Un raccolto di successo in Sud Africa nel mezzo di continui blackout

Quest'anno i tagli all'energia elettrica hanno raggiunto alcuni traguardi desolanti, ma i produttori del paese non si sono scoraggiati.

(Foto: De Rustica)
Di Lisa Anderson
26 settembre 2023 14:30 UTC
465
(Foto: De Rustica)

Durante il recente raccolto, le interruzioni di corrente e le condizioni meteorologiche avverse non hanno impedito agli agricoltori sudafricani di produrre olio extravergine d'oliva di qualità eccezionale.

Lo ha detto Philip King, vicepresidente della South African Olive Industry Association (SA Olive). Olive Oil Times che quest'anno il paese ha prodotto circa 1.2 milioni di litri di olio d'oliva.

Tutti hanno dovuto ovviare a questo inconveniente (riduzione del carico) procurandosi elettricità di riserva sotto forma di generatori, soluzioni solari o cambiando i turni di lavoro. Il lavoro doveva continuare.- Philip King, vicepresidente, Industria olivicola sudafricana

"La qualità degli oli extra vergini di oliva sudafricani del 2023 ha compensato il raccolto inferiore. IL Vendemmia 2022 ha prodotto una stima di poco meno di 1.7 milioni di litri”, ha detto King. "Numerosi produttori hanno ricevuto i massimi riconoscimenti nelle più prestigiose competizioni di olio d'oliva a livello mondiale.

"Questo è fantastico e dimostra ancora una volta che il Sudafrica può produrre oli extra vergini di oliva di livello mondiale ", ha aggiunto.

Vedi anche:Aggiornamenti del raccolto 2023

King si aspettava che la resa di quest'anno sarebbe stata inferiore rispetto al 2022, che secondo lui è stato un anno eccezionale per i produttori del paese.

Quando i produttori hanno iniziato la raccolta all’inizio di quest’anno, si era opposto a una riduzione del carico senza precedenti (interruzioni di energia elettrica per evitare il collasso della rete elettrica nazionale).

A metà febbraio, le interruzioni di corrente per il 2023 avevano già superato i totali combinati del 2019 e del 2020, secondo i dati diffusi dalla South African Reserve Bank (SARB).

A quel tempo, la SARB e altre importanti società sudafricane iniziarono a prepararsi per un collasso della rete. Questo potenziale evento catastrofico ha suscitato preoccupazione a livello nazionale; in caso di interruzione dell’energia elettrica a livello nazionale, ci vorrebbero fino a due settimane per riavviare la rete a causa della sua topologia unica, che secondo gli analisti potrebbe portare a disordini diffusi.

Mentre il raccolto era in pieno svolgimento in aprile, i dati della SARB indicavano che il paese aveva sopportato 2,434 ore di riduzione del carico per il 2023 entro la metà di quel mese.

King ha descritto la riduzione del carico durante il raccolto come una sfida enorme. "Ma come dice il proverbio afrikaans, 'n boero maak 'n piano, "Ha detto.

"Tutti hanno dovuto aggirare questo inconveniente procurandosi elettricità di riserva sotto forma di generatori, soluzioni solari o cambiando i turni di lavoro”, ha affermato. "Il lavoro doveva continuare”.

Oltre alle interruzioni di corrente, gli agricoltori del Capo Occidentale – dove si trovano la maggior parte degli uliveti del paese – hanno subito forti piogge e gravi inondazioni, con conseguenti danni diffusi alle infrastrutture.

Tuttavia, King ha affermato che gli aspetti positivi dell'inverno piovoso hanno superato di gran lunga gli aspetti negativi per gli olivicoltori.

"L’aspetto positivo è che l’irrigazione non è stata quasi necessaria durante il periodo della raccolta, poiché è stato nutrito l’intero profilo del terreno e non solo le aree attorno agli alberi”, ha affermato.

Lo svantaggio è che i giorni di pioggia hanno causato rallentamenti nella raccolta, aumentando le ore perse a causa dei programmi di riduzione del carico, ma i produttori hanno preso la situazione con calma.

Hedley Manicom, comproprietario della Owl's Rest Olive and Lavender Farm, situata tra Robertson e Ashton nel Capo Occidentale, ha affermato che la pioggia ha influito negativamente sul loro tonnellaggio e sulla resa di petrolio.

pubblicità
pubblicità

Ha descritto il raccolto come scarso, con conseguente basso tonnellaggio di olive, circa il 70%, in calo rispetto alla resa dell'anno precedente.

"L'inizio dell'inverno ha comportato la mancata maturazione di molte olive ", ha affermato. "Abbiamo avuto perdite elevate dovute al calo e basse rese per tonnellata a causa dell’elevato contenuto di acqua dovuto alle condizioni del terreno umido”.

Manicom ha detto che la squadra di Riposo dei Gufi ha dovuto aggirare gli orari di riduzione del carico. "Ma lo scarso raccolto ha reso tutto più facile”, ha detto.

Altri fattori con cui Owl's Rest ha dovuto fare i conti sono stati gli alti costi di raccolta dovuti all'aumento del salario minimo e la bassa resa, che hanno ridotto la produttività dei raccoglitori dell'azienda agricola.

Un'altra produttrice di Robertson, Brenda Wilkinson, comproprietaria di Oliveto Rio Largo, hanno affermato che il loro recente raccolto ha comportato una meticolosa pianificazione quotidiana, considerando i programmi di riduzione del carico, le esigenze del personale, il raccolto e il tempo.

Nonostante tutto ciò, ha descritto quest'anno come molto migliore dell'anno scorso, con volumi più grandi e una qualità eccezionale.

Ha detto Wilkinson Olive Oil Times che hanno previsto un grande raccolto e interruzioni di corrente e hanno iniziato a raccogliere prima.

Di conseguenza, hanno prodotto un buon equilibrio di oli intensi e pungenti, seguiti da oli di media intensità più avanti nella stagione. Ciò ha portato loro numerosi premi, ha detto.

Wilkinson ha aggiunto di aver installato un sistema di energia solare a Rio Largo per supportare l'energia elettrica statale.

"Con una buona pianificazione, siamo stati in grado di operare secondo i piani senza molti problemi", ha affermato, "altro che un aumento dei costi di lavorazione”.

Wilkinson ha aggiunto che Rio Largo non ha avuto molti giorni piovosi all'inizio della stagione.

"Quindi il nostro raccolto non è stato interrotto dalla pioggia, a parte le ultime quattro settimane di raccolta, quando abbiamo dovuto posticipare la raccolta di ben 10 giorni per consentire ai frutteti di seccarsi e ridurre il contenuto di umidità nei frutti", ha affermato.

"Come sono sicuro sia il caso del resto del mondo, l’aumento dei costi di manodopera, carburante, fertilizzanti ed erbicidi ha influito negativamente sui nostri costi di produzione, ed è difficile recuperare questi aumenti dei prezzi commerciali dell’olio d’oliva senza ridurre i volumi venduti, "Aggiunse Wilkinson.

Più a est, Kallie Frey, il direttore dell'azienda agricola Tenuta De Rustica, ha affermato che il raccolto è andato bene, aggiungendo che la loro resa di petrolio è stata quattro volte maggiore rispetto a quella dell'anno scorso.

"Ho installato un gruppo elettrogeno prima dell'inizio della raccolta, sapendo che la riduzione del carico avrebbe reso impossibile produrre l'olio extra vergine di oliva di alta qualità che produciamo abitualmente ", ha affermato. "Ha funzionato bene e, grazie a Dio, l’abbiamo fatto.

"Abbiamo una grande squadra. Rende le sfide più facili”, ha aggiunto Frey. "L'inverno piovoso ha causato alcuni ritardi e ha avuto un enorme effetto sulla resa dell'olio, ma la qualità era comunque molto buona. Non ci siamo mai lamentati della pioggia nel Little Karoo”.



Condividi questo articolo

pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati