I produttori alimentari multinazionali chiedono un rapido cambiamento nelle pratiche agricole

Alcuni dei maggiori produttori alimentari e agroalimentari del mondo hanno affermato che è necessario passare all'agricoltura rigenerativa per mitigare gli impatti del cambiamento climatico.
Novembre 22, 2022
Costas Vasilopoulos

Notizie recenti

Una nuova rapporto dalla task force agroalimentare della Sustainable Markets Initiative (SMI), una rete di importanti amministratori delegati del settore alimentare, ha esortato i governi e i produttori alimentari a lavorare insieme per un'agricoltura più sostenibile per prevenire ulteriori alimentazioni del cambiamento climatico.

Il rapporto è sponsorizzato da alcune delle più grandi e influenti multinazionali del settore alimentare e agricolo, tra cui Bayer, Mars, McCain Foods, Indigo Agriculture e McDonald's.

Stabilisce un piano d'azione per promuovere l'agricoltura rigenerativa, un mezzo alternativo per produrre cibo che si concentra sulla riduzione delle emissioni nell'agricoltura, promuovendo al contempo la salute del suolo e la biodiversità.

Vedi anche:La riforma del sistema alimentare può invertire la deforestazione e la desertificazione, rileva il rapporto

“[L'agricoltura] rappresenta gran parte del emissioni globali di gas serra", afferma il rapporto. "Se le aziende devono rispettare i loro impegni net-zero e proteggersi da future interruzioni della catena di approvvigionamento, devono facilitare la transizione verso un sistema alimentare più sostenibile”.

Gli autori del rapporto hanno sostenuto che l'agricoltura, la più grande industria del mondo, può risolvere le sfide ambientali attraverso l'agricoltura rigenerativa. Hanno notato, tuttavia, che il l'adozione di pratiche agricole rigenerative è in ritardo.

pubblicità

"Il tasso di crescita [dell'agricoltura rigenerativa] deve triplicare per raggiungere il 40% delle terre coltivate globali entro il 2030 e rispondere alla necessità mondiale di limitare il cambiamento climatico a 1.5 ºC," scrissero.

Il rapporto invita inoltre i governi e l'industria alimentare a colmare il divario di conoscenze su come implementare l'agricoltura rigenerativa e garantire che gli agricoltori di tutto il mondo seguano le migliori pratiche.

Grant Reid, presidente della task force e amministratore delegato uscente di Mars, firmatario del rapporto, ha sottolineato l'importanza di agire rapidamente per garantire che l'agricoltura svolga un ruolo attivo nel frenare il cambiamento climatico.

"Siamo a un punto di svolta critico in cui qualcosa deve essere fatto", ha detto. "L'interconnessione tra salute umana e salute planetaria è più evidente che mai. Le grandi aziende alimentari e l'agricoltura devono svolgere un ruolo importante nel cambiare questa situazione".

D'altra parte, i critici affermano che le grandi aziende agroalimentari sono tra le più responsabili della cattiva gestione del clima e non hanno altra alternativa che prendere atto del cambiamento climatico prima o poi.

"Non credo che nessuna di queste aziende – diciamo un McDonald's – abbia alcun impegno a ridurre le vendite di prodotti altamente inquinanti”, ha affermato Devlin Kuyek, ricercatore di Grain, un'organizzazione no-profit che lavora con i piccoli agricoltori. "Non credo che PepsiCo dirà che il mondo non ha bisogno di Pepsi".

Kuyek ha anche sottolineato l'importanza dei piccoli produttori alimentari e ha accusato le grandi aziende di minare la sostenibilità nella produzione alimentare.

"I piccoli sistemi alimentari locali nutrono ancora la maggior parte delle persone sul pianeta e la vera minaccia è che il sistema industriale si sta espandendo a spese del sistema veramente sostenibile", ha affermato. "Le aziende stanno creando un po' di fumo negli occhi, suggerendo che fanno parte della soluzione quando inevitabilmente fanno parte del problema".



pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti