Vincere a NYIOOC Parte della ricerca del produttore per migliorare la reputazione dell'EVOO tunisino

Quando Karim Fitouri ha scoperto che la reputazione dell'olio d'oliva tunisino era un ostacolo all'esportazione, ha deciso di migliorare la posizione del suo paese nel mondo dell'olio d'oliva.

Karim Fitouri
Può. 31, 2022
Di Lisa Anderson
Karim Fitouri

Notizie recenti

Per il sesto anno consecutivo, produttore tunisino Olivo è stato riconosciuto per il suo biologico oli extra vergine di oliva alla NYIOOC World Olive Oil Competition.

Olivko ha ottenuto cinque premi all'edizione di quest'anno del concorso di qualità più importante del settore, tra cui tre Gold e due Silver Awards.

Voglio lasciare qualcosa alle spalle. Voglio fare la differenza.- Karim Fitouri, Olivko

L'azienda ha vinto i Gold Awards per la sua robustezza Chetoui, medio Chemlali e Cultivar Selvatica media. Olivko ha anche vinto Silver Awards per un monovarietale Chetoui delicato e medio.

Ha detto Karim Fitouri, fondatore e proprietario di Olivko Olive Oil Times che l'emergere di spicco di Olivko sulla scena internazionale rispecchia l'ascesa del settore dell'olio d'oliva tunisino nel suo insieme.

Vedi anche:Profili del produttore

Nel 2011, Fitouri viveva in Inghilterra quando si è reso conto che anche se era finanziariamente a suo agio, non era felice.

"Fluisci semplicemente con la vita, ecco, segui semplicemente il percorso della vita senza apportare modifiche; era proprio lo stesso", ha detto.

pubblicità

Fitouri ha detto che il bisogno di cambiamento nella sua vita ha coinciso con il Rivoluzione dei gelsomini nella sua nativa Tunisia.

Dopo la rivolta popolare di 28 giorni, ha osservato un mercato in crescita per i mobili nel suo paese d'origine a causa del conseguente boom edilizio, che ha portato alla sua decisione di importare mobili dalla Cina.

Rimuginando sulla via del ritorno all'aeroporto dopo aver visitato un amico in Cina per procurarsi mobili, ha concluso che sarebbe stata anche un'opzione praticabile esportare cibo in Cina. In questo modo, potrebbe sostenere l'economia del suo paese e aiutare il popolo tunisino.

Fitouri ha preso in considerazione alcuni prodotti alimentari tunisini, inclusi pomodori e datteri, ma alla fine ha deciso per l'olio d'oliva.

"A quel tempo, non sapevo nulla dell'olio d'oliva, anche se sono nato in un paese che è il secondo produttore più grande dopo l'Unione Europea ", ha detto.

africa-medio-oriente-profili-produzione-i-migliori-oli-di-oliva-olive-times

Foto: Olivko

Attraverso un amico in Cina, Fitouri ha organizzato un incontro con un acquirente che, insieme a sua figlia, possedeva 17 supermercati. Fitouri ha raccolto una grande quantità di olio d'oliva esente da dazi da un frantoio tunisino e ha inviato l'olio in Cina attraverso l'Inghilterra.

L'acquirente aveva l'impressione che Fitouri fosse inglese e "mi è piaciuto il prezzo e il petrolio”, ha ricordato.

"Ho pensato, 'Wow, è facile, è fantastico", ha detto Fitouri con una risata. Ma poi il tappeto è stato strappato via da sotto i suoi piedi.

"All'improvviso mi ha chiesto: 'Da dove viene questo olio?' Una volta che ho detto che il petrolio proveniva dalla Tunisia, tutto si è fermato", ha detto Fitouri.

Si è scoperto che l'acquirente aveva avuto una precedente esperienza negativa con l'olio d'oliva tunisino e preferiva invece importare dall'Australia.

Fitouri ha detto che sul volo di 13 ore per l'Inghilterra lo era "in agonia" pensando a come la reputazione dell'olio d'oliva tunisino avesse inasprito l'accordo che era arrivato così vicino a garantire. Si è quindi trovato di fronte a due scelte.

"Torno in Inghilterra e chiudo la fine, o vado avanti e faccio un buon nome per la Tunisia perché venda il mio prodotto e per altri produttori per vendere il loro prodotto? Lui ha spiegato.

Fitouri ha optato per la seconda opzione e ha iniziato a studiare le carenze di tunisino olive oil produzione, un processo che gli ha richiesto quattro anni.

Ha scoperto che il clima della Tunisia era ottimale per olivicoltura, e aveva cultivar uniche, quindi il paese nordafricano aveva un notevole potenziale come produttore.

africa-medio-oriente-profili-produzione-i-migliori-oli-di-oliva-olive-times

Foto: Olivko

Alla fine, ha concluso che il motivo principale della reputazione negativa dell'olio d'oliva tunisino a livello internazionale era che il 90 percento era esportato senza etichetta alla rinfusa.

Fitouri ha affermato che era responsabilità del governo migliorare la reputazione dei prodotti di un determinato paese, rendendosi conto che sarebbe stato un compito mastodontico per un individuo con risorse finanziarie limitate —  "quasi impossibile,” rifletté.

"Ma sono un uomo che non si arrende", ha aggiunto Fitouri. Ha deciso che un modo conveniente per lui come individuo di migliorare le prospettive del suo paese era produrre olio extra vergine di oliva di alta qualità e partecipare a concorsi.

Ha detto che, sulla base della sua ricerca, conosceva il NYIOOC è stata la competizione per la qualità dell'olio d'oliva più riconosciuta e affidabile a livello globale. Ha concluso che vincendo premi al NYIOOC migliorerebbe la reputazione della Tunisia come produttore di livello mondiale.

Fitouri ha affermato che Olivko ha acquistato olive da tutta la Tunisia per produrre il suo olio extra vergine di oliva. Ha ricordato che il primo olio dell'azienda è stato spremuto il 21 dicembre 2016 ed è entrato per la prima volta nel NYIOOC nel mese di aprile 2017.

Quell'anno, Olivko vinse un Gold Award - Il primo Gold Award della Tunisia al concorso - che è stata una conferma per Fitouri che la Tunisia era in grado di produrre olio extra vergine di oliva di alta qualità.

africa-medio-oriente-profili-produzione-i-migliori-oli-di-oliva-olive-times

Foto: Olivko

Fitouri ha detto di essersi reso conto che un produttore non poteva fare la differenza da solo, quindi si è avvicinato agli altri e ha spiegato che dovevano lavorare insieme. Nel 2018 ha assistito alcuni produttori pagando le quote di iscrizione.

Quell'anno, i produttori hanno vinto 11 premi alla NYIOOC e hanno progressivamente guadagnato di più ogni anno, arrivando a 32 nel 2022.

Insieme ai premi totali, il numero di Gold Awards è aumentato costantemente ogni anno e anche il tasso di successo dei produttori tunisini al concorso è aumentato.

Fitouri ha detto che uno dei momenti salienti è stato quando Olivko ha vinto il Best in Class (poiché interrotto) al 2019 NYIOOC per i suoi Chemlali. Questa cultivar locale ha contribuito a circa il 60% del tunisino olive oil produzione e, fino a quel momento, è stato venduto all'ingrosso nell'anonimato.

"Ciò ha dimostrato che l'idea ha funzionato per creare un nome per l'olio d'oliva tunisino ", ha affermato Fitouri.

Oltre al suo studio quadriennale sull'olio d'oliva tunisino, Fitouri ha deciso di iniziare a seguire corsi attraverso il Olive Oil Times Education Lab, che ha detto essere stato un punto di svolta per lui.

"Se non fosse stato per quel corso, non credo che tutto questo sarebbe successo", ha detto Fitouri. "Ho imparato molto e ho incontrato molte persone interessanti. Ha anche cambiato il modo in cui guardo agli oli d'oliva. Tutto è cambiato da quel momento. "

Fitouri ha affermato che Olivko si rifornisce di olive da tutta la Tunisia per produrre i loro oli extra vergini di oliva biologici, che hanno vinto più di 100 premi nel corso degli anni e sono venduti in Medio Oriente, India, Europa, Canada e Stati Uniti, tra gli altri.

L'azienda fornisce olio extra vergine di oliva per il confezionamento del tonno in scatola e ha creato Olivko Kids, un olio extra vergine di oliva per bambini.

Fitouri crede che la Tunisia possa essere alla pari con l'Italia, in termini di produzione, nel prossimo decennio e spera di poter continuare a fare la sua parte a sostegno del settore.

"Voglio lasciare qualcosa alle spalle. Voglio fare la differenza", ha concluso. "Sono felice perché anche se muoio ora, non puoi falsificare la storia. È qui."


pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti