L'ex pilota di caccia guida Loopline Olives sul palcoscenico mondiale

Nell'Isola del Nord della Nuova Zelanda, Stephen Davies Howard ha approfittato del clima mediterraneo per produrre oli d'oliva pluripremiati.

Olive Loopline
Marzo 2, 2022
Di Paolo DeAndreis
Olive Loopline

Notizie recenti

Trekker e turisti che scendono dalla catena del Tararua nel sud dell'Isola del Nord della Nuova Zelanda possono arrivare nel piccolo villaggio di Opaki.

Situata nella fertile terra dell'area del fiume Ruamāhanga di Wairarapa, tra il Tararua Forest Park e l'Oceano Pacifico, la terra è stata a lungo vocata all'agricoltura.

Essendo in Nuova Zelanda, uno dei fatti interessanti sui nostri monovarietali è che il loro profilo di qualità e sapore corrisponde completamente a quello che ti aspetteresti da queste cultivar di origine europea.- Stephen Davies Howard, proprietario, Loopline Olives

Questo punto panoramico è anche il luogo degli uliveti di Olive Loopline prosperare e dove alcuni dei migliori al mondo oli extra vergine di oliva sono fatti.

Caratterizzata da estati lunghe e secche e protetta dai forti venti occidentali dai dolci pendii delle cime alte 1,500 metri della catena del Tararua, Wairarapa è stata a lungo la patria dei produttori di vino.

Vedi anche:Profili del produttore

Qualche anno fa, un inglese sommelier di olio d'oliva si stabilì a Wairarapa e acquisì Loopline Olives. Applicando la sua conoscenza ed esperienza, Stephen Davies Howard ha portato la sua olive oil produzione alla scena mondiale.

"Mio padre e mio nonno nel Regno Unito erano ebanisti e io sono cresciuto intorno al legno, ma posso dire che il mio interesse per l'olio d'oliva, gli ulivi e l'olivicoltura è nato durante il mio soggiorno a Puglia, durante la guerra in Bosnia", ha detto Davies Howard Olive Oil Times, alludendo al fascino e alla bellezza dei paesaggi olivicoli pugliesi.

pubblicità

"Il mio background è come pilota di caccia con la Royal Air Force. Mi sono innamorato della Nuova Zelanda in tempi più recenti mentre navigavo per il mondo sul mio yacht", ha aggiunto. "Così mi sono sistemato qua e là, con mille ulivi, a sentire la responsabilità della loro salute, a godermi la loro bellezza”.

La produzione di olive in Nuova Zelanda iniziò ad espandersi alla fine degli anni '1980, quando le talee da Israele furono importate a Blenheim, nell'Isola del Sud.

australia-e-nuova-zelanda-produzione-di-profili-i-migliori-oli-d-oliva-ex-pilota-di-caccia-sterzi-loopline-olive-verso-il-palcoscenico-mondiale-tempi-di-olio-d-oliva

Olive Loopline

Secondo l'associazione New Zealand Olives NZ, l'espansione dell'oliveto è aumentata negli anni '1990, con oltre 200,000 nuovi alberi piantati in tutto il paese.

Gli agricoltori locali hanno scoperto che gli ulivi, principalmente varietà italiane e spagnole, sembravano adattarsi perfettamente al clima unico del paese. Tuttavia, i primi ulivi del paese arrivarono ben prima.

Nel 1835, Charles Darwin, osservando l'area di Walmate nell'Isola del Sud, scrisse degli insediamenti agricoli lì, dove "Posso citare asparagi, fagioli, cetrioli, rabarbaro, mele, pere, fichi, pesche, albicocche, uva, olive, uva spina, ribes, luppolo, ginestre per recinzioni e querce; anche molti tipi di fiori”.

"Vista l'estensione dei nostri uliveti e lo stato attuale di cultura dell'olio d'oliva nel paese, abbiamo deciso di fare ciò che sapevamo di poter ottenere: concentrarci sulla qualità, non sui volumi", ha affermato Davies Howard.

Dal 2019, gli oli extra vergine di oliva Loopline Olive hanno vinto premi al NYIOOC World Olive Oil Competition.

Loopline Olives ha vinto due Gold Awards per una coppia di monovarietali Picholine e Picual in entrambi i Edizione 2020 e 2021 NYIOOC. L'azienda ha anche vinto premi con i suoi monovarietali Frantoio e Leccino.

"Essendo in Nuova Zelanda, uno dei fatti interessanti sui nostri monovarietali è che la loro qualità e profilo aromatico corrispondono completamente a ciò che ti aspetteresti da queste cultivar di origine europea", ha affermato Davies Howard.

NYIOOC la giuria ha apprezzato la Picholine per le sue sensazioni gustative di anice, lattuga, pepe nero, foglia di pomodoro e carciofo, secondo il Guida ufficiale ai migliori oli d'oliva del mondo.

Tuttavia, l'olio extra vergine di oliva Picual è più mite.

"Presenta foglie verdi fresche, erba appena tagliata e un bel profumo al naso, ben trasferito al palato con rucola, foglia di pomodoro e carciofo. È mite, con amarezza e piccantezza ben bilanciate e un finale morbido e persistente", hanno scritto i giudici.

australia-e-nuova-zelanda-produzione-di-profili-i-migliori-oli-d-oliva-ex-pilota-di-caccia-sterzi-loopline-olive-verso-il-palcoscenico-mondiale-tempi-di-olio-d-oliva

Olive Loopline

"Produciamo da 3,000 a 3,500 litri all'anno", ha affermato Davies Howard. "Sono tutti venduti sul mercato interno".

Oggi, Olives NZ lo stima consumo di olio d'oliva è di circa quattro milioni di litri all'anno, con una produzione locale che copre meno del 10 per cento della domanda interna.

"La produzione annuale varia da 200,000 litri a 400,000 litri all'anno a seconda dell'anno ", ha scritto Olives NZ. Circa il 90 percento delle importazioni di olio d'oliva proviene dalla Spagna.

Per i produttori di olio extra vergine di oliva di alta qualità del paese, la sfida è promuovere la cultura dell'olio d'oliva e alcuni conoscenza di base sui loro prodotti.

"I consumatori della Nuova Zelanda oggi non sono abituati all'olio d'oliva di alta qualità, poiché la maggior parte di loro acquista ciò che trova nei negozi dei rivenditori di generi alimentari, che sono per lo più oli d'oliva importati che nel tempo potrebbero aver perso molte delle loro qualità ", ha affermato Davies Howard.

"Ci sono persino produttori che rinominano la Nuova Zelando olive oil procondotti che sono stati importati molto tempo prima e che probabilmente non potrebbero nemmeno essere qualificati come extravergini”, ha aggiunto. "I nostri sforzi, ovviamente, sono volti a far capire alle persone di più su cos'è un olio extra vergine di oliva, cosa significa trasformare le olive entro sei ore dalla raccolta e quando lo ascoltano, posso vedere quanto si interessano. "

"La maggior parte dei clienti di Loopline Olives ha un'età compresa tra la fine dei 30 ei 40 anni, con per lo più donne in età più giovane e uomini in età più avanzata ", ha continuato Davies Howard. "Sono molto concentrati sul benefici alla salute di oli extravergine di oliva”.

australia-e-nuova-zelanda-produzione-di-profili-i-migliori-oli-d-oliva-ex-pilota-di-caccia-sterzi-loopline-olive-verso-il-palcoscenico-mondiale-tempi-di-olio-d-oliva

Olive Loopline

Dato l'impatto benefico degli antiossidanti presenti nell'olio extra vergine di oliva, il coltivatore neozelandese ha notato come uno dei punti di vendita più rilevanti per Loopline Olives sia il loro alto contenuto di polifenoli.

"L'anno scorso eravamo negli 800 milligrammi per chilogrammo ", ha affermato Davies Howard, sottolineando come i cambiamenti stagionali non avrebbero fatto scendere quei numeri sotto i 270-350 milligrammi per chilogrammo, che secondo lui era ancora al di sopra di molti altri oli extra vergini d'oliva sul mercato .

Oggi in Nuova Zelanda, una comprensione in lento miglioramento della qualità dell'olio extra vergine di oliva non si è ancora tradotta nell'espansione dell'oliveto.

Dagli anni '1990, Olives NZ ha scritto, "un certo numero di boschetti sono stati rimossi (e purtroppo continuano a essere rimossi), o per il passaggio a una coltura ad alto rendimento (ad esempio, l'uva) o perché le varietà piantate non erano adatte".

L'associazione stima che oggi in Nuova Zelanda stiano crescendo 400,000 ulivi. Mentre ci sono più di 300 boschetti produttivi nel paese, almeno 100 boschetti non sono attualmente gestiti.

"Si tratta in genere di boschetti più piccoli in cui vi è una mancanza di conoscenza o un ritorno sull'investimento percepito inadeguato per garantire che il boschetto venga coltivato in modo produttivo ", ha scritto Olives NZ. "Questi boschetti dormienti sono un cattivo uso della terra, ma potenzialmente potrebbero contribuire alla soluzione in cui la domanda di olio extra vergine di oliva della Nuova Zelanda supera l'offerta.

"La cultura dell'olio d'oliva è fondamentale", ha concluso Davies Howard. "Stiamo lavorando duramente per promuoverlo utilizzando tutti i mezzi possibili come i social media, un ambiente in cui possiamo interagire con le persone sui vantaggi e le qualità dell'olio extra vergine di oliva di alta qualità ".



pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti