1526

Saluto

Il consumo di oleuropeina può mitigare gli effetti dell'invecchiamento sull'atrofia muscolare

Una nuova ricerca pretende di dimostrare che i topi anziani che hanno seguito una dieta integrata con estratto di foglie di olivo ricco di oleuropeina hanno aumentato la massa muscolare.
Il consumo di estratto di foglie di olivo potrebbe ridurre gli effetti dell'invecchiamento sui muscoli.
Di Thomas Sechehaye
13 luglio 2023 13:41 UTC

Lo suggerisce una nuova ricerca dell’Università di Padova in Italia e del Nestlé Institute of Salute Sciences consumo di estratto di foglie di olivo potrebbe ridurre gli effetti dell'invecchiamento sui muscoli.

L' studio, pubblicato come pre-stampa su BioRxiv, il che significa che non è stato ancora sottoposto a revisione paritaria, ha scoperto che topi anziani alimentati con estratto dietetico di foglie di olivo con oleuropeina dimostrato un migliore assorbimento del calcio. Questa ha migliorato la funzione mitocondriale, consentendo ai topi di correre più a lungo e aumentando la loro massa muscolare.

Lo studio sarebbe il primo a dimostrare che il funzionamento dei mitocondri può essere preso di mira direttamente con molecole che si trovano naturalmente nelle olive e nelle foglie di olivo. I mitocondri sono organelli cellulari che utilizzano la respirazione aerobica per generare energia chimica utilizzata in tutta la cellula.

Vedi anche:Saluti Notizia

Secondo ricerche precedenti, l'assorbimento di calcio nei mitocondri diminuisce durante l'invecchiamento. Questo probabilmente contribuisce alla sarcopenia, un tipo di perdita muscolare che si verifica naturalmente nel processo di invecchiamento.

I ricercatori hanno affermato che lo studio rappresenta un buon primo passo per determinare il valore terapeutico dell'oleuropeina per la sarcopenia e altri tipi di atrofia muscolare.

"Il minerale calcio è coinvolto in tutta la contrazione dei muscoli scheletrici e gli autori affermano di essere i primi a scoprire che una diminuzione dell’assorbimento di calcio da parte dei mitocondri contribuisce al declino mitocondriale associato all’invecchiamento”, ha affermato Mary M. Flynn, professoressa associata di medicina e fondatrice dell'Olive Oil Salute Initiative del Miriam Hospital della Brown University Olive Oil Times.

"Ne hanno proiettati diversi polifenoli e ha scoperto che l'oleuropeina potrebbe legarsi nel sito in cui il calcio entrerebbe nei mitocondri, che quindi consente al calcio di entrare nella cellula, evitando così il declino mitocondriale, e questo ha dimostrato di migliorare e consentire l'attività mitocondriale (o l'uso di ossigeno per produrre energia) per accadere “, ha aggiunto.

Secondo Simon Poole, medico, autore e istruttore di nutrizione per il Olive Oil Times Sommelier Certification Program, la ricerca potrebbe aggiungersi al compendio dell'olio d'oliva conosciuto benefici alla salute. Tuttavia, ha avvertito che i risultati degli studi sui topi non possono essere automaticamente tradotti nell'uomo.

"Questo studio si aggiunge al database in espansione della ricerca che mostra i potenziali effetti benefici dei polifenoli dell'olivo come l'oleuropeina sulle strutture cellulari compresi i mitocondri e, di conseguenza, sull'invecchiamento cellulare ", ha affermato.

"È importante rimanere cauti quando si considerano i risultati degli studi sugli animali e anche quando vengono utilizzati estratti di composti presenti in natura", ha aggiunto Poole. "Spesso è difficile replicare i risultati dello studio quando si utilizzano integratori negli esseri umani, soprattutto quando i ricercatori sono alla ricerca di risultati di salute misurabili”.

Sulla base dei dosaggi somministrati ai topi dai ricercatori, Flynn ha affermato che lo studio potrebbe essere ricreato negli esseri umani.

"Una ricerca come questa deve iniziare sugli animali, e come ciò si tradurrà poi negli esseri umani non è noto", ha detto Flynn. "Se lo stesso effetto (cioè l'arresto del declino naturale dell'attività mitocondriale con l'invecchiamento) potesse essere mostrato negli esseri umani, ciò avrebbe implicazioni molto interessanti".

"Lo studio è stato condotto sui topi e hanno utilizzato una dose del 40% di oleuropeina a 50 milligrammi per chilogrammo e hanno riscontrato benefici ", ha aggiunto. "Usando la stessa dose in un esperimento umano, per 45.4 chilogrammi (100 libbre), sarebbero 2,270 milligrammi o 2 grammi di oleuropeina per 100 libbre", ha detto. "Non sembra molto, quindi potrebbe essere fattibile.

Poole ha concluso che, indipendentemente dai prossimi passi della ricerca, lo studio ha dimostrato che i polifenoli hanno impatti sulla salute più profondi rispetto alla riduzione dell'infiammazione e delle ossidazioni.

"Questo studio, tuttavia, rappresenta una prova più intrigante a sostegno dell'idea che i composti polifenolici prodotti dall'olivo possano avere effetti biologici non solo sui percorsi di infiammazione e ossidazione, ma anche sulle strutture che alimentano gran parte della biochimica delle cellule ", ha affermato. disse.



pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati