La COP26 si conclude con un accordo congiunto annacquato

I quasi 200 paesi che hanno firmato il patto per il clima di Glasgow hanno concordato di ridurre le emissioni di gas serra e di ridurre gradualmente il carbone. I critici dicono che non è stato fatto abbastanza.

Foto: COP26
Novembre 16, 2021
Di Paolo DeAndreis
Foto: COP26

Notizie recenti

COP26, il vertice internazionale sul cambiamento climatico si è concluso con il Patto sul clima di Glasgow, un accordo firmato da quasi 200 paesi.

Se il mondo ha intenzione di respingere la crisi climatica, nessuno può restare in disparte.- Ani Dasgupta, presidente, World Resources Institute

Il punto chiave del testo finale è che tutti i paesi lavoreranno per abbattere i propri emissioni di gas serra. Inoltre, rafforzeranno i loro piani precedentemente annunciati per ottenere riduzioni significative entro il 2030.

Uno dei maggiori problemi sul tavolo, il destino del carbone, non è stato completamente risolto. Nelle prime bozze dell'accordo, il testo chiedeva ai paesi di eliminare gradualmente il carbone.

Vedi anche:I leader mondiali promettono miliardi per ripristinare le foreste della Terra

Tuttavia, la pressione significativa da Australia, Cina, India e altri paesi in cui il carbone rimane una delle principali risorse economiche ha portato "phase out” da sostituire con "graduale” nel testo finale. Tuttavia, tutti i paesi hanno deciso di ridurre la loro dipendenza dal carbone.

Hanno inoltre deciso di accelerare la fine dei sussidi ai combustibili fossili, descritti come uno dei principali ostacoli allo sviluppo delle energie rinnovabili.

Secondo il patto, i piani nazionali per ridurre i contributi più rilevanti al riscaldamento globale saranno rivisti ogni anno invece dell'intervallo precedentemente concordato di ogni cinque anni.

La revisione annuale dei piani nazionali per agire sui cambiamenti climatici significa che i paesi firmatari non hanno ancora rinunciato a mantenere le temperature globali al di sotto di 1.5 ºC rispetto ai livelli preindustriali.

Accettare di limitare l'innalzamento delle temperature globali a 1.5 ºC è stato uno dei punti chiave dell'accordo di Parigi ed è considerato dagli scienziati come la soglia oltre la quale il peggiori conseguenze del cambiamento climatico diventerebbe irreversibile.

Tuttavia, tale obiettivo attualmente non viene raggiunto dai piani nazionali per il clima presentati e discussi al vertice globale.

Secondo la maggior parte degli osservatori, si prevede che le attuali azioni volte a rallentare il riscaldamento globale vedranno le temperature aumentare di 2.4 °C entro il secolo, che è inferiore ai 2.7 °C previsti prima della COP26, ma supera ancora di gran lunga l'obiettivo dell'accordo di Parigi.

Anche i nuovi piani che verranno presentati nel prossimo anno dovranno puntare alla riduzione delle emissioni in linea con l'obiettivo di 1.5°C.

"Ciò significa che quei governi che non saranno all'altezza dovranno giustificare il motivo ai loro cittadini", ha osservato il New Scientist. "Australia, Brasile e Indonesia sono tra i tanti paesi i cui piani esistenti sono inadeguati e dovranno essere rafforzati”.

Il testo finale del patto per il clima di Glasgow esorta inoltre i paesi sviluppati e gli inquinatori storici a mantenere il loro precedente impegno di fornire 100 miliardi di dollari (87 miliardi di euro) all'anno ai paesi in via di sviluppo.

I fondi, che non sono ancora stati forniti dai paesi più ricchi, sarebbero utilizzati per aiutare a sviluppare economie ambientalmente sostenibili e per aiutare i paesi più colpiti dalle conseguenze del cambiamento climatico ad adattarsi.

world-cop26-conclude-con-annacquato-accordo congiunto-olive-oil-times

Il primo ministro britannico Boris Johnson ha parlato alla COP26

Nonostante le sue critiche e le sue carenze, il presidente della COP26 Alok Sharma ha salutato il patto come un "traguardo storico».

"Abbiamo mantenuto l'obiettivo di 1.5 °C a portata di mano. Abbiamo chiuso l'accordo di Parigi, che per sei anni era sfuggito al mondo", ha detto alla BBC. "Abbiamo assicurato più soldi per i paesi vulnerabili al clima. Penso che possiamo dire che siamo sulla buona strada per consegnare il carbone alla storia”.

"Il treno si sta muovendo e tutti i paesi devono salire a bordo", ha aggiunto Ani Dasgupta, presidente del World Resources Institute. "Se il mondo ha intenzione di respingere la crisi climatica, nessuno può restare in disparte”.

Vedi anche:Copertura del cambiamento climatico

Anche molti altri partecipanti alla COP26 hanno reagito positivamente alla notizia dell'accordo.

Il primo ministro britannico Boris Johnson ha accolto con favore il patto come "un grande passo avanti", mentre la Svizzera ha espresso "profonda delusione” in relazione al limitato impegno sul carbone.

Shauna Aminath, ministro dell'ambiente delle Maldive, arcipelago nell'Oceano Indiano, ha espresso preoccupazioni simili a quelle di molte nazioni insulari che sono attualmente minacciate dall'innalzamento del livello del mare.

"Il patto non è in linea con l'urgenza e le dimensioni richieste", ha affermato. "Ciò che sembra equilibrato e pragmatico agli altri non aiuterà le Maldive ad adattarsi in tempo. Sarà troppo tardi per le Maldive».

La sua controparte in Madagascar, Vahinala Raharinirina, ha aggiunto che "i paesi in via di sviluppo hanno giocato la partita per non fermare il processo. Ma diciamo che c'è una delusione a causa di questa questione della finanza climatica per aiutarci ad adattarci. Diciamo che è stato dimenticato».

Tuttavia, il patto è stato accolto con favore dalla Commissione europea, che ha affermato che la comunità globale continua a farlo muoversi nella giusta direzione ma ha aggiunto che c'era ancora un sacco di duro lavoro da fare.

"Abbiamo compiuto progressi sui tre obiettivi che ci siamo prefissati all'inizio della COP26", ha affermato il presidente della Commissione Ursula von der Leyen. "In primo luogo, per ottenere impegni per ridurre le emissioni per mantenersi entro il limite di riscaldamento globale di 1.5 ºC. In secondo luogo, raggiungere l'obiettivo di 100 miliardi di dollari all'anno di finanziamenti per il clima ai paesi in via di sviluppo e vulnerabili».

"E terzo, per ottenere un accordo sul regolamento di Parigi", ha aggiunto. "Questo ci dà fiducia che possiamo fornire uno spazio sicuro e prospero per l'umanità su questo pianeta. Ma non ci sarà tempo per rilassarsi: c'è ancora tanto da lavorare».

Secondo il segretario esecutivo delle Nazioni Unite Patricia Espinosa, il patto è un "pacchetto di decisioni molto completo”, che potrebbe mantenere il mondo in linea con gli obiettivi dell'Accordo di Parigi.

Tuttavia, ha avvertito che "questo decennio è assolutamente cruciale. Dobbiamo arrivare al 2030 con riduzioni di almeno il 45 per cento».



Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti