Olive Oil Prola conduzione continua presso la dimora storica dell'imperatore Adriano

La produzione annuale di ulivi secolari e millenari promuove l'importanza storica e culturale di Villa Adriana nella regione del capoluogo d'Italia.

Aprile 25, 2022
Di Ylenia Granitto

Notizie recenti

The olio extravergine d'oliva nota come Olea Hadriani (dal latino Olio di Adriano) è stata a lungo prodotta dagli ulivi sparsi nell'area archeologica di Villa Adriana a Tivoli, vicino a Roma. L'anno scorso, l'olio è stato incluso nel Etichetta Olio di Roma IGP.

La produzione di quest'anno di Olea Hadriani è il risultato di una partnership tra Villae, l'istituto che comprende i complessi di Villa Adriana e la vicina Villa D'Este, Coldiretti Lazio e Unaprol, l'associazione italiana di olive oil proriduttori.

La nostra collaborazione con Villae per la valorizzazione dell'oliveto storico rappresenta il connubio perfetto tra storia e innovazione.- David Granieri, presidente, Unaprol

L'obiettivo della partnership è quello di tutelare e valorizzare l'oliveto situato nella tenuta di 120 ettari costruita nel 2nd secolo dC dall'imperatore romano Adriano.

"Mi sono sentito responsabile di sostenere e aumentare la bellezza del mondo", si dice che Adriano abbia detto nel romanzo storico di Marguerite Yourcenar del 1951 Memorie di Adriano, che contribuì significativamente a renderlo uno dei personaggi più influenti della storia romana.

Vedi anche:Gli ulivi monumentali della Sicilia offrono una finestra sulla storia dell'isola

La sua fama fu ulteriormente rafforzata dal lungo periodo di pace nell'impero durante il suo regno dal 117 al 138 d.C.

"La tutela di questo patrimonio storico, artistico e archeologico ha importanti implicazioni di natura ambientale, sociale, culturale ed economica”, ha affermato Andrea Bruciati, direttore di Villae. Ha inoltre sottolineato l'importanza di salvaguardare il patrimonio storico dell'olivo.

pubblicità

Dichiarata Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO nel 1999, Villa Adriana è considerata a "capolavoro che riunisce in modo unico le più alte forme di espressione delle culture materiali dell'antico mondo mediterraneo”.

Combinando elementi architettonici egizi, greci e romani, la maestosa proprietà comprende edifici, piscine e bagni termali separati da giardini e frutteti che racchiudono una ricchezza di biodiversità.

Sette varietà di olive, alcuni dei quali sono ecotipi rari, si trovano nella tenuta, dove 3,500 alberi secolari sono incorporati nei resti, creando un paesaggio unico.

Mentre molti alberi sono del 18th secolo, la più antica risale al 13th secolo. Conosciuto come Albero Bello, l'albero è considerato il patriarca di Villa Adriana. Per le sue vaste dimensioni e per l'abbondante produzione, è stato possibile imbottigliare un esclusivo monovarietale ottenuto dai suoi frutti.

"La nostra collaborazione con Villae per la valorizzazione dell'oliveto storico rappresenta il connubio perfetto tra storia e innovazione”, ha affermato David Granieri, presidente di Unaprol e vicepresidente nazionale di Coldiretti.

"Il mix di cibo, turismo e cultura rimane imbattibile. Man mano che cresce il concetto di qualità, l'olio extravergine di oliva sta diventando sempre più un elemento di attrazione nel settore turistico", ha concluso.



Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti