La Grecia registra quattro oli d'oliva DOP e IGP come proprietà intellettuale

Gli oli extravergine di oliva greci sono stati registrati presso un'organizzazione internazionale che protegge il prodotto da imitazioni e contraffattori in 56 paesi.

Olive Koroneiki
Febbraio 28, 2022
Di Paolo DeAndreis
Olive Koroneiki

Notizie recenti

Quattro greci oli extra vergine di oliva con indicatori geografici protetti dall'Unione Europea hanno ricevuto protezione internazionale della proprietà intellettuale.

Kalamata DOP, Sitia Lasithiou Crete DOP, Kolymvari Chania Crete DOP e Lakonia IGP sono state registrate presso l'Organizzazione mondiale della proprietà intellettuale (OMPI).

Questo impegno legale assunto dalle parti contraenti, la maggior parte delle quali non appartenenti all'UE, fa sì che i prodotti DOP e IGP siano soggetti a un rigido sistema di protezione anche al di fuori dell'UE- George Okinomou e Vasiliki Bakali, direttore generale e avvocato di Sevitel

Denominazione di Origine Protetta (DOP) e Indicazioni geografiche protette (IGP) sono due certificazioni a livello dell'Unione Europea che proteggono le specialità prodotte tradizionalmente da particolari regioni.

Secondo Sevitel, l'associazione dell'industria greca dell'olio d'oliva, che è stata la forza trainante dell'iniziativa, l'ombrello dell'OMPI proteggerà ulteriormente gli oli da contraffazione, imitazione e altre pratiche non competitive.

Vedi anche:La pressione in Grecia aumenta per risolvere la controversia sull'appellativo di Kalamata

"Una volta registrati dall'OMPI, i prodotti DOP e IGP sono completamente protetti da tutte le parti contraenti, coprendo fino a 56 paesi", hanno detto George Okinomou, direttore generale di Sevitel, e Vasiliki Bakali, avvocato di Sevitel Olive Oil Times.

"Parti contraenti del Atto di Ginevra [che consente la registrazione internazionale delle indicazioni geografiche] deve fornire mezzi legali per impedire l'uso di una denominazione di origine o indicazione geografica registrata a livello internazionale per merci dello stesso tipo o merci che non sono dello stesso tipo", hanno aggiunto. .

pubblicità

"Devono anche fornire mezzi legali per impedire qualsiasi uso che equivalga all'imitazione di una denominazione di origine o di un'indicazione geografica", hanno continuato Okinomou e Bakali.

La prevenzione della contraffazione dei prodotti DOP e IGP è una sfida globale e le istituzioni europee e internazionali perseguono regolarmente i trasgressori.

An operazione antifrode guidato da Europol e Interpol in 57 paesi nel 2016 ha scoperto oltre 11,000 tonnellate di merci contraffatte, comprese grandi quantità di petrolio, etichettate come "extra vergine”, che era stato intenzionalmente etichettato erroneamente o adulterato per apparire genuino.

Nel 2018 un'indagine simile in 36 paesi di quattro continenti ha smantellato intere reti di produzione di merci contraffatte. Nello stesso anno, un'altra operazione internazionale ha scoperto quasi 10,000 tonnellate di prodotti contraffatti in 61 paesi, incluso un grande volume di olio d'oliva.

Secondo il governo italiano, gli alimenti contraffatti vengono contrabbandati a livello globale modificando il contenuto originario degli alimenti o commercializzando prodotti il ​​cui aspetto ricorda molto da vicino i prodotti autentici certificati, con nomi e titoli che potrebbero sembrare legittimi.

L'associazione degli agricoltori italiani, Coldiretti, stima in 100 miliardi di euro il valore del mercato globale degli alimenti italiani contraffatti.

"Questo impegno legale assunto dalle parti contraenti, la maggior parte delle quali non appartenenti all'UE, significa che i prodotti DOP e IGP sono soggetti a un rigido sistema di protezione anche al di fuori dell'UE", hanno affermato Oikonomou e Bakali. "Se non protetti, il valore di tali prodotti può essere eroso e i consumatori possono essere sminuiti".

La necessità di tale migliore tutela è rafforzata dal ruolo fondamentale dei prodotti DOP e IGP per l'economia greca e nelle rinomate tradizioni di produzione alimentare del Paese.

Secondo il Ministero greco dello sviluppo rurale e dell'alimentazione, 31 oli extra vergini d'oliva greci hanno certificazioni DOP o IGP.

"Le DOP e le IGP meritano di essere tutelate non solo per il loro legame con la qualità, la tradizione e la reputazione; danno anche un contributo molto prezioso allo sviluppo rurale sostenibile”, hanno affermato Oikonomou e Bakali.

"Per i produttori, infatti, il diritto esclusivo di utilizzare il nome di un prodotto comporta un prezzo più elevato rispetto a prodotti simili nella stessa categoria alimentare", hanno aggiunto.

Secondo Oikonomou e Bakali, l'Unione Europea "ha svolto un ottimo lavoro nel corso degli anni per stabilire un sistema di processi efficaci per riconoscere e proteggere i prodotti locali e promuoverli nei paesi terzi".

"Se non fosse per gli atti coordinati dell'UE, potremmo non parlare ora di prodotti DOP o IGP", hanno aggiunto.

La registrazione WIPO fornisce una protezione più solida e sottolinea come altre istituzioni internazionali manchino di azione, hanno aggiunto gli esperti greci.

"Il mercato globale è un campo molto complesso in cui la concorrenza di interessi molto diversi e contraddittori da un lato e i diversi background legali, dall'altro, devono essere valutati attraverso la diplomazia per arrivare a soluzioni sostenibili", ha affermato Oikonomou.

"La protezione data alle indicazioni geografiche a livello internazionale è notevolmente rafforzata dall'Accordo TRIPS”, ha aggiunto. "Tuttavia, penso che all'interno dell'Organizzazione mondiale del commercio, abbiamo bisogno di regole più severe per proteggere la qualità e i prodotti regionali".

Secondo Oikonomou e Bakali, la registrazione WIPO per i quattro oli extravergini di oliva DOP greci è solo l'inizio.

"Riteniamo che l'importanza di garantire la più ampia protezione possibile agli alimenti di eccellenza spingerà gli altri paesi produttori di olio d'oliva a seguire lo stesso percorso ", hanno affermato. "L'Italia nel 2014 è stato il primo Paese che ha chiesto la protezione degli oli extra vergini di oliva certificati UE, con Sabina, Dauno, Terre di Siena e Terra d'Otranto.

Il processo di registrazione dell'OMPI per gli oli extra vergini d'oliva greci non rappresentava un ostacolo, hanno aggiunto Oikonomou e Bakali.

"Sia la Commissione europea che le autorità greche ci hanno fornito tutte le informazioni e le indicazioni necessarie per ottenere la protezione degli oli d'oliva all'interno del sistema di Lisbona [il trattato dell'UE che include la denominazione di origine e la loro registrazione internazionale]", hanno affermato.

"Abbiamo presentato alle autorità greche una domanda insieme alle specifiche del prodotto in inglese, e il resto è stato intrapreso sia dalle autorità greche che dalla commissione", hanno aggiunto Oikonomou e Bakali. "Non è stato un processo né complicato né lungo”.

"Riteniamo, visto il successo del progetto, che nei mesi a venire verranno registrati più oli extra vergini di oliva ", hanno concluso.



Olive Oil Times Video Serie

Advertisement

pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti