Un anno dopo che l'UE ha permesso importazioni tunisine esenti da dazio, i produttori italiani assicurano controlli rigorosi

Assitol sta spingendo per la trasparenza per dissipare le preoccupazioni sulle importazioni tunisine esenti da dazi, proponendo l'estensione del monitoraggio computerizzato e sostenendo la nuova organizzazione interprofessionale per garantire più garanzie sui prodotti.

Angelo Cremonini
Di Ylenia Granitto
16 marzo 2017 10:01 UTC
2
Angelo Cremonini

Sulla base di un accordo firmata un anno fa con l'obiettivo di sostenere l'economia tunisina dopo attacchi terroristici, l'Unione europea ha finora importato tonnellate 7,000 di olio d'oliva dal paese nordafricano, secondo l'ultimo rapporto di monitoraggio della Commissione europea sull'impatto della misura che consente l'importazione di tonnellate 35,000 all'anno senza dazi fino alla fine di 2017.

Il livello di sorveglianza della catena di approvvigionamento dell'olio d'oliva è molto elevato.- Angelo Cremonini, presidente del gruppo dell'olio d'oliva di Assitol

In termini pratici, l'azione non ha generato un'inondazione del mercato europeo con olio d'oliva straniero, che molti operatori temevano All'inizio.

"L'Italia deve importare olio d'oliva da altri paesi dell'UE per soddisfare le richieste del mercato ", il presidente del gruppo dell'olio d'oliva dell'associazione italiana ASSITOL, Ha detto Angelo Cremonini Olive Oil Times.

"Solo il 10 per cento delle importazioni proviene da paesi non europei, compresa la Tunisia. Tuttavia, è importante ricordare che il nostro Paese può contare sulla nazionale sistema di informazione agricola (SIAN), che garantisce anche la tracciabilità del vino ", ha detto Cremonini.

Il SIAN, infatti, monitora tutte le fasi della vita del prodotto, che sono documentate nei registri azionari delle società e verificabili elettronicamente dagli organismi di regolamentazione del settore, dal mulino al commerciante di prodotti sfusi. Grazie a questa rete elettronica, le autorità legali sono state in grado di scoprire e bloccare diversi tentativi di contraffazione.

"Negli ultimi due anni, il SIAN ci ha permesso di affrontare il cosiddetto 'frodi sulla carta e petrolio - ovvero quelle basate su falsa documentazione ", ha dichiarato Cremonini. "Inoltre, il sistema informatizzato fornisce la scala precisa della produzione di olio d'oliva, che è uno strumento fondamentale nella prevenzione di potenziali truffe ".

Su questa base, l'associazione dell'industria olearia italiana ha proposto all'UE di estendere l'obbligo di attuazione del sistema SIAN in tutta la Comunità. Assitol ha avviato la discussione all'interno del Consiglio oleicolo internazionale e ha trovato la Spagna aperta alla proposta; tuttavia, il dibattito su una questione così complessa è in una fase iniziale.

Il presidente dell'associazione ha sottolineato che, in Italia, nove organismi di controllo vigilano sulla produzione dell'olio d'oliva: l'Ispettorato centrale per la tutela della qualità e la repressione delle frodi dei prodotti alimentari (ICQRF); l'ex Corpo Forestale dello Stato, ora confluito nell'Arma dei Carabinieri; il Nucleo Antiadulterazione e Salute (NAS) e il Nucleo Antifrode (NAC) dell'Arma dei Carabinieri; la Guardia di Finanza; l'Agenzia delle Dogane; le aziende sanitarie locali (ASL); le Agenzie Regionali per la Protezione dell'Ambiente (ARPA) ed i Laboratori di Sanità Pubblica (LSP).

Inoltre, (la maggior parte) le società produttrici di olio d'oliva hanno protocolli interni per offrire prodotti genuini e sicuri: in pratica, vengono effettuati controlli rigorosi in tutte le fasi. "Vengono analizzate decine di migliaia di campioni di olio d'oliva ”, ha osservato Cremonini. "I controlli non si limitano alle analisi chimiche, fisiche e sensoriali richieste dalla legge, ma includono anche analisi aggiuntive per valutare l'indice di qualità e purezza di ciascun campione. "

"Possiamo ancora migliorare ”, ha considerato Cremonini. "Tuttavia, il livello di sorveglianza della catena di approvvigionamento dell'olio d'oliva è molto elevato. Inoltre, sosteniamo fortemente la nuova organizzazione inter-commerciale 'Italian Olive Oil Chain '(FOOI) che ha l'obiettivo di collegare l'industria, le associazioni delle organizzazioni di produttori e il mercato e i gruppi di trasformazione tra cui Assitol, Aipo, Cno, Unapol, Unasco, Unaprol, Federolio, Aifo e Assofrantoi. ”

"Il nostro obiettivo è cooperare sempre più da vicino con gli organi di controllo, con l'obiettivo di superare le restanti questioni critiche nella lotta contro le frodi ", ha concluso.


pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati