Il 2021 ha visto un numero record di alberi distrutti

La maggior parte della deforestazione è avvenuta in Brasile e nella Repubblica Democratica del Congo. Tuttavia, l'aumento della deforestazione nell'Artico a causa degli allarmi sui cambiamenti climatici mette in allarme gli esperti.
Può. 10, 2022
Ephantus Mukundi

Notizie recenti

La distruzione diffusa delle foreste pluviali è continuata senza sosta nel 2021 nonostante il accordo alla COP26 porre fine alla deforestazione entro il 2030 e i leader mondiali si impegnano più di 16.4 miliardi di euro a tali sforzi.

La continua deforestazione, concentrata principalmente in Africa, Sud America e Sud-est asiatico, ha comportato la perdita di biodiversità e l'emissione di 2.5 miliardi di tonnellate di anidride carbonica, pari alle emissioni annuali di CO2 dell'India. L'India è attualmente il terzo produttore mondiale di emissioni di CO2 dopo Cina e Stati Uniti.

Il riscaldamento globale sta generalmente avvenendo più velocemente man mano che ci si avvicina ai poli... quindi stiamo assistendo a incendi che bruciano più frequentemente, più intensamente e in modo più ampio di quanto non accadrebbero mai in condizioni normali.- Rod Taylor, direttore globale del programma forestale, World Resources Institute

Secondo la nuova rapporto dal Global Forest Watch e dall'Università del Maryland, la distruzione è più acuta nel bacino del Congo e nel Amazzonia brasiliana. In totale, i tropici hanno perso 11.1 milioni di ettari di copertura arborea nel 2021.

Di notevole preoccupazione è stata la perdita di 3.75 milioni di ettari di foreste pluviali tropicali primarie, che sono molto apprezzate per il sequestro del carbonio e prevenire la perdita di biodiversità.

Vedi anche:Gli alberi secolari sono la chiave per foreste sane, affermano gli scienziati

Mentre la maggior parte del rapporto si concentrava sulle foreste pluviali tropicali nella Repubblica Democratica del Congo e in Brasile, dove si stima che si verifichi il 96% della deforestazione, il 2021 ha anche suscitato maggiore preoccupazione per la deforestazione nell'Artico. Le foreste boreali nelle regioni settentrionali dell'Alaska, della Russia e del Canada hanno subito perdite senza precedenti principalmente a causa degli incendi.

Sebbene il taglio o l'incendio di alberi raramente si traduca in una deforestazione a lungo termine, il 2021 ha detenuto il record per il maggior numero di alberi distrutti nella storia registrata.

pubblicità

Rod Taylor, il direttore globale del programma forestale presso il World Resources Institute, che faceva parte del team coinvolto nel rapporto, ha affermato che la tendenza è allarmante.

"Il riscaldamento globale sta generalmente avvenendo più velocemente man mano che ci si avvicina ai poli", ha affermato. "È come avere un clima che cambia e un ecosistema che non riesce a far fronte, quindi stiamo assistendo a incendi che bruciano più frequentemente, più intensamente e in modo più ampio di quanto accadrebbero in condizioni normali".

Gli esperti ambientali sono anche preoccupati che la foresta pluviale amazzonica si stia avvicinando rapidamente a un punto di non ritorno quando la regione emette più CO2 di quanta ne possa assorbire.

Ciò invertirebbe i progressi nella riduzione delle emissioni di carbonio e nell'impedire alle temperature globali di superare le medie preindustriali di oltre 1.5 ºC.

Gli esperti hanno affermato che i 143 governi che si sono impegnati a fermare e ridurre la deforestazione entro il 2030 alla COP26 dovrebbero mantenere la parola data prendendo misure drastiche.

Secondo Taylor, mentre il tasso globale di deforestazione sembra rallentare, è urgente che i tassi di deforestazione diminuiscano ancora più drasticamente se il mondo vuole raggiungere gli obiettivi climatici stabiliti nell'Accordo di Parigi sul clima del 2015.

"Quando guardi le statistiche immutabili anno su anno, potresti concludere che non offrono davvero un titolo degno di nota", ha detto.

"Ma quando si tratta della perdita di foreste tropicali primarie, tassi ostinatamente persistenti legati al clima, il crisi di estinzione e la sorte di molti primi popoli», concluse, "gli alti tassi di perdita continuano nonostante gli impegni di paesi e aziende”.



pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti