Gli alberi secolari sono la chiave per foreste sane, affermano gli scienziati

Gli alberi secolari aiutano a mantenere vive le foreste trasmettendo la loro esperienza e robustezza ad altri alberi e piante nella foresta. Inoltre, sequestrano meglio l'anidride carbonica rispetto agli alberi di età media e forniscono riparo alle specie in via di estinzione.

Aprile 26, 2022
Di Costas Vasilopoulos

Notizie recenti

Le foreste del pianeta dipendono da un piccolo gruppo di alberi secolari per sopravvivere e resistere ai cambiamenti ambientali e ad altri pericoli, ha scoperto una nuova ricerca.

Tuttavia, questi alberi longevi possono riprodursi solo nelle foreste primordiali e lo sono attualmente minacciata dal cambiamento climatico e deforestazione.

Una volta abbattuti alberi vecchi e antichi, perdiamo l'eredità genetica e fisiologica che contengono per sempre, così come l'habitat unico per la conservazione della natura.- Chuck Cannon, direttore, centro per la scienza degli alberi al Morton Arboretum

Gli scienziati dell'Università di Barcellona, ​​dell'Università della Tuscia in Italia e del Morton Arboretum negli Stati Uniti hanno utilizzato un modello matematico di probabilità per valutare il numero di alberi che superano l'età media degli altri alberi in una foresta.

Hanno anche analizzato i dati di studi precedenti per capire come questi alberi antichi influenzino il resto della flora nell'ecosistema.

Vedi anche:Ulivo millenario distrutto dagli incendi in Sardegna

Nel loro studio, pubblicato in Natura Piante, i ricercatori hanno notato che gli alberi secolari rappresentano meno dell'uno per cento della popolazione arborea di una foresta e possono raggiungere 10 o anche 20 volte l'età degli altri alberi nei boschi.

Nonostante la loro rarità, tuttavia, i veterani della foresta sono vitali per preservare la salute e la biodiversità degli ecosistemi forestali.

pubblicità

È probabile che gli alberi che raggiungono un'eccezionale longevità possano trasmettere la loro resilienza genetica alle nuove generazioni di alberi nelle loro vicinanze, consentendo loro di affrontare il loro ambiente alterato e perseguire la continuità.

"Abbiamo esaminato i modelli demografici che emergono dalle foreste secolari nel corso di migliaia di anni e una percentuale molto piccola di alberi emerge come storia di vita 'vincitori della lotteria che raggiungono epoche molto più elevate che collegano cicli ambientali che abbracciano secoli", ha affermato Chuck Cannon, direttore del centro per la scienza degli alberi al Morton Arboretum e uno degli autori dello studio.

"Nei nostri modelli, questi alberi antichi e rari si dimostrano vitali per la capacità di adattamento a lungo termine di una foresta, ampliando sostanzialmente l'arco temporale della diversità genetica complessiva della popolazione”, ha aggiunto.

Gli scienziati hanno aggiunto che i tratti vantaggiosi del centenario e alberi millenari non si limitano a prevenire l'usura dovuta all'invecchiamento. Superano anche i tipici alberi maturi assorbendo anidride carbonica e fornire a habitat unico per le specie in via di estinzione.

I ricercatori hanno anche affermato che gli alberi antichi non seguono un ciclo di vita naturale simile ad altre specie vegetali e nemmeno agli esseri umani; invece, la loro esistenza è principalmente dovuta a eventi casuali come malattie o incendi.

"Gli alberi maturi e ben consolidati non sono programmati per senestare a una particolare dimensione o età", hanno scritto. "[Essi] muoiono in conseguenza di gravi danni dovuti a fattori biotici e abiotici esterni, come parassiti e malattie, incendi, vento e tempeste di ghiaccio, o condizioni ambientali precarie".

Tuttavia, l'esistenza di alberi secolari lo è minacciata dal cambiamento climatico e la deforestazione, e non esiste alcun meccanismo fisico per sostituire la perdita della loro presenza genitoriale nella foresta.

"Con il cambiamento del clima, è probabile che i tassi di mortalità negli alberi aumenteranno e diventerà sempre più difficile per gli alberi secolari emergere nelle foreste", ha affermato Cannon. "Una volta abbattuti alberi vecchi e antichi, perdiamo l'eredità genetica e fisiologica che contengono per sempre, così come l'habitat unico per la conservazione della natura".

I ricercatori hanno infine notato che, mentre il ripristino delle foreste è uno strumento essenziale per preservare gli ecosistemi, è anche fondamentale proteggere gli anziani della foresta e preservare la storia evolutiva in essi scritta.

"Gli alberi antichi sono noti per essere centri di biodiversità unici che forniscono funzioni ecosistemiche chiave o uniche senza precedenti nelle foreste gestite", hanno affermato.

"Perdere questi alberi è come l'estinzione di specie, in quanto si sta perdendo una risorsa genetica insostituibile", hanno concluso i ricercatori. "Per tutti questi motivi, le foreste secolari con il loro ceppo unico di alberi secolari stanno diventando sempre più importanti da proteggere".



pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti