Le aziende agricole soggette a vincoli naturali svolgono un ruolo chiave nell'agricoltura europea

Le aziende agricole che affrontano sfide naturali sono meno redditizie di quelle convenzionali, ma svolgono un ruolo fondamentale nella conservazione della biodiversità e del paesaggio.

Cinque Terre, Italia
Di Paolo DeAndreis
15 agosto 2023 17:09 UTC
294
Cinque Terre, Italia

Una parte significativa del Politica agricola comune (PAC) nell'Unione europea andranno nei prossimi anni agli agricoltori che operano in aree svantaggiate.

Tra questi ci sono tutte le aziende agricole che affrontano vincoli naturali come pendii ripidi, regioni aride o aree soggette a condizioni meteorologiche estreme. Possono beneficiare di questi fondi gli olivicoltori e i viticoltori di molte regioni.

Secondo un rapporto pubblicato dalla direzione generale dell'Agricoltura dell'UE, 18.7 miliardi di euro saranno destinati agli agricoltori nell'attuale PAC, che va dal 2023 al 2027.

Vedi anche:Promuovere la biodiversità e migliorare la salute del suolo sono fondamentali per affrontare la crisi idrica globale

L'Unione europea stima che le aziende agricole soggette a vincoli naturali coprano 47 milioni di ettari di terreno agricolo.

I soldi della PAC rappresentano il 17 per cento di tutti i finanziamenti dedicati allo sviluppo rurale e il 6 per cento dei fondi previsti dai piani strategici nazionali che attuano la PAC in ogni paese.

Per la prima volta nell'Unione europea, gli esperti hanno confrontato le prestazioni delle aziende agricole soggette a vincoli naturali rispetto a quelle convenzionali.

Hanno scoperto che anche se sostenute dai fondi della PAC, le aziende agricole soggette a vincoli naturali forniscono il 20.4% in meno di reddito agli agricoltori nelle zone montuose e il 26.5% in meno in altre regioni estreme.

Sebbene le aziende agricole soggette a vincoli naturali forniscano rese inferiori, la loro attività si è rivelata in media meno dannosa per l'ambiente, con una porzione più significativa della loro terra a beneficio della biodiversità.

La significativa presenza di prati e terreni incolti nelle aziende soggette a vincoli naturali ha ridotto il rischio di erosione e sostenuto la salute del suolo contribuendo anche alla conservazione del paesaggio.

L'uso diffuso delle leguminose per migliorare la fertilità del suolo riduce la necessità di fertilizzanti sintetici.

I dati mostrano anche che le aziende agricole soggette a vincoli naturali utilizzano meno fertilizzanti e pesticidi. Nelle zone montuose, il volume di tali prodotti è ridotto del 55% rispetto alle aziende agricole convenzionali.

Quando si considerano solo le colture permanenti, i prodotti per la protezione delle colture vengono utilizzati il ​​56% in meno rispetto alle aziende agricole convenzionali.

Le aree agricole estreme, come i numerosi pendii ripidi dove lavorano gli olivicoltori in tutto il Mediterraneo, sono considerate dagli esperti altamente sensibili alla crisi climatica in corso.

"Per la maggior parte delle aree mediterranee, prevede il Panel intergovernativo sui cambiamenti climatici danni significativi causati dal cambiamento climatico che nei prossimi decenni potrebbe diventare disastrosa", ha detto Primo Proietti, professore di scienze agrarie e ambientali all'Università di Perugia, Italia Olive Oil Times.

"La produzione agricola potrebbe subire perdite sostanziali e anche la qualità del prodotto potrebbe diminuire in modo significativo a causa di temperature estreme, precipitazioni e inondazioni imprevedibili e, per di più, siccità”, ha spiegato Proietti.

"Il cambiamento climatico tenderà anche ad aumentare gli agenti patogeni, i parassiti e le erbe infestanti destinati ad avere un impatto sul volume e sulla qualità della produzione", ha aggiunto.

Secondo Bruxelles, l'abbandono di terreni agricoli ricchi di biodiversità nelle aziende agricole soggette a vincoli naturali e la fine delle attività agricole potrebbe facilmente portare a un ulteriore deterioramento dello stato ecologico di tali aree.

"Consentire alle aziende agricole soggette a vincoli naturali di uscire dalla produzione comporterebbe probabilmente un problema generale diminuzione della produzione alimentare nell'UE e una conseguente intensificazione in terreni agricoli già intensamente gestiti. Pertanto, il sostegno al reddito della PAC è fondamentale”, conclude l'introduzione del rapporto.



Condividi questo articolo

pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati