Bassa disponibilità e prezzi in aumento suscitano preoccupazioni per la frode dell'olio d'oliva in Marocco

I prezzi già elevati dell'olio d'oliva potrebbero aumentare di un ulteriore 25%, il che metterebbe il prodotto fuori dalla portata di molti consumatori del paese.
Di Paolo DeAndreis
28 novembre 2022 14:07 UTC

il significativo olive oil prodiminuzione della seduzione previsto in Marocco in questa stagione ha suscitato preoccupazioni sulla disponibilità di olio d'oliva e sull'aumento dei prezzi.

In molte regioni del Paese, un litro di olio d'oliva viene già venduto a 80 dirham (€ 7.24), rendendo il prodotto fuori dalla portata di molti consumatori marocchini.

Secondo dati da Moody's Analytics, una società di ricerca economica, lo stipendio lordo medio in Marocco è di 323 euro al mese, il più alto della regione ma ben al di sotto della media dei paesi più sviluppati.

Vedi anche:Europa e Marocco firmano un accordo per sviluppare un'agricoltura sostenibile

I media locali riferiscono che molti marocchini che non possono permettersi l'olio d'oliva, ingrediente chiave della cucina locale, hanno espresso apertamente il loro malcontento sui social media.

Il sorgere prezzi dell'olio d'oliva sono stati in gran parte attribuiti alla diminuzione della produzione del paese, derivante dalla prolungata siccità. Le minori rese di olive hanno aumentato i costi di produzione dei frantoiani, che sono stati trasferiti sui consumatori.

Rachid Benali, presidente dell'associazione interprofessionale dell'olio d'oliva del Marocco (Interprolive), ha avvertito i consumatori che un aumento delle frodi sull'olio d'oliva è probabilmente dovuto alla carenza. Inoltre, il Marocco potrebbe non essere in grado di produrre abbastanza olio d'oliva per rispettare i suoi impegni di esportazione e la domanda interna.

"In Marocco, purtroppo, l'olio d'oliva è ancora ampiamente consumato sfuso ", ha detto ai media locali. "Secondo le nostre stime, questa modalità di consumo rappresenta l'85 per cento del consumo nazionale e lascia il campo aperto a vari metodi di frode poiché non esiste un vero modo per verificare se tale olio sia adulterato.

Benali ha detto che la maggior parte delle frodi avviene quando vergine o olio extravergine d'oliva viene miscelato con oli non vergini o vegetali.

"Queste pratiche non sono dannose per la salute e sono addirittura tollerate in alcuni paesi, a condizione che sulla confezione sia indicato che si tratta di un olio misto", ha affermato. "Nel nostro Paese queste pratiche sono vietate e considerate una vera e propria frode”.

Secondo Benali è ancora presto per commentare dati precisi sul calo produttivo. Ha affermato che il 70 percento degli uliveti nel paese è alimentato dalle piogge ed è stato fortemente esposto agli impatti della siccità.

Inoltre, la gravità dell'attuale siccità ha portato anche a tagli ai boschetti irrigati mentre i funzionari locali cercano di preservare le riserve idriche.

Benali ha anche avvertito che i prezzi dell'olio d'oliva in diverse aree potrebbero salire fino a 100 dirham (€ 9.04) al litro.

Negli ultimi decenni, il Marocco ha costantemente aumentato la sua olive oil produzione dovuta a massicci progetti di coltivazione dell'olivo, con rese che superano le 200,000 tonnellate in due diverse annate.

Secondo il Consiglio oleicolo internazionale, il Marocco ha esportato 28,000 tonnellate di olio d'oliva nella campagna 2021/22, mentre il consumo interno è salito a 150,000 tonnellate.

Negli ultimi decenni, il consumo interno è cresciuto in modo significativo, passando da 37,000 tonnellate nel 1990/91.

L'aumento dei prezzi dell'olio d'oliva non si è limitato al Marocco. I raccolti scarsi in tutto il Nord Africa e nell'Europa meridionale e occidentale hanno provocato un aumento dei prezzi in tutto il mondo dell'olio d'oliva. Alcuni esperti prevedere ulteriori aumenti di prezzo mentre l'anno del raccolto continua.



pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti