`L'adulterazione dell'olio d'oliva greco non aumenterà la competitività - Olive Oil Times

Adulterare l'olio d'oliva greco non aumenterà la competitività

Febbraio 26, 2014
Elena Paravantes

Notizie recenti

Recentemente il governo greco, attraverso la Commissione ellenica per la concorrenza, ha richiesto un rapporto all'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), un'organizzazione economica internazionale fondata nel 1961 per stimolare il progresso economico e il commercio mondiale.

Il rapporto è stato lanciato ufficialmente a dicembre di 2013 e comprendeva diverse raccomandazioni tra cui l'abolizione di regolamenti obsoleti.

Mentre molte raccomandazioni avevano senso, altre no. Una proposta particolarmente significativa è stata quella di abolire il divieto di produzione di miscele di oli d'oliva con altri oli vegetali in Grecia. Attualmente in Grecia, olive oil proi produttori non sono autorizzati a miscelare l'olio d'oliva con altri oli, come soia, mais, girasole o una combinazione di questi.

L'OCSE, nel tentativo di limitare gli ostacoli normativi, ha dichiarato che i benefici di questa azione erano chiari. Quali sono questi presunti benefici?

Secondo l'OCSE, consentire la produzione di oli d'oliva miscelati in Grecia consentirebbe ai nuovi fornitori di entrare nel mercato, stimolando in tal modo le pressioni della concorrenza (o talvolta semplicemente la loro minaccia), portando a innovazione di prodotto, incrementi di efficienza e potenzialmente costi inferiori per i produttori e minori prezzi per i consumatori. La disposizione attuale impedisce ai produttori greci di competere sul mercato interno contro oli miscelati importati più economici, hanno affermato.

Per rendere il caso ancora più forte, l'OCSE ha affermato che, sebbene la Grecia abbia il più alto consumo di olio d'oliva per persona al mondo, tale importo è diminuito e che altri paesi mediterranei come la Spagna e l'Italia non hanno questa restrizione e quindi sono più competitivo.

pubblicità

Il ragionamento può sembrare logico in un primo momento, ma sembra essere una proposta generica che non è supportata da numeri concreti, né tiene conto del rapporto tra i greci e l'olio d'oliva.

In primo luogo, affermano che una misura del genere potrebbe portare a costi potenzialmente inferiori per produttori e consumatori ma, poiché questa sarebbe la ragione principale per abolire la disposizione, forse non è sufficiente.

L'olio d'oliva in Grecia è generalmente più economico di altri paesi, queste nuove miscele saranno più economiche? Non ci sono prove che lo saranno. I nuovi oli miscelati saranno persino commercializzati come più sani o innovativi? Probabilmente. Abbiamo visto come questi oli vengono promossi in altri paesi, in particolare negli Stati Uniti e nel Regno Unito.

Sappiamo che in realtà non sono più sani. La maggior parte degli studi che mostrano i benefici per la salute dell'olio d'oliva riguardano l'olio extravergine di oliva, non le miscele. E la domanda più importante è: le compreranno i consumatori greci? Questo rapporto non ha preso in considerazione le abitudini di acquisto e di cucina dei greci. Sì, fortunatamente i greci hanno ancora un olio d'oliva ad alto consumo, tuttavia usano altri oli vegetali per determinate esigenze di cottura. Ma c'è una chiara differenziazione: olio d'oliva o olio vegetale, non una miscela.

Un altro problema è la questione della qualità. La Grecia è nota per i suoi piccoli uliveti, olio d'oliva di alta qualità, alta percentuale di produzione di olio extra vergine di oliva (fino all'80% di olive oil proprodotto è extra vergine, per la Spagna è del 30 per cento e in Italia ne rappresenta circa la metà.

Secondo un rapporto della Commissione per il commercio internazionale degli Stati Uniti, gli oli greci possono essere differenziati dagli altri perché hanno profili di sapore desiderabili e ottengono buoni risultati nei test chimici che misurano la qualità. Tuttavia, pochissimo olio d'oliva greco viene esportato come greco. La maggior parte dell'olio d'oliva greco esportato va agli imbottigliatori in Italia per essere miscelato con oli d'oliva di varie fonti.

In effetti, gli oli di oliva greci sono molto richiesti dagli imbottigliatori per la miscelazione con altri oli extra vergini al fine di aumentare la qualità complessiva. In altre parole, l'olio d'oliva greco viene aggiunto ad altri oli per migliorarne il sapore. Anche gli oli d'oliva greci sono considerati tra i più fruttati e robusti. Ciò solleva la domanda importante: perché un paese che produce olio d'oliva di alta qualità non solo in termini di gusto ma anche di benefici per la salute, contaminerebbe il proprio prodotto aggiungendo vari oli vegetali discutibili?

Il problema che la Grecia sta avendo è che pochissimo olio d'oliva viene esportato come greco. Solo di recente c'è stata una tendenza verso l'esportazione di olio d'oliva greco con un'identità greca. I passaggi sono piccoli ma significativi ed è qui che la Grecia potrebbe vedere i benefici finanziari. Considerando che la Grecia è il terzo produttore di olio d'oliva al mondo ed esporta solo una piccola percentuale come greca, il potenziale vantaggio delle esportazioni è enorme.

Sì, Spagna e Italia consentono la miscelazione, ma sebbene siano anche paesi mediterranei con una ricca cultura dell'olio d'oliva, differiscono in diversi modi. L'olio d'oliva in Grecia era, ed è tuttora, utilizzato come principale tipo di grasso da cucina in tutto il paese a differenza della Spagna e dell'Italia, dove la dieta varia notevolmente da sud a nord. Spagna e Italia hanno già stabilito identità per i loro marchi di olio d'oliva. La Grecia no, e consentire questa miscela in sostanza rovinerebbe qualsiasi reputazione che l'olio d'oliva greco ha stabilito finora e che si sta diffondendo grazie agli sforzi di per lo più piccoli olive oil proproduttori e iniziative private

Infine, è importante notare che la raccomandazione dell'agenzia non tiene conto delle conseguenze che un tale cambiamento può avere sulla salute pubblica e sull'identità culturale e alimentare dei greci. È un fatto noto che la Grecia, insieme ad altri paesi del Mediterraneo, mostra una minore aderenza alla loro dieta mediterranea tradizionale. I greci stanno adottando una dieta occidentale, consumando più prodotti alimentari che non sono locali. Caso in questione: la Grecia ha oltre 70 tipi di formaggio, ma uno dei formaggi più venduti in Grecia, a parte la feta, è un formaggio olandese importato. In che modo ciò avvantaggia finanziariamente la Grecia?

Fortunatamente, il governo greco inizialmente sta dicendo no al blended olive oil proposa, ma non basta. Il governo greco deve rendere prioritario promuovere lo sviluppo di una chiara identità alimentare greca non solo al di fuori della Grecia ma anche all'interno della Grecia, e l'olio d'oliva è un ottimo punto di partenza.


Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti