Lampada a olio d'oliva di 2,300 anni portata alla luce in Cisgiordania

La lampada è stata scoperta per caso e in ottime condizioni in un'area di scavi archeologici sul monte Garizim, vicino a Nablus.
Foto: Netanel Elimelech per l'Ente per i Parchi e la Natura
Può. 10, 2022
Paolo De Andreis

Notizie recenti

Una lampada a olio d'oliva in argilla risalente ad almeno 2,300 anni è stata trovata tra le rovine di un sito di scavi in ​​Cisgiordania.

La lampada è stata recuperata intatta vicino a un bagno di pietra samaritano trovato nel Parco Nazionale del Monte Garizim, un luogo di interesse per gli archeologi.

Secondo il Jerusalem Post, gli esperti locali sono rimasti sorpresi dalla scoperta, avvenuta per caso mentre i lavoratori stavano pulendo le mani del sito.

Vedi anche:Olive Oil Prola conduzione continua presso la dimora storica dell'imperatore Adriano

"È fantastico trovare qualcosa anche dopo tutti quegli anni di scavi", ha affermato Netanel Elimelech, direttore del parco.

"Abbiamo trovato molti frammenti di argilla in giro, ma trovare qualcosa di completo con i segni del suo utilizzo è piuttosto bello", ha aggiunto. "Puoi ancora vedere i segni neri di bruciatura da quando è stata utilizzata la lampada. Ti riporta indietro [nel tempo]”.

pubblicità

Il monte Garizim è considerato un luogo sacro dai Samaritani. Questa piccola comunità religiosa abita ancora lì un villaggio, dove si trova anche la casa del loro sommo sacerdote.

La loro tradizione risale all'8th secolo aC, e gli archeologi hanno trovato i resti di un'antica città con le sue mura, templi e aree residenziali.

In precedenza, i ricercatori avevano anche trovato tracce di un frantoio nel sito, che si trova appena a sud di Nablus, un importante centro di produzione di sapone all'olio d'oliva.

Gli esperti locali ritengono che i Samaritani usassero la lampada a scopo di purificazione. L'olio d'oliva è usato da secoli per le lampade in tutto il bacino del Mediterraneo. Inoltre, l'olio d'oliva per alimentare i dispositivi di illuminazione per interni è stato spesso associato a rituali religiosi.

Ad esempio, gli archeologi dell'Italia meridionale stanno indagando sul collegamento tra i cosiddetti "ulivi bianchi” del Cultivar Leucocarpa e l'antica tradizione che vedeva l'olio d'oliva Leucocarpa utilizzato per l'illuminazione degli interni delle chiese locali.

Secondo il Liberty Biblical Museum, la tecnologia e la forma della lampada a olio d'oliva si sono evolute durante l'età del bronzo, un periodo della storia umana che va dal 3300 al 1200 a.C. circa.

Vedi anche:I nordafricani mangiarono le olive 100,000 anni fa, le prove suggeriscono

Le prime lampade erano principalmente una ciotola "riempito di olio d'oliva con uno stoppino adagiato sul lato del bordo e poi sviluppato dalla media età del bronzo a forma di ciotola pizzicata e poi nella tarda età del bronzo-ferro a forma di piattino con una parte pizzicata per contenere lo stoppino (singolo o multiplo).”

Le lampade a olio d'oliva erano comunemente fatte di argilla, ma nel tempo fu usato sempre più il bronzo e, più tardi, il vetro marrone.

Tuttavia, gli antropologi del Milwaukee Public Museum hanno scoperto che le lampade a olio d'oliva "ha iniziato a mostrare segni di sperimentazione con cambiamenti nella forma generale del corpo e l'aggiunta di più ugelli, un manico e barbottine di argilla, un rivestimento che è stato applicato all'esterno delle lampade di argilla durante la produzione nel tentativo di impedire all'olio di filtrare attraverso l'argilla porosa ”, in epoche precedenti.

"Questi progressi tecnologici sono stati accreditati ai Greci, le cui lampade furono esportate in tutto il Mediterraneo tra il VI e il IV secolo a.C. grazie alla loro alta qualità artigianale", hanno aggiunto i ricercatori.

L'olio d'oliva è stato a completa disposizione di molte civiltà. Gli studi hanno dimostrato che le prime coltivazioni di ulivi risalgono a ben 3,500 anni fa, ma gli ulivi selvatici sono cresciuti in tutto il Medio Oriente e nel Mediterraneo orientale molto prima, rappresentando spesso una fonte di carburante per gli insediamenti umani.

Secondo un recente studio on storia dell'olio d'oliva pubblicato dai ricercatori turchi della Balikesir University, il "la maggior parte degli alberi e degli arbusti che costituiscono la flora del bacino del Mediterraneo sono apparsi nel quaternario (l'ultimo periodo di 200 milioni di anni).”

"È molto naturale che gli ulivi selvatici esistano in Anatolia negli ultimi 50,000 anni ", hanno aggiunto. "Gli uliveti selvatici sono comuni lungo le coste dell'Egeo e delle regioni mediterranee. Gli studi intrapresi sul polline e sui fossili hanno dimostrato che le olive selvatiche esistono in Anatolia da decine di migliaia di anni".



Advertisement

pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti