm Alliance collabora con gli agricoltori per ottenere un’agricoltura sana e vitale che protegga e ripristini la natura selvaggia. L’alleanza raccomanda varie strategie agli agricoltori che vogliono incoraggiare gli uccelli come alleati nel controllo dei parassiti, inclusa l’aggiunta di trespoli e siti di nidificazione.

"Che si tratti di pali artificiali, ostacoli, alberi perenni e arbusti o piante annuali ad alto fusto, tutti questi possono servire come trespoli di caccia per grandi rapaci e piccoli uccelli", ha affermato Baumgartner. "Posizionando cassette nido e mensole per nidificare e consentendo agli uccelli di nidificare nei fienili sotto le grondaie o sul terreno, si fornisce loro i siti di nidificazione che cercano per allevare i loro piccoli.

Gli uccelli aiutano ridurre la mosca dell'olivo in due fasi: larve nel frutto e pupe sul terreno. "Gli studi dimostrano che i frutti delle olive mangiati dagli uccelli contenevano per lo più larve, suggerendo che gli uccelli non danneggiano la produzione ", ha affermato Baumgartner.

"Gli uccelli hanno consumato dal 65 al 71% delle pupe nel terreno e le formiche hanno attaccato la maggior parte del resto”, ha aggiunto. "Inoltre, gli uccelli erano uno dei tanti importanti predatori delle pupe della mosca delle olive insieme a formiche, scarafaggi e millepiedi.

Vedi anche:Formare i giovani agricoltori sulle pratiche climaticamente intelligenti in California

I produttori di olive possono creare habitat favorevoli agli uccelli come parte di un approccio olistico alla gestione integrata dei parassiti. "Riservare ulteriore superficie lungo i perimetri alle piante autoctone che sostengono uccelli e insetti è una componente chiave in un sistema completo”, ha affermato Tagami.

Le siepi autoctone sono sempre più popolari. "Ciò può essere realizzato con a 'siepe impollinatrice" di erbe perenni autoctone, arbusti e piccoli alberi densamente piantati - non oleandri, nonostante la sua ubiquità in California", ha detto Tagami. "L’oleandro è una specie non autoctona e invasiva, tossica per uccelli e animali”.

"Oltre a una siepe di impollinatori autoctoni, le aree senza alberi maturi adiacenti alla proprietà sono ben servite per installare cassette per gufi; adotteremo entrambe le strategie in un frutteto più piccolo che verrà piantato la prossima primavera", ha aggiunto.

Baumgartner ha sottolineato quattro migliori pratiche per sostenere gli uccelli benefici negli allevamenti di olivi della California: potatura e raccolta accurate, aggiunta di habitat nativo, rimozione di specie invasive e fornitura di acqua.

Vedi anche:L'agricoltura intensiva è responsabile del declino della popolazione di uccelli in Spagna

"Le specie di uccelli autoctoni si sono evolute per utilizzare piante autoctone. Gli uccelli hanno adattato i loro modelli migratori, le stagioni riproduttive, il comportamento e la morfologia per adattarsi al meglio al paesaggio in cui si sono evoluti”, ha affermato Baumgartner. "Un buon modo per limitare le specie invasive e allo stesso tempo aiutare le popolazioni di uccelli autoctoni è monitorare regolarmente le introduzioni e gestirle immediatamente prima che si diffondano».

In termini di fornitura di acqua, gli uccelli e la fauna selvatica hanno bisogno di acqua tutto l’anno per sopravvivere. Varie fonti d'acqua attirano una varietà di uccelli, offrendo loro un posto dove bere, nutrirsi e riprodursi.

pubblicità
pubblicità

"Le persone tendono a pensare agli uccelli come parassiti o come benefici, ma spesso non è così semplice", ha detto Baumgartner. "La stagione, il ciclo di vita di un uccello e le fonti di cibo disponibili determineranno se un uccello fornirà servizi di controllo dei parassiti o danneggerà un raccolto”.

"La maggior parte degli uccelli canori è utile durante la stagione della nidificazione poiché nutre i loro famelici nidiacei con insetti parassiti, e molti di questi uccelli canori continueranno a mangiare insetti durante tutto l’anno”, ha aggiunto.

"La maggior parte degli onnivori, tuttavia, passerà a una dieta a base vegetale in autunno. Gli onnivori che si riuniscono in grandi stormi (si pensi ai merli e agli storni) diventeranno un fastidio poiché mangeranno frutta o noci prima del raccolto”, ha continuato Baumgartner.

"Se è possibile gestire la finestra temporale dei danni, è possibile mantenere il beneficio complessivo per il raccolto”, ha affermato. "Un altro aspetto da tenere a mente è che gli uccelli non solo mangiano direttamente gli insetti, ma puliscono anche i frutti e le noci delle mummie che potrebbero ospitare insetti parassiti e malattie durante lo svernamento. Ciò risparmierà agli agricoltori la rimozione di frutta e noci mummificate dopo la raccolta”.

La gestione integrata dei parassiti è parte di un quadro più ampio di pratiche agricole rigenerative e resilienti.

"Le persone che non fanno parte delle operazioni quotidiane tendono a dimenticare che l’IPM e le pratiche rigenerative sono dinamiche”, ha affermato Tagami. "Ogni proprietà è unica e le strategie devono essere implementate, monitorate e adattate per garantire il raggiungimento degli obiettivi”.

"La perdita di biodiversità dovuta alla perdita di habitat – sia attraverso lo sviluppo commerciale, la diffusione di specie vegetali non autoctone o le crisi climatiche in rapido movimento – presenta un puzzle complesso e interconnesso”, ha concluso. "È nell’interesse dell’agricoltore costruire questi sistemi resilienti e sostenibili, e farlo richiede tempo”.



Condividi questo articolo

pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati