1494

Saluto

I ricercatori utilizzano l'intelligenza artificiale per identificare i composti dell'olio d'oliva che influenzano l'Alzheimer

Utilizzando un algoritmo di apprendimento automatico, i ricercatori hanno identificato dieci composti nell'olio extravergine di oliva che agiscono come trattamenti farmaceutici per la demenza.
Immagine generata dall'intelligenza artificiale
Di Paolo DeAndreis
13 settembre 2023 13:08 UTC

Una nuova ricerca ha identificato composti chimici in olio extravergine d'oliva che potrebbe aiutare a prevenire e curare Il morbo di Alzheimer, la forma più comune di demenza, utilizzando algoritmi di machine learning di rete.

Nel studio pubblicato su Human Genomics, il gruppo di ricerca internazionale ha identificato dieci sostanze fitochimiche che sembrano agire in modo simile ad agenti farmaceutici noti contro l’accumulo di placche nel cervello.

L'accumulo anomalo di proteine ​​all'interno e attorno al cervello è una delle principali caratteristiche della malattia di Alzheimer. Una ricerca separata prevede il i tassi di demenza triplicheranno entro il 2050 a causa del crescente numero di anziani e delle scelte alimentari e di stile di vita che accelerano la malattia.

Vedi anche:Saluti Notizia

I ricercatori della Yale School of Public Salute, dell’Imperial College di Londra e dell’Università di Atene hanno affermato che questi composti potrebbero essere oggetto di futuri studi clinici.

"Il nostro studio, che integra intelligenza artificiale, chimica analitica e studi omici in un quadro unico, fornisce nuove prospettive su come l'olio extra vergine di oliva potrebbe contribuire alla prevenzione e/o al trattamento del morbo di Alzheimer ", ha affermato Vasilis Vasiliou, presidente della Yale School del dipartimento di scienze della salute ambientale della Salute Pubblica.

Nello studio, i ricercatori hanno inizialmente identificato 67 sostanze chimiche bioattive nell'olio extra vergine di oliva che potrebbero potenzialmente rallentare le cause e mitigare i sintomi della malattia di Alzheimer.

Utilizzando l’algoritmo di apprendimento automatico, hanno simulato il modo in cui i composti potrebbero interrompere l’accumulo di placca associata alla malattia.

I ricercatori hanno affermato che lo studio è unico perché utilizza uno strumento di apprendimento automatico su misura per elaborare le strutture di rete comuni nei dati biologici.

Delle dieci sostanze fitochimiche identificate nello studio: quercetina, genisteina, luteolina, palmitoleato, acido stearico, apigenina, epicatechina, canferolo, squalene e daidzeina: i ricercatori hanno stabilito che la quercetina aveva la più alta probabilità di agire in modo simile agli attuali farmaci contro il morbo di Alzheimer.

Precedenti ricerche avevano dimostrato che la quercitina potrebbe inibire l’accumulo di beta-amiloide, la proteina maggiormente associata alla malattia. Studi separati hanno anche scoperto che la quercitina può mitigare gli impatti dello stress ossidativo, che svolge un ruolo significativo nella progressione delle malattie neurodegenerative.

Sebbene i ricercatori ritengano che questi risultati siano molto rilevanti per evidenziare il benefici per la salute dell'olio extra vergine di oliva, hanno riconosciuto i limiti dello studio.

I ricercatori hanno affermato che l'algoritmo ha identificato solo i composti chimici dell'olio extravergine di oliva che sembrano avere un impatto sullo sviluppo delle proteine, ma non è stato in grado di valutarne l'efficacia.

Inoltre, l'algoritmo è stato addestrato solo utilizzando farmaci per l'Alzheimer approvati negli Stati Uniti, il che significa che altre sostanze chimiche potenzialmente efficaci nell'olio extravergine di oliva potrebbero non essere identificate.

"È solo attraverso la conduzione di tali studi che l’utilità predittiva del nostro approccio di apprendimento automatico sarà convalidata”, hanno scritto gli autori.

"Mentre i risultati del presente studio fanno luce su come l'olio extravergine di oliva può aiutare a curare o prevenire la malattia di Alzheimer, lo stesso approccio può essere applicato per identificare le sostanze fitochimiche dell'olio extravergine di oliva (o altri costituenti alimentari) che trattano altre malattie, come la demenza. , ipertensione o dislipidemia”, hanno concluso.



pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati