La Siria limita le esportazioni di olio d'oliva mentre le prospettive del raccolto peggiorano

Si prevede che la produzione di olio d'oliva in Siria diminuirà del 50% nella campagna agricola 2023/24. Le autorità hanno vietato le esportazioni per prevenire l’aumento dei prezzi.

Sacchi di olive in un mulino nella campagna di Afrin, nel nord-ovest della Siria (AP)
Di Paolo DeAndreis
14 settembre 2023 16:53 UTC
1075
Sacchi di olive in un mulino nella campagna di Afrin, nel nord-ovest della Siria (AP)

Dopo un raccolto eccezionale lo scorso anno, I funzionari siriani prevedono un forte calo della produzione di olio d'oliva.

Il Ministero dell'Agricoltura ha confermato che l'avvicinarsi della campagna 2023/24 produrrà 49,000 tonnellate di olio d'oliva.

Secondo i dati del Consiglio oleicolo internazionale (CIO), la Siria ha prodotto 134,000 tonnellate di olio d'oliva nel 2022/23 e una media di 131,000 tonnellate all'anno negli ultimi cinque anni.

Vedi anche:Aggiornamenti del raccolto 2023

Abeer Johar, direttore dell'ufficio olivicolo presso il Ministero dell'Agricoltura, ha attribuito il calo della produzione all'ingresso di molti produttori nell'Unione Europea 'off-year' nel ciclo produttivo alternato naturale dell'olivo abbinato agli impatti di cambiamento climatico.

A giugno 2023 rapporto dal Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione ha citato la siccità e le inondazioni nel nord-ovest della Siria, dove viene prodotta la stragrande maggioranza dell'olio d'oliva del paese, come due delle sfide non legate al conflitto più significative della regione.

Se le stime di produzione del ministero si realizzassero, la produzione di olio d'oliva siriano coprirà a malapena il consumo interno, che secondo le stime del CIO raggiungerà circa 100,000 tonnellate nelle ultime due stagioni.

Di conseguenza, il primo ministro Hussein Arnous ha annunciato un divieto sulle esportazioni di olio d'oliva, entrato in vigore il 1 settembrest. I dati del CIO mostrano che il paese ha esportato 15,000 tonnellate nel 2021/22 e 24,000 nel 2022/23.

Secondo Johar, il divieto di esportazione limita ulteriori aumenti dei prezzi per i consumatori nazionali.

I prezzi al dettaglio dell'olio d'oliva in Siria variano in modo significativo a seconda della regione. Secondo Selina Wamucii, una piattaforma che collega gli agricoltori con i consumatori, i prezzi dell'olio d'oliva al dettaglio nel paese vanno da $ 8.87 (€ 8.26) a $ 24.75 (€ 23.05) per chilogrammo.

Questi prezzi relativamente alti mettono l’olio d’oliva fuori dalla portata di molte famiglie. L'economia del paese ha vacillato in modo significativo a causa del conflitto interno e di altri fattori macroeconomici.

Oltre 12 anni di guerra civile hanno distrutto gran parte della Siria, soprattutto la parte nord-occidentale del paese, provocando la morte di oltre 300,000 civili e lo sfollamento di altri milioni di persone.

Aumento dei prezzi del petrolio e dei cereali e Lo storico terremoto di febbraio hanno ulteriormente complicato la situazione macroeconomica.

L’inflazione dilagante e altri problemi macroeconomici hanno portato anche la vicina Turchia ad attuare un’a divieto di esportazione di olio d'oliva sfuso per mantenere bassi i prezzi.

La mossa è arrivata nonostante scarsi raccolti nel Mediterraneo occidentale, che ha aumentato la domanda di importazioni in Spagna e Italia, insieme a a raccolto record in Turchia.

Nonostante il divieto di esportazione della Siria, il commercio di olio d'oliva è stato tra i temi discussi dalle autorità siriane e pakistane discusso quando si incontrarono a Damasco alla fine di agosto.

È in cantiere un accordo tra i due paesi per l'importazione e l'esportazione di prodotti alimentari, compreso l'olio d'oliva.

I dati ufficiali mostrano che la produzione di olive avvantaggia il 20% della popolazione siriana. Gli uliveti costituiscono l'11.5% del terreno agricolo del paese e forniscono il 28% della produzione complessiva di frutta del paese.



Condividi questo articolo

pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati