55K legge
55309

Basics

Quante varietà di olive ci sono e quali sono le più popolari?

Ci sono più di mille varietà di olive che crescono in dozzine di paesi in sei continenti. Ecco alcuni dei più comuni utilizzati nella produzione di olive da tavola e olio d'oliva.
Di Daniel Dawson
30 luglio 2020 11:01 UTC

Negli ultimi 6,000 anni, le persone hanno mangiato olive domestiche e spremuto le drupe per l'olio. Gli archeologi hanno trovato prove sostanziali che suggeriscono che le olive siano state uno dei primi alberi da frutto ad essere addomesticati sul bordo orientale del bacino del Mediterraneo.

Da allora, coltivazione dell'olivo si è espansa nel resto della regione mediterranea, in gran parte grazie ai commercianti foneci, che per primi hanno portato gli ulivi in ​​luoghi oggi sinonimo di oliva da tavola e la produzione di olio d'oliva - Toscana, Andalusia e Tunisia.

In questi giorni, le olive vengono coltivate in dozzine di paesi in tutti i continenti tranne l'Antartide. Secondo le stime del Consiglio oleicolo internazionale, il 90 percento delle olive attualmente raccolte sono destinate alla produzione di olio. Il restante 10 percento viene trasformato come olive da tavola.

Vedi anche:Basics sull'olio d'oliva

Per i consumatori più occasionali, sembrerebbe che ci siano due tipi predominanti di olive: nere e verdi. Tuttavia, tutte le olive iniziano come verdi e si trasformano lentamente in marrone chiaro e rosso porpora prima di maturare completamente e diventare nero scuro.

Il CIO stima che 139 varietà di olive (o cultivar - i termini possono essere usati in modo intercambiabile) coltivati ​​in 23 paesi rappresentano circa l'85% della produzione mondiale di olive.

Ogni cultivar di olive ha le sue caratteristiche chimiche e gustative uniche. Tuttavia, gli oli prodotti dalla stessa cultivar possono differire a seconda delle variazioni di coltivazione, raccolta e lavorazione.

L'olio d'oliva ottenuto da una singola varietà è chiamato a monovarietale, o monocultivar olio d'oliva. Le miscele sono realizzate utilizzando oli di due o più cultivar.

Ecco alcuni fatti su alcune delle varietà più comuni utilizzate nell'olio e come olive da tavola.


Picual

Paese: Spagna
Usa: olio

Secondo un recente studio, circa un terzo della produzione mondiale di olio d'oliva viene da Olive Picual. Le olive Picual vantano un alto contenuto di olio, tra il 20 e il 27 percento.

Quando vengono trasformate in olio d'oliva vergine o extravergine, le varietà Picual hanno un alto livello di polifenoli. Meno di un quarto delle olive Picual raccolte vengono trasformate in olio d'oliva vergine o extravergine, ma quel numero sta aumentando mentre continua a vincere premi sulla scena mondiale.

Vedi anche:Oli di oliva Picual pluripremiati

La stragrande maggioranza delle olive Picual viene coltivata Jaén, in Andalusia. Tuttavia, questa varietà durevole è stata anche esportata in tutto il mondo e prospera in luoghi diversi come la Nuova Zelanda, l'Egitto e la California.


Arbequina

Paese: Spagna
Usa: olio e tavola

Dopo Picual, Olive Arbequina sono i secondi più comunemente utilizzati nella produzione di olio d'oliva, con circa il 10% dell'olio d'oliva mondiale proveniente dalla varietà autoctona della Catalogna.

A causa della forma piccola e uniforme delle drupe, le olive Arbequina sono facilmente raccolte e frequentemente scelte per operazioni di raccolta meccanizzata. Il loro alto contenuto di olio e l'adattabilità contribuiscono alla loro popolarità tra i produttori.

Vedi anche:Premiati oli di oliva Arbequina

Oltre ad essere una varietà di olio popolare, l'Arbequina è anche usata come oliva da tavola. La loro concentrazione di polifenoli piuttosto bassa conferisce loro un sapore delicato e burroso preferito da molti consumatori.


Hojiblanca

Paese: Spagna
Usa: olio e tavola

Originario della provincia meridionale spagnola di Córdoba, Olive Hojiblanca sono la terza cultivar più comune dopo Picual e Arbequina.

Gli alberi di Hojiblanca sono popolari tra gli agricoltori per la loro robustezza - sono entrambi resistenti alla siccità e al freddo - e per le loro grandi olive, che hanno una resa in olio dal 17 al 19%.

Vedi anche:I migliori oli di oliva di Hojiblanca

Gli oli prodotti da Hojiblanca hanno un sapore caratteristico, con un inizio dolce e un retrogusto amaro. Poiché ha un contenuto di olio inferiore rispetto alle varietà dominanti Picual e Arbequina, le olive Hojiblanca sono particolarmente apprezzate come olive da tavola.


leccino

Nazione: Italia
Usa: olio

Olive Leccino sono una delle cultivar più importanti d'Italia, con profonde radici storiche e molti attributi produttivi favorevoli.

La prima menzione della cultivar nella letteratura storica risale al Medioevo, e si ritiene che le olive Leccino abbiano avuto origine nel Toscana. La varietà, che ha una resa petrolifera media di circa il 18-21%, è ora comunemente coltivata in tutto il nord e centro Italia, prosperando nel clima più fresco del cuore collinare e montuoso della penisola.

Vedi anche:I migliori oli di oliva Leccino

Gli alberi di Leccino crescono rapidamente e sono molto produttivi nelle giuste condizioni, il che li ha resi popolari tra i produttori non solo italiani ma anche cileni, australiani e californiani.


Frantoio

Nazione: Italia
Usa: olio

Originarie anche della regione centrale italiana della Toscana, le olive Frantoio sono un'altra importante cultivar italiana per la produzione di olio d'oliva. Gli alberi di Frantoio crescono bene in condizioni miti e sono più tolleranti al clima estremamente caldo e freddo rispetto ad altre varietà.

Le olive Frantoio hanno una resa media in olio dal 23 al 28 percento, rendendole popolari tra i coltivatori commerciali. L'olio che ne deriva è generalmente caratterizzato come fruttato con una piacevole amarezza.

Vedi anche:I migliori oli di oliva Frantoio

Come risultato di questi tre fattori, le olive Frantoio sono state esportate in tutto il mondo e vengono raccolte commercialmente in sei continenti.


Coratina

Nazione: Italia
Usa: olio

Insieme alle varietà Leccino e Frantoio, Olive di coratina sono una delle cultivar più apprezzate in Italia. Originario della regione italiana meridionale del Puglia, le olive sono altamente adattabili.

A causa di questa adattabilità, le olive Coratina si sono dimostrate cultivar vitali in molti luoghi. Tuttavia, la varietà non è comunemente coltivata al di fuori dell'Italia, anche a causa della forma non uniforme delle olive, che rende più difficile la raccolta.

Vedi anche:I migliori oli di oliva di Coratina

Gli alberi di Coratina producono olive grandi e arrotondate con una resa in olio fino al 25%. L'olio è generalmente caratterizzato come robusto e amaro ed è anche propagandato per i suoi alti polifenoli e altri antiossidanti.


Kalamata

Paese: Grecia
Usa: Tavolo e olio

Provenienti dal sud-ovest della penisola del Peloponneso, le olive di Kalamata sono forse le varietà di olive da tavola più conosciute. Le tradizionali olive greche sono grandi e raccolte una volta completamente mature, diventando viola scuro o nere.

Le olive sono descritte come carnose a causa dell'abbondanza di polpa e del contenuto di olio relativamente basso - circa il sette percento - e spesso conservate in aceto di vino o olio d'oliva. Le olive vengono raccolte a mano dopo essere diventate nere e mai raccolte mentre sono verdi.

Nell'UE e in diversi paesi con accordi commerciali, le olive Kalamata godono Denominazione d'origine protetta status, il che significa che il nome può essere utilizzato solo per le olive della regione greca di Kalamata.


Koroneiki

Paese: Grecia
Usa: olio

Olive Koroneiki sono la principale varietà di olio in Grecia e sono coltivate in tutta la terraferma e nelle numerose isole del paese. Si stima che tra il 50 e il 60 percento della superficie coltivata a oliveto della Grecia sia dedicata a Koroneiki.

Insieme alle varietà Arbequina e Picual, Koroneiki è adatto alla raccolta intensiva (meccanica ad alta densità). Di conseguenza, le olive Koroneiki vengono coltivate in 19 paesi diversi in tutto il mondo.

Vedi anche:I migliori oli d'oliva Koroneiki

In generale, le olive Koroneiki hanno un alto livello di polifenoli e oleocantale, che conferisce agli oli un sapore amaro e intenso.


Cobrancosa

Paese: Portogallo
Usa: olio

Costituiscono circa il 10 percento della superficie olivicola del Portogallo, Olive Cobrançosa sono una delle varietà più popolari del paese.

Considerato un albero altamente produttivo, l'oliva Cobrançosa è di medie dimensioni e produce un olio dal caratteristico e intenso sapore piccante e amaro.

Nonostante siano tradizionalmente coltivate nella regione collinare di Trás-os-Montes, le olive di Cobrançosa si sono diffuse in tutto il resto del paese.

Vedi anche:I migliori oli di oliva Cobrancosa

Gli oli d'oliva prodotti dalle olive di Trás-os-Montes, Beira Alta, Alentejo settentrionale e Alentejo Interior hanno tutti un'indicazione di denominazione di origine protetta.


Missione

Nazione: Stati Uniti
Usa: olio e tavola

La varietà di olive di punta degli Stati Uniti, Mission olive erano i primi sviluppato in California dopo che i missionari francescani arrivarono nella baia di San Diego nel 1769. Nel corso dei 50 anni successivi, altre 21 missioni sarebbero state stabilite in California, ciascuna con il proprio uliveto.

Oggi, le olive Mission rimangono una delle principali varietà coltivate in California, rappresentando circa l'50% della superficie coltivata a oliveto dello stato. Circa il - percento delle olive da tavola prodotte in California sono anche olive Mission.

Vedi anche:La migliore missione Oli di oliva

Gli alberi della missione producono piccole drupe, producendo un olio burroso più mite. Come olive da tavola, le olive Mission vengono raccolte e messe in salamoia prima della maturazione o stagionate una volta maturate.


Scopri cultivar pluripremiate

La guida ufficiale ai migliori oli d'oliva del mondo ha una funzione che ti consente filtra per cultivar per esplorare i marchi pluripremiati realizzati con ogni varietà.

Quest'anno, con Picual sono stati prodotti più oli premiati rispetto a qualsiasi altra cultivar, seguiti da Koroneiki, Coratina, Arbequina e Frantoio.


pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati