I nordafricani mangiarono le olive 100,000 anni fa, le prove suggeriscono

Le prove archeologiche suggeriscono che le persone che vivevano sulla costa atlantica del Marocco mangiavano olive selvatiche e usavano il legno e i noccioli dell'albero come combustibile.

Marzo 31, 2022
Di Paolo DeAndreis

Notizie recenti

Una nuova ricerca suggerisce che gli antichi esseri umani in Africa hanno avuto contatti con l'olivo e hanno usato i suoi rami e frutti circa 100,000 anni fa.

The studio, pubblicato da NaturePlants e scritto da un team di scienziati internazionali, ha mostrato prove di ulivi selvatici nelle grotte di Rabat-Temara, un sito archeologico di grande rilevanza sulla costa atlantica del Marocco.

Non ci aspettavamo di trovare olive, noccioli e semi, né sapevamo che l'olivo fosse presente in questo luogo… È stata un po' una sorpresa.- Laurent Marquer, botanico, Università di Innsbruck

I ricercatori hanno portato alla luce alcune delle più antiche tracce di ulivi selvatici nel Mediterraneo e le più antiche dell'Africa.

Studi precedenti avevano trovato resti di olivo in Israele, nel sito acheuleano Gesher Benot Ya'aqov, datato circa 790,000 anni fa, con altri ritrovamenti in Grecia datati circa 60,000 anni fa.

Vedi anche:Gli scienziati trovano le prime prove dell'olio d'oliva in Europa centrale

Solo circa 6,000 anni fa, i gruppi umani del Neolitico iniziarono a coltivare gli ulivi e ad usarli come fonte di cibo, carburante, illuminazione, medicine e cosmetici.

I ricercatori non si aspettavano di trovare olive così antiche in Marocco. Invece, lo studio mirava a capire quali piante fossero state raccolte prima homo sapiens, una vera sfida considerando che tali resti si conservano raramente nel tempo.

pubblicità

"Ci siamo concentrati su quelli che avrebbero potuto essere preservati dal processo di combustione", ha detto Laurent Marquer, coautore dello studio e botanico dell'Università di Innsbruck in Austria. Olive Oil Times. "E lì abbiamo trovato delle ossa, dei gusci, delle piante e delle olive”.

"Non ci aspettavamo di trovare olive, noccioli e semi, né sapevamo che l'olivo era presente in questo luogo, ancor di più durante l'ultimo periodo glaciale", ha aggiunto. "È stata un po' una sorpresa".

i-nordafricani-del-mondo-hanno-mangiato-olive-100000-anni-fa-prove-suggeriscono-volte-di-olio-d-oliva

Posizione delle grotte di Rabat-Temara

Dei frammenti di carbone identificati dai ricercatori, il 72 per cento erano la varietà selvatica di Olea europaea. Gli scienziati hanno anche studiato frammenti di semi, l'81% dei quali erano noccioli d'oliva carbonizzati. In un vicino sito di scavo è stato trovato anche carbone di oliva selvatica.

"Ciò suggerisce l'uso diffuso di olive selvatiche durante l'età della pietra media ateriana (MSA) nella regione di Rabat-Temara ", hanno scritto i ricercatori. "Non c'è dubbio che le olive selvatiche fossero usate dai cacciatori-raccoglitori preistorici”.

I rami d'ulivo bruciati non portavano frutti interi, ma i frammenti di frutta sono stati trovati nello stesso camino. Ciò ha portato gli scienziati a credere che le olive fossero state mangiate e che i noccioli fossero stati gettati nel fuoco.

Mentre i rami servivano da combustibile adatto, se completi di frutti, i fumi inebrianti risultanti e l'umidità del frutto avrebbero ostacolato il risultato.

i-nordafricani-del-mondo-hanno-mangiato-olive-100000-anni-fa-prove-suggeriscono-volte-di-olio-d-oliva

Carbone fossile di nocciolo di oliva bruciato nelle grotte di Rabat-Temara

Ciò porta anche i ricercatori a credere che quelle olive potrebbero essere state una fonte chiave di cibo.

"Abbiamo trovato modelli di rottura specifici nei campioni dei noccioli d'oliva frammentati, che erano rotti e carbonizzati ", ha detto Marquer. "E supponiamo che per romperli, probabilmente dovessero prima consumarli".

Sebbene non vi sia alcuna certezza sul motivo per cui i noccioli delle olive fossero stati rotti, i ricercatori hanno notato che è successo con uno scopo. Presumevano che i pozzi fossero usati per creare un residuo per migliorare la combustione.

"I noccioli d'oliva e i loro semi hanno un alto contenuto di lignina e olio ", hanno scritto i ricercatori. "La sansa frantumata di nocciolo risulterebbe quindi in una combustione lenta con fiamme di lunga durata, favorite per la cottura. Una volta essiccato, il residuo produce fiamme senza fumo, un grande vantaggio per i gruppi preistorici che vivono nelle grotte".

Gli autori dello studio hanno anche notato come altre piante avrebbero potuto essere facilmente utilizzate come combustibile nella stessa area, tra cui la quercia o il ginepro.

i-nordafricani-del-mondo-hanno-mangiato-olive-100000-anni-fa-prove-suggeriscono-volte-di-olio-d-oliva

Carbone fossile di legno bruciato nelle grotte di Rabat-Temara

Tuttavia, di quelle piante sono stati identificati solo pochi frammenti di carbone, a conferma dell'idea che l'olivo fosse una scelta privilegiata. Ciò significherebbe anche che era sufficientemente abbondante nella regione.

Marquer ha spiegato che altri ricercatori hanno sviluppato piattaforme di modellazione per stimare meglio dove gli ulivi avrebbero potuto prosperare durante l'ultimo periodo glaciale.

"Sulla base di ciò, vediamo che ci sono essenzialmente due aree in cui l'olivo avrebbe potuto vivere: il Mediterraneo occidentale, in Spagna e nel nord del Marocco, e nel bacino orientale, in Israele ", ha affermato Marquer. "Lì sappiamo che l'olivo aveva le condizioni per crescere".

"L'uso precoce delle olive selvatiche in Africa da parte dei gruppi Aterian MSA di circa 100,000 anni fa potrebbe rappresentare miglioramenti nella cucina, innovazioni tecnologiche per la lavorazione del legno e l'organizzazione sociale, tra gli altri aspetti ", hanno scritto gli autori dello studio.

"Questa scoperta fornisce nuove informazioni sulla comprensione delle economie di cacciatori-raccoglitori di Aterian MSA e completa la storia dell'iconico olivo nel Mediterraneo ", hanno concluso.



Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti