L'agriturismo decolla al frantoio Queen Creek in Arizona

Il turismo è la chiave del successo dell'attività di Queen Creek Olive Mill e della promozione dell'olio extravergine di oliva in Arizona.

La famiglia Rea
Di Thomas Sechehaye
2 gennaio 2024 13:49 UTC
1729
La famiglia Rea

Cinquanta chilometri a sud-est di Phoenix, l'unico frantoio attivo dell'Arizona sta lavorando per promuovere olio extravergine d'oliva consumo attraverso l’agritainment.

Fondata da Perry e Brenda Rea Frantoio Queen Creek con i loro cinque figli nel 2005. Da allora, si è trasformata in un'attività agricola, molitoria e turistica dalle molteplici sfaccettature, attirando più di 650,000 persone ogni anno.

Non ci saremmo riusciti se non avessimo creato un agriturismo con la nostra produzione di olio d’oliva. Non basta produrre olio extra vergine di oliva di alta qualità.- Perry Rea, fondatore del frantoio Queen Creek

"L’agriturismo era una novità in Arizona quando abbiamo iniziato la nostra attività”, ha detto Perry Rea Olive Oil Times. "Volevamo creare una destinazione come quella che potresti trovare in Italia, dove puoi vedere la fattoria, fare un tour della struttura, mangiare il cibo coltivato localmente e trascorrere un'intera giornata divertendoti."

La Rea (pronunciato Ray-uh) famiglia iniziò piantando diverse varietà di olivo per vedere cosa poteva funzionare nel clima desertico dell'Arizona, caratterizzato da estati estremamente calde e inverni brevi e miti. Da lì l’operazione è cresciuta organicamente, ha detto Rea.

Vedi anche:I funzionari istriani condividono approfondimenti sull'oleoturismo in occasione di eventi in Spagna e in Italia

La proprietà di 22 ettari dispone di otto ettari di ulivi piantati a media densità, con quasi 10,000 alberi di Arbosana e Koroneiki e vari altri piantati intorno alla proprietà.

"Sapendo che le persone avrebbero dovuto viaggiare circa un'ora fuori da Phoenix per arrivare qui, abbiamo aggiunto un ristorante al nostro piccolo negozio di olio d'oliva pieno di prodotti curati localmente, aceto, olive ripiene, tapenade e, naturalmente, il nostro olio extra vergine di oliva ", ha detto Rea.

L'Agriturismo si propone di fornire ai visitatori un'esperienza formativa e ricreativa legata all'agricoltura e alla vita rurale. Può anche essere un modo per gli agricoltori di diversificare il proprio reddito e promuovere un'agricoltura sostenibile.

"Avere la nostra fattoria di 56 acri (22 ettari) in mezzo al nulla mentre Queen Creek era all'inizio degli anni 2000 ci ha permesso di essere una destinazione verso cui le persone di Phoenix e i turisti provenienti da altri stati avrebbero voluto viaggiare, ", ha detto Rea. "Molti dei nostri clienti erano interessati a ciò che rendeva l'olio extravergine di oliva buono e di alta qualità e alle pratiche che utilizzavamo per produrlo.

profili-business-nord-america-olive-oil-times

A sud-est di Phoenix, Queen Creek Olive Mill vanta otto ettari di uliveti a media densità.

John Rea, presidente di Queen Creek Olive Mill, ha affermato che l'agriturismo crea un ambiente in cui i potenziali consumatori di olio extravergine di oliva possono apprendere ciò che distingue il prodotto dagli altri oli commestibili per quanto riguarda la sua benefici alla salute e qualità organolettiche.

"Volevamo creare uno spazio in cui i nostri ospiti potessero esplorare il mondo dell'olio extra vergine di oliva, gustare cibi sani e locali e, naturalmente, condividere una bottiglia di vino all'ombra di un ulivo ", ha detto Olive Oil Times.

"Pensiamo che sia fondamentale che tutti comprendano e apprezzino l'importanza di un olio extra vergine di oliva di alta qualità ", ha aggiunto Rea. "Vogliamo che ogni persona che lascia la nostra azienda agricola ci pensi due volte la prossima volta che acquista olio d'oliva nel proprio negozio di alimentari locale.

Secondo un recente studio, due terzi dei produttori di olio d'oliva hanno affermato di aver accolto i turisti nella propria azienda agricola, frantoio e strutture Olive Oil Times sondaggio. Il 45% degli intervistati ritiene che il turismo sia importante per la propria attività.

Le degustazioni sono state l'attività più comune, con l'87% degli intervistati che hanno offerto l'esperienza. Il 39% ha organizzato visite guidate alla tenuta o al raccolto e quasi il -% ha dichiarato di aver organizzato corsi di formazione o workshop.

profili-business-nord-america-olive-oil-times

Perry Rea ospita una dimostrazione di cucina, uno dei modi in cui l'azienda educa e intrattiene i consumatori con l'olio extravergine di oliva.

Man mano che Queen Creek cresce, l'obiettivo è tenere il passo con l'interesse aggiungendo nuove offerte e opportunità attraverso l'espansione.

"Attiriamo costantemente persone nella nostra azienda agricola attraverso ristoranti, festival, eventi, nuovi prodotti e opportunità educative", ha affermato Rea. "Le persone hanno fame di conoscenza, ed è ciò che offriamo. Sia attraverso il nostro corso sull'olio d'oliva 101, le visite guidate alle aziende agricole dei trattori o le lezioni di preparazione della pizza, insegniamo costantemente.

Secondo Perry Rea, che ha recentemente completato il Olive Oil Times Education Lab Programma di certificazione per sommelier a New York, l'adozione dell'agriturismo è una sinergia necessaria affinché i produttori di olio d'oliva possano avere successo in un'attività altamente competitiva.

pubblicità
pubblicità

"Non ci saremmo riusciti se non avessimo creato un agriturismo con la nostra produzione di olio d'oliva ", ha affermato. "Non basta produrre olio extra vergine di oliva di alta qualità; devi anche evolverti in qualcosa che invogli le persone a venire alla fattoria e portare i loro amici e parenti da fuori città. Creare qualcosa di unico difficile da trovare fuori dall’Europa”.

Secondo il quotidiano locale Queen Creek Tribune, il frantoio Queen Creek ha recentemente ricevuto una nuova certificazione di zonizzazione che ha aperto la strada a un'espansione di 13 ettari. La Commissione per la pianificazione e la zonizzazione di Queen Creek ha osservato che l’espansione aiuterebbe a promuovere il patrimonio agricolo della zona.

La categoria di zonizzazione agroindustriale era inesistente quando Queen Creek aprì al pubblico. Ottenere l’approvazione dei piani è diventato problematico poiché le categorie di zonizzazione esistenti della città non coprivano i tipi di espansione ricercati.

John Rea ha affermato che Queen Creek è orgogliosa della sua ricca storia agricola e sta attraversando una crescita drammatica come molte città nell'area di Phoenix. "Doveva semplicemente esserci una categoria di zonizzazione che potesse accogliere il tipo di attività che avevamo creato", ha affermato.

La soluzione adottata dal comitato di zonizzazione è stata quella di consentire ai proprietari di attività commerciali a Queen Creek di contribuire a scrivere una nuova categoria di zonizzazione chiamata agritainment, consentendo vari usi, tra cui vendita al dettaglio, ristoranti, hotel, spazi residenziali e locali.

profili-business-nord-america-olive-oil-times

I tour in trattore degli uliveti e del resto della fattoria sono tra le tante opzioni di agritainment offerte da Queen Creek Olive Mill.

"Abbiamo alcune cose in mente, ma il futuro immediato sarà un'espansione dell'edificio, che ci consentirà di avere più spazio di magazzino, un impianto di produzione più esteso e un'impronta complessiva più ampia", ha affermato Rea. "Stiamo valutando di aggiungere più ristoranti, concept e spazi in un futuro leggermente più lontano”.

"Siamo un'azienda molto completa. Coltivazione, raccolta, macinazione, imbottigliamento e vendita", ha aggiunto. "Andiamo oltre offrendo un ristorante in sede, aree private, un'area picnic di due acri (0.8 ettari) sotto gli ulivi che può ospitare 600 persone, torrefazione del caffè di Infusion Coffee Labs, una selezione di vini e caffè locali. birra artigianale."

Insieme a 32 olio extra vergine di oliva e prodotti a base di olio d'oliva, Queen Creek Olive Mill importa e mescola la sua vinaigrette balsamica da Modena, Italia. Tuttavia, Perry Rea vede il turismo come un motore della domanda per questi prodotti.

"L’agricoltura è fondamentale per la formazione e la nascita di Queen Creek”, ha affermato. "Il nostro obiettivo è onorarlo attraverso la nostra azienda olivicola e destinazione agrituristica. Lo facciamo attraverso la nostra iniziativa di sostenibilità, l’istruzione e la crescita futura”.

John Rea ha aggiunto che è essenziale anche concentrarsi sulla sostenibilità, dimostrando ai visitatori che l'olio extravergine di oliva fa bene alla salute e all'ambiente.

"Crediamo che restituire qualcosa alla terra sia importante, ecco perché compostaamo, utilizziamo l'irrigazione a goccia, disponiamo di pannelli solari e abbiamo persino costruito un laghetto per l'irrigazione da 3.5 milioni di galloni (13 milioni di litri) nella nostra fattoria", ha affermato. "In qualità di custodi dell’eredità agricola di Queen Creek, aspiriamo ad armonizzare la tradizione con continui passi avanti nell’innovazione”.



Condividi questo articolo

pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati