Gli olivicoltori in Pakistan cercano assistenza governativa per scalare la produzione

Alcuni agricoltori in Pakistan stanno sostituendo le colture tradizionali con le olive, ma hanno bisogno di sussidi governativi per installare sistemi di irrigazione e macinare i loro frutti.
Piante di olivo
Marzo 31, 2022
Rahool Basharat

Notizie recenti

Gli olivicoltori in Pakistan apprezzano i loro frutti come a "raccolto in contanti", ma si aspettano un maggiore sostegno dal governo per aiutarli a crescere olive oil produzione a scala commerciale.

Come parte del suo iniziativa di coltivazione dell'olivo, il Pakistan prevede di piantare 10 milioni di ulivi in ​​tutto il paese per diventare autosufficienti olive oil produzione.

Si spera che in due o tre anni il Pakistan sostituirà la sua importazione di olio d'oliva con la sua produzione locale con questa coltivazione su vasta scala di olive e la sua produzione di olio nel paese.- Muhammad Tariq, direttore del progetto nazionale, Ministero della sicurezza e della ricerca alimentare nazionale

Basit Shakeel Hashmi, un pioniere dell'olivicoltore della più grande provincia agricola del paese, il Punjab, è ottimista sul futuro delle olive nel paese dell'Asia meridionale.

Sei anni fa è passato dalla coltivazione di grano e mais, colture tradizionali nella regione, alla piantumazione di ulivi.

Vedi anche:Il Pakistan diventerà membro del Consiglio oleicolo

Ha detto Olive Oil Times che ha deciso di coltivare l'olivo perché guadagnava meno dalle colture tradizionali a causa del terreno irregolare. Ha iniziato a coltivare olive quando il governo provinciale di Il Punjab iniziò la coltivazione dell'olivo programma.

Nel suo distretto natale di Chakwal, Hashmi ha piantato 18,000 ulivi su 100 ettari di terreno, compresi tratti aridi e irregolari. Ora, il 90 per cento dei suoi alberi sta dando frutti e Hashmi vende i suoi olio extravergine d'oliva a 18€ al litro al mercato rionale.

pubblicità

"La mia terra è diventata oro da quando l'ho trasformata in oliveti ", ha detto. "Solo 5,000 ulivi portano a una produzione di olio sufficiente che aiuta un agricoltore a guadagnare più di € 18,000 all'anno, che è una bella cifra per un agricoltore. "

Hashmi ha aggiunto che non è stato un compito facile per lui a causa dei tratti irregolari del terreno dove ha dovuto installare un sistema di irrigazione a goccia seguendo i consigli degli esperti del governo sulla coltivazione dell'olivo.

In seguito decise di provare qualcosa di un po' diverso e scavò l'area per appiattire il terreno e piantò altri ulivi.

Hashmi aveva coltivato le piante di olivo importate dalla Spagna e le aveva acquistate con l'aiuto dei sussidi governativi. Ora coltiva sei varietà, tra cui Arbequina e Koroneiki.

Decine di altri agricoltori della regione stanno seguendo le sue orme e piantando olive.

I funzionari del programma nazionale per la promozione delle olive e degli agricoltori sono convinti che la promozione dell'olivicoltura su vasta scala su terreni aridi porrà fine alla dipendenza del paese dall'olio d'oliva importato.

I dati di TrendEconomy, una banca dati commerciale, mostrano che il Pakistan ha importato più di 10 milioni di euro di olio d'oliva nel 2020, l'ultimo anno per il quale sono disponibili dati.

Secondo Juan Vilar Strategic Consultants, il Pakistan produce circa 1,500 tonnellate di olio d'oliva all'anno, tutte destinate al consumo interno.

Lo ha detto Muhammad Ramzan Ansar, agronomo del Barani Agriculture Research Institute (BARI). Olive Oil Times che l'istituto ha aiutato gli agricoltori a piantare 1.3 milioni di alberi dal 2016 al 2021.

Ha detto che il primo centro di ricerca e formazione sulle olive è stato istituito a BARI Chakwal per consigliare gli olivicoltori e i produttori di olio.

Ramzan ha aggiunto che la qualità di olive oil proprodotto nella regione sta migliorando e attirando clienti.

Tuttavia, Hashmi ha avvertito che la cura degli alberi per i primi due anni, prima che entrino in produttività, è molto costosa per gli agricoltori e, quindi, difficile da sostenere.

Sebbene il governo incoraggi l'olivicoltura nel paese, molti hanno ancora bisogno di più supporto per installare sistemi di irrigazione a goccia e altre infrastrutture per coltivare le olive in modo redditizio.

Una volta che Hashmi ha raccolto le sue olive, le porta in un mulino gestito dal governo a BARI. Ha detto che la maggior parte degli agricoltori dipende dai frantoi del governo per produrre il proprio olio d'oliva.

Pochi agricoltori hanno il capitale o le conoscenze per costruire i propri mulini, che i produttori di tutto il mondo hanno attribuito a una produzione di qualità superiore.

Tuttavia, Hashmi ritiene che il Pakistan sarà presto in grado di soddisfare le sue esigenze di consumo senza fare affidamento sulle importazioni se le attuali politiche continueranno.

Muhammad Tariq, il direttore del progetto nazionale presso il Ministero della sicurezza e della ricerca alimentare nazionale, ha affermato che ci sono 26 mulini nel paese. Possono produrre una media di 600 chilogrammi di olio d'oliva all'ora.

Ha aggiunto che il governo copre il 67 percento dei costi di acquisto di nuovi ulivi e aiuta gli agricoltori a installare sistemi di irrigazione a goccia.

"Si spera che in due o tre anni il Pakistan sostituirà la sua importazione di olio d'oliva con la sua produzione locale con questa coltivazione su vasta scala di olive e la sua produzione di olio nel paese ", ha concluso.


Olive Oil Times Video Serie

Advertisement

pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti