L'Europa approva misure controverse per ripristinare la natura

La nuova legge, approvata con un margine sottile come un rasoio, richiede agli Stati membri di introdurre misure per ripristinare il venti per cento di terra e mare entro il 2030.

Aval e Ago di Etretat, Normandia, Francia
Di Costas Vasilopoulos
17 agosto 2023 14:15 UTC
512
Aval e Ago di Etretat, Normandia, Francia

Il Parlamento europeo ha approvato marginalmente una controversa proposta legislativa della Commissione europea per ripristinare e proteggere la natura nei suoi stati membri.

In quella che è stata una feroce battaglia tra i gruppi politici di destra e di sinistra al Parlamento europeo, la nuova legislazione ha ricevuto 336 voti parlamentari a favore e 300 contrari, mentre 13 membri del parlamento (eurodeputati) si sono astenuti dal voto.

L' 'Legge sul ripristino della natura' è un pilastro fondamentale della strategia per la biodiversità 2030 dell'UE, una serie di raccomandazioni mirate a ripristinare gli ecosistemi degradati dell'Europa.

Vedi anche:La strategia Farm to Fork sotto tiro in vista delle elezioni europee del 2024

Secondo la commissione, oltre l'80% degli habitat in Europa è in cattive condizioni. La commissione ha anche osservato che ogni euro investito nel ripristino restituirebbe tra gli 8 ei 38 euro in servizi ecosistemici.

In base al nuovo disegno di legge, caratterizzato dalla commissione as "la prima legge globale e globale del suo genere", gli Stati membri dell'UE devono introdurre misure per ripristinare la natura su almeno il 20% della loro terra e del loro mare entro il 2030.

Inoltre, entro il 2050, le misure devono essere estese per coprire tutti gli ecosistemi che necessitano di ripristino.

Il giorno prima del voto, centinaia di agricoltori hanno manifestato davanti al Parlamento europeo, chiedendo agli eurodeputati di respingere la nuova legge. D'altra parte, gli attivisti per il clima, tra cui Greta Thunberg, hanno esortato gli eurodeputati ad approvare la legge.

slip-business-europa-passa-europei-controverso-intervento-per-ripristinare-la-natura-tempi-dell'olio-d'oliva

Votazioni per la Legge sul Ripristino della Natura (Parlamento Europeo)

Le commissioni per la pesca e l'agricoltura del Parlamento europeo avevano precedentemente respinto il disegno di legge. Allo stesso tempo, non è riuscito a raccogliere la maggioranza necessaria in commissione Ambiente per andare avanti.

Di conseguenza, e secondo la procedura standard, la legislazione è stata sottoposta al voto in plenaria del parlamento con la raccomandazione da eliminare. Tuttavia, è riuscito a ricevere l'approvazione della maggioranza dei membri del Parlamento europeo.

"È un'enorme vittoria sociale”, ha dichiarato César Luena, eurodeputato spagnolo di centrosinistra responsabile della proposta. "Questa è una legge per conto della natura. Non è una legge contro nessuna persona”.

Il nuovo disegno di legge ha incontrato una forte opposizione da parte dei gruppi politici di destra del Parlamento europeo, come il Partito popolare europeo (PPE) di centrodestra, il più grande gruppo legislativo del Parlamento europeo, e il gruppo di estrema destra Identità e democrazia.

"Meno terra per gli agricoltori, meno mare per i pescatori, meno attività per le imprese e meno prodotti e posti di lavoro europei per i nostri cittadini”, ha affermato Rosanna Conte, eurodeputata italiana del gruppo Identità e Democrazia. "Queste sono le pesanti ripercussioni delle proposte contenute in un regolamento permeato di ideologia e controproducente per la natura stessa”.

Tuttavia, il fronte di destra del parlamento ha subito delle crepe, con alcuni membri del PPE che si sono staccati dalla posizione del gruppo per sostenere la proposta di regolamento.

"Non posso, in buona coscienza e in buona fede, votare contro questa legge", ha affermato Frances Fitzgerald, eurodeputata irlandese e vicepresidente del PPE. "Dovremmo avere un approccio costruttivo”.

Il Parlamento europeo ha infine approvato una versione annacquata della legge originale, con emendamenti per rimuovere il ripristino delle torbiere europee e ritardare l'applicazione della legge fino a quando non sarà stata effettuata una valutazione ufficiale della sicurezza alimentare europea.

La lobby agricola Copa-Cogeca ha affermato che la legge è rimasta "fondamentalmente mal preparato, privo di budget e rimarrà inattuabile per gli agricoltori e i proprietari di foreste".

Le organizzazioni ambientaliste internazionali hanno accolto con favore il nuovo regolamento come un passo significativo verso la protezione della natura in Europa.

"Questo voto dimostra che c'è ancora speranza di ripristinare e far crescere ciò che è rimasto", ha affermato Špela Bandelj, responsabile del progetto per la biodiversità dell'Europa centrale e orientale di Greenpeace. "come un altro ondata di caldo senza precedenti attanaglia l'Europa, è chiaro che per sopravvivere al collasso climatico e garantire l'approvvigionamento alimentare, avremo bisogno della natura dalla nostra parte".

Successivamente, il parlamento negozierà con gli Stati membri per elaborare le disposizioni del regolamento e finalizzare il testo.

Dopo l'entrata in vigore del regolamento, i paesi dell'UE dovranno presentare alla Commissione i piani nazionali di risanamento entro due anni.



Condividi questo articolo

pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati