La produzione tunisina di olio d'oliva scende al 23% al di sotto della media quinquennale

Al calo produttivo sono state attribuite scarse precipitazioni invernali e primaverili, frequenti ondate di caldo e l'incessante siccità.

Di Daniel Dawson
12 ottobre 2022 12:52 UTC
921

Produzione di olio d'oliva in Tunisia si prevede che raggiungerà le 200,000 tonnellate nella campagna 2022/23, una diminuzione del 15 percento rispetto allo scorso anno, secondo il National Olive Oil Board del paese.

L'anno scorso, la Tunisia ha prodotto 240,000 tonnellate di olio d'oliva, secondo il Consiglio oleicolo internazionale. Negli ultimi cinquant'anni, il paese nordafricano ha prodotto una media di 257,000 tonnellate all'anno.

Funzionari dell'Osservatorio nazionale dell'agricoltura (Onagri) hanno accusato la mancanza di precipitazioni nella Tunisia centrale e meridionale, la siccità, le ondate di caldo e molti produttori che sono entrati in un 'fuori anno' nel ciclo naturale di fruttificazione alternata dell'olivo per la diminuzione della produzione.

Vedi anche:L'aumento dei prezzi espone un potenziale non sfruttato per le esportazioni tunisine

Tuttavia, i cali di produzione non sono stati vissuti in modo uniforme nelle principali regioni olivicole del paese. Mentre la maggior parte ha subito un calo della produzione, molti hanno goduto di raccolti eccezionali.

Quest'anno gli olivicoltori di Sfax attenderti per raccogliere circa 70,000 tonnellate di olive, nettamente al di sotto della media degli anni precedenti.

Nel frattempo, a Monastir, funzionari anticipare la raccolta delle olive sarà inferiore del 65% rispetto allo scorso anno. I produttori della piccola regione costiera del paese situata a nord di Sfax raccoglieranno 20,000 tonnellate di olive che produrranno 4,000 tonnellate di olio d'oliva.

Mounira Gharbi Sahloul, un funzionario del Commissariato regionale per lo sviluppo agricolo, ha accusato la mancanza di piogge in inverno e in primavera per il netto calo.

Come gran parte del resto del bacino del Mediterraneo, anche la Tunisia sta attraversando una grave siccità. Secondo Onagri, i serbatoi hanno una capacità del 33% a livello nazionale.

In alcune delle più grandi regioni produttrici di olive nel centro del paese, questa cifra scende a poco meno del 21%. La capacità del bacino idrico nel nord è leggermente superiore a quasi il 43%.

Nella Tunisia occidentale, olivicoltori di Gafsa attenderti per raccogliere circa 50,000 tonnellate di olive, che trasformerebbero in 12,000 tonnellate di olio d'oliva, per il secondo anno consecutivo.

Tuttavia, Abdel-Sattar Ghabtan, funzionario del Commissariato regionale per lo sviluppo agricolo, ha affermato che la raccolta sarebbe iniziata più tardi del solito a causa della mancanza di pioggia.

Intanto i coltivatori di Gabès, a sud di Sfax, anticipare un forte aumento, con una produzione che sale a 60,000 tonnellate di olive rispetto alle 31,500 tonnellate dell'anno scorso.

A Sidi Bouzid, direttamente a ovest di Sfax, anche i produttori attenderti un raccolto eccezionale. I coltivatori stimano che la produzione di olive supererà le 190,000 tonnellate quest'anno, con un aumento di 40,000 tonnellate rispetto allo scorso anno.

Nel nord-est della Tunisia, lo hanno affermato i funzionari della regione di Nabeul raccoglierà 58,000 tonnellate di olive quest'anno, un aumento del 4 per cento rispetto allo scorso anno.

Nella Tunisia centro-settentrionale, i produttori di La Manouba anticipare la raccolta delle olive di quest'anno diminuirà del 13 percento rispetto allo scorso anno. La piccola regione produrrà 8,700 tonnellate di olive, che dovrebbero produrre 1,750 tonnellate di olio d'oliva.

Appena a nord, a Bizerete, i produttori ce l'hanno previsto anche un raccolto più piccolo e prevede di raccogliere 18,000 tonnellate di olive, che dovrebbero produrre 3,600 tonnellate di olio d'oliva. L'anno scorso, la regione prodotto 24,000 tonnellate di olive.



Condividi questo articolo

pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati