`Studio: Aderenza alla dieta medica legata all'infiammazione dell'intestino inferiore - Olive Oil Times

Studio: aderenza alla dieta medica legata all'infiammazione intestinale inferiore

Ottobre 12, 2022
Daniel Dawson

Notizie recenti

Ricercatori in Canada dimostrato che seguendo un programma alimentare simile al Dieta mediterranea è stato associato a una migliore composizione del microbioma e a un'infiammazione intestinale inferiore.

Il morbo di Crohn è una malattia infiammatoria intestinale che provoca gonfiore dei tessuti nel tratto digestivo e spesso porta a dolore addominale e malnutrizione. Sebbene le sue cause siano sconosciute, studi precedenti suggeriscono che la dieta è un importante contributo al rischio di malattia di Crohn.

Questo studio suggerisce che un intervento per prevenire l'insorgenza della malattia dovrebbe prendere in considerazione il microbioma di base, nonché una determinata dieta, che può essere utile solo a seconda della presenza di un determinato profilo del microbioma.- Williams Turpin, ricercatore, Mount Sinai Hospital Toronto

Altri studi hanno dimostrato che i pazienti con malattia di Crohn hanno anche diverse composizioni microbiche rispetto alle persone sane, il che ha portato i ricercatori a ipotizzare che i due siano collegati.

Per testare l'ipotesi, i ricercatori hanno raccolto campioni di feci da 2,289 parenti sani di primo grado di pazienti con malattia di Crohn e hanno chiesto loro di compilare questionari convalidati sulla frequenza del cibo chiedendo informazioni sulla loro dieta nell'anno precedente.

Vedi anche:Health News

I ricercatori hanno identificato tre cluster di composizione dietetica e microbica sulla base della loro analisi. Uno dei gruppi assomigliava alla dieta mediterranea, uno assomigliava a una dieta occidentale e l'ultimo gruppo alimentare era un ibrido.

I ricercatori hanno scoperto che le persone che seguono un modello alimentare simile a MedDiet avevano generalmente una composizione microbica con un'abbondanza di batteri che degradano le fibre - Ruminococcus e Faecalibacterium - e livelli significativamente più bassi di infiammazione intestinale.

pubblicità

"Ciò è probabilmente dovuto alla maggiore quantità di fibre associata a un maggiore consumo di verdure a foglia, cereali e altri alimenti ricchi di fibre [nella MedDiet]", Williams Turpin, ricercatore presso il Mount Sinai Hospital di Toronto e autore principale dello studio , detto Olive Oil Times.

"In questo ambiente, i microbi in grado di degradare le fibre (che non vengono digerite dall'ospite) hanno un vantaggio ecologico, che può promuovere la loro abbondanza negli esseri umani che consumano cibi più ricchi di fibre", ha aggiunto.

Non c'erano prove che suggerissero che il consumo di un singolo alimento portasse direttamente a un microbioma più diversificato. Tuttavia, ha detto Turpin, "l'olio d'oliva ha mostrato una tendenza verso una maggiore diversità del microbioma ", ma "una debole associazione con una minore infiammazione nella direzione prevista.

Nonostante l'oscurità tra i collegamenti dei singoli alimenti alla diversità del microbioma intestinale e all'infiammazione subclinica, i collegamenti con i modelli dietetici a lungo termine sono più evidenti.

"Il nostro studio ha dimostrato che il livello più basso di infiammazione subclinica potrebbe essere correlato sia al modello dietetico che al microbioma associato", ha affermato Turpin. "Questa conclusione è supportata da un'analisi di inferenza causale che dimostra che il 47% delle proprietà antinfiammatorie della dieta mediterranea erano guidate dal microbioma".

"Ciò significa anche che una dieta di tipo mediterraneo ha un effetto diretto sull'infiammazione subclinica (53%)", ha aggiunto. "Riteniamo che un microbioma in grado di degradare la fibra possa produrre in vivo acidi grassi benefici a catena corta, noti per le loro proprietà antinfiammatorie”.

Turpin ha affermato che i risultati dello studio potrebbero aiutare a guidare le future strategie dietetiche che influenzano la composizione microbica e l'infiammazione intestinale dell'ospite per prevenire le malattie.

"Questo studio suggerisce che un intervento per prevenire l'insorgenza della malattia dovrebbe prendere in considerazione il microbioma di base, nonché una determinata dieta, che può essere utile solo a seconda della presenza di un determinato profilo del microbioma", ha affermato.

"Ciò è particolarmente vero poiché questo studio ha identificato che alcuni batteri contribuiscono al potenziale antinfiammatorio di una dieta mediterranea", ha aggiunto Turpin.

I risultati di questo studio integrano quelli di uno studio del 2020 che ha rilevato pazienti affetti dal morbo di Crohn che hanno seguito una dieta mediterranea, compreso l'olio d'oliva, per sei mesi visto le loro condizioni migliorare.

Invece di concentrarsi sui microbiomi intestinali, i ricercatori hanno studiato la relazione tra peso e malattia. I pazienti obesi con malattia di Crohn che seguivano la dieta mediterranea hanno visto il loro indice di massa corporea diminuire insieme al verificarsi dei loro sintomi.


Advertisement

pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti