L'olivicoltore dell'Erzegovina Škegro lo fa di nuovo

La famiglia Škegro continua a mantenere la Bosnia ed Erzegovina tra i luoghi dove trovare oli extravergine di oliva di livello mondiale.
di Nedjeljko Jusup
7 aprile 2022 12:40 UTC

Dicono che il premio sia più facile da vincere che da difendere e l'azienda vinicola della famiglia Škegro dalla Bosnia ed Erzegovina è riuscita in entrambi. Per cinque anni di fila, il loro petrolio ha vinto l'oro alla NYIOOC World Olive Oil Competition, il premio per la qualità dell'olio d'oliva più ambito del settore.

È soddisfazione per il lavoro investito e sacrificio. Riconoscimento a me, alla nostra famiglia e anche alla regione dell'Erzegovina.- Mirko Škegro, azienda vinicola della famiglia Škegro

"Il New York Award significa molto. È soddisfazione per il lavoro investito e sacrificio. Riconoscimento a me, alla nostra famiglia e anche alla regione dell'Erzegovina di cui facciamo parte. Il riconoscimento conferma che siamo sulla strada giusta”, ha detto Mirko Škegro (72). Olive Oil Times.

Mirko, con la moglie Mirjana, la figlia Andrea, i figli Bariša e Ante possiede un'azienda vinicola di famiglia che da 26 anni produce vini pregiati dai vitigni autoctoni Žilavka, Blatina, Trnjak e Orange.

Ma ultimamente è diventato sempre più famoso per gli oli extravergini di oliva. "Olio e vino sono marchi eterni e viti e olive in simbiosi danno la massima qualità ", ha affermato Mirko.

profili-i-migliori-oli-di-oliva-erzegovina-olivicoltore-skegro-lo-fa-ancora-olio-di-oliva-tempi

Le olive sono sempre state piantate ai margini dei vigneti in Erzegovina e la famiglia Škegro continua questa tradizione. Lungo i margini e tra i vigneti sono stati impiantati in totale 600 ulivi, di cui 100 a piena maturazione.

La maggior parte di loro sono varietà autoctone Oblica, Levantinka, Lastovka, Istarska Bjelica e Italian Leccino, Pendolino, Coratina e Cipressino. L'esposizione ideale, il terreno permeabile ricco di minerali e il clima giocano un ruolo in tutto.

Le piantagioni della famiglia Škegro si trovano nell'Erzegovina occidentale, sulle colline sopra la città di Ljubuški a Radišići, tra 132 e 312 metri sul livello del mare ea soli 28.6 km dalla costa adriatica. C'è la biodiversità, una moltitudine di specie endemiche.

Il clima mediterraneo e continentale si mescola, le giornate sono calde e le notti fredde, il che si adatta sia alla vite che all'olivo. "I frutti accumulano zuccheri e sostanza secca", ha affermato Škegro. Ha sottolineato in particolare la varietà autoctona Oblica, che rappresenta il 40 percento del pluripremiato olio KRS.

“[The Oblica] è resistente alle malattie e i frutti conferiscono all'olio una qualità in più. Sono ideali anche per l'inscatolamento e il consumo", ricorda Škegro ai critici che hanno recentemente sostenuto l'abbandono di Oblica e il reinnesto su altre varietà, per lo più introdotte.

Il segreto di un olio d'oliva di prima qualità sta nella raccolta, nella lavorazione e nella conservazione. "Raccogliamo le olive quando le scadenze sono ottimali, a mano. Tutti i membri della famiglia partecipano alla vendemmia. Segue poi la spremitura a freddo entro poche ore. L'olio va subito in contenitori di acciaio inox. Dopo un mese lo versano in bottiglie scure e lo conservano ad una temperatura ideale di 16-18°C.

profili-i-migliori-oli-di-oliva-erzegovina-olivicoltore-skegro-lo-fa-ancora-olio-di-oliva-tempi

La famiglia Škegro

Il risultato di tutto quanto sopra è un olio premium con un gusto delicato e un'amarezza equilibrata, ricco di aromi e fruttato. Grazie alla qualità e ai premi per gli oli e i vini di Škegro, è diventato ampiamente noto.

"Abbiamo avuto l'onore e il piacere di ospitare l'Ambasciatore degli Stati Uniti in Bosnia ed Erzegovina, Eric Nelson, ei suoi collaboratori", ha affermato Škegro. Hanno presentato i loro prodotti, vini e oli, che sono il risultato di un armonioso lavoro familiare e hanno discusso dello sviluppo del turismo rurale e del marchio dell'Erzegovina come destinazione per i migliori vini e oli.

All'incontro ha partecipato anche Marko Ivanković, direttore dell'Istituto Federale Agromediterraneo Mostar. "Stiamo facendo grandi passi avanti", ha detto.

Sebbene l'olivicoltura organizzata sia iniziata negli ultimi 10 anni circa, da 6,000 alberi sono arrivati ​​agli attuali 87,000, che coprono 350 ettari, una crescita che non è stata registrata finora nel Mediterraneo europeo.

In un recente intervista con il Olive Oil Times, Ivankovic ha affermato che nel prossimo medio termine l'obiettivo è raggiungere i 1,000 ettari sotto gli ulivi.

"Con l'aumento del numero di produttori commerciali e l'aumento della capacità di trasformazione, l'obiettivo è proteggere l'origine e l'origine geografica dell'olio d'oliva dell'Erzegovina e del suo marchio", ha concluso Ivanković.

Per quanto riguarda la famiglia Škegro, i loro vini e oli sono, come si suol dire, "una storia che dura, continua e lascia il segno”.

pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti