L'Argentina riceve la sua prima indicazione geografica per l'olio d'oliva

Produttori e funzionari locali ritengono che la prima IGP del paese promuoverà la varietà locale di Arauco e sperano che altre regioni seguano.
Marzo 9, 2022
Paolo De Andreis

Notizie recenti

Olio extravergine d'oliva prodotto nella provincia argentina occidentale di Mendoza riceverà Indicazione geografica protetta stato entro fine mese.

Il sigillo di qualità che protegge gli oli extravergine di oliva dall'imitazione o dalla contraffazione entrerà in vigore formalmente 30 giorni dopo la sua pubblicato dal Ministero dell'agricoltura, dell'allevamento e della pesca.

Riteniamo che sia un'opportunità per posizionare positivamente l'olivicoltura locale (sul mercato) e sostenere almeno una parte degli ulivi tradizionali della varietà Arauco.- Alfredo Baroni, coordinatore tecnico, Istituto per lo Sviluppo Rurale

Per beneficiare dello status di tutela, gli oli extra vergini di oliva devono essere prodotti utilizzando da un minimo del 20% ad un massimo del 50% della varietà autoctona Arauco. Il resto dell'olio deve includere olive Frantoio, Arbequina, Farga, Coratina, Picual o Koroneiki.

I produttori ei funzionari locali ritengono che l'IGP sia un passo appropriato per dare più valore alle produzioni di qualità.

Vedi anche:Il tempo inclemente smorza la raccolta delle olive in Argentina, ma la qualità rimane alta

"Un sigillo che consenta l'identificazione per origine è molto importante per l'olivicoltura di Mendoza ", ha detto Alfredo Baroni, coordinatore tecnico dell'Istituto per lo sviluppo rurale Olive Oil Times. "Riteniamo che sia un'opportunità per posizionare positivamente l'olivicoltura locale [sul mercato] e sostenere almeno una parte degli ulivi tradizionali della varietà Arauco, che producono un olio di gran lunga superiore, ma con rese molto basse e che in molti casi si trovano su piccole proprietà”.

"L'olivo è sempre stata un'attività agricola e agroindustriale molto importante per Mendoza, che ha accompagnato l'industria del vino ", ha aggiunto. "Da questo punto di vista, è tempo di mettersi al passo con [l'industria del vino]”.

pubblicità

Baroni ha detto la nuova indicazione geografica "è un'opportunità per accompagnare gli sforzi compiuti da vari uomini d'affari locali per evidenziare la qualità degli oli locali in varie competizioni internazionali.

Secondo il regolamento argentino, all'olio d'oliva Mendoza è stato concesso lo status di IGP perché le olive coltivate nella provincia conferiscono agli oli qualità o caratteristiche specifiche che non si trovano negli oli d'oliva prodotti altrove in Argentina.

Il Ministero dell'Agricoltura descrive il profilo sensoriale dell'olio extravergine di oliva Mendoza IGP come "fruttato, con altri attributi positivi come amaro e piccante di intensità medio-alta; e zero difetti. Al palato è corposo, pesante e denso. Al naso si distingue per un fruttato leggero, assenza di difetti.

"Le caratteristiche degli oli Mendoza cambiano in base alla composizione varietale", ha detto Mónica Mirábile, professoressa di scienze agrarie e ricercatrice presso l'Università Nazionale di Cuyo (UNCuyo), a Mendoza. Olive Oil Times. "In genere sono oli intensi, dove prevalgono l'amaro e il piccante. Sono fruttati e spiccano la foglia d'ulivo e il pomodoro.

Il panel test dell'UNCuyo ha svolto un ruolo fondamentale nell'analisi dell'unicità della nuova IGP. Mirábile ha affermato che l'olio extra vergine di oliva locale ha un alto contenuto di acido oleico a causa di "la latitudine di coltivazione e il clima mediterraneo”.

Ha aggiunto come circa il 30 percento degli uliveti di Mendoza comprende Arbequina, con il 20 percento dedicato ad Arauco.

"Tuttavia, abbiamo anche la presenza di altre varietà come Frantoio, Farga, Coratina, Picual, Koroneiki e Changlot", ha affermato Mirábile.

Di conseguenza, le miscele locali includono in maggioranza le due varietà. Gli oli extra vergini di oliva risultanti presentano attributi fisico-chimici e sensoriali fortemente dipendenti dalla proporzione delle cultivar distribuite.

"Nelle miscele con Arbequina predominano le note fruttate di banana e mela e noci; meno amaro e piccante. Armonico", ha detto Mirabile.

Quando le olive Arauco sono in maggioranza, le miscele tendono a presentarsi "note erbacee, foglie e vegetali” con una nota più amara e piccante.

Mirabile ha aggiunto come si fonde con Arauco "hanno una percentuale più alta di acido oleico, vicino al 70 percento, un valore molto buono.

"D'altra parte, c'è una buona quantità di composti fenolici che, poiché sono antiossidanti, aumentano la durata di conservazione dell'olio d'oliva e sono benefici per la salute umana ", ha affermato.

Il contenuto previsto della nuova IGP include il 60 per cento o più di acido oleico, un'acidità totale inferiore allo 0.6 per cento, più di 100 parti per milione di polifenoli e meno del 12 percento di perossidi.

L'importanza dell'olio d'oliva nell'economia agroalimentare argentina è in costante crescita. Secondo i dati più recenti di Juan Vilar Strategic Consultants, è il tredicesimo Paese al mondo per superficie dedicata all'olivicoltura.

È anche l'undicesimo più grande olive oil producer, con il 65 percento di olio vergine o extra vergine di oliva.

Mentre l'olio extra vergine di oliva Mendoza è il primo IGP nel paese, i funzionari ritengono che questo potrebbe essere solo l'inizio per riconoscere il lavoro degli agricoltori e dare più valore alle produzioni locali di qualità.

"Spero che ciò accada e che [l'annuncio IGP] incoraggi altre province e altre regioni dell'Argentina a fare lo stesso”, ha concluso Baroni. "Credo che molti luoghi soddisfino le condizioni corrette, come San Juan o gli ulivi in ​​Patagonia".



Olive Oil Times Video Serie

Advertisement

pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti