Il ministro dell'agricoltura croato visita proprietà bruciate in Dalmazia

Testimoniando gli effetti della peggiore stagione degli incendi in Croazia dal 2017, Marija Vučković ha promesso un risarcimento e sostegno agli olivicoltori e agli agricoltori colpiti.
Il ministro croato dell'agricoltura Marija Vučković
Giu. 25, 2022
Nedjeljko Jusup

Notizie recenti

"È molto difficile guardare alle vaste aree che sono morte nell'incendio e in cui sono stati investiti molti sforzi", ha affermato il ministro dell'Agricoltura croato Marija Vučković durante la sua visita zone bruciate nell'entroterra tra le città dalmate di Sebenico e Vodice.

Accompagnato da funzionari locali, il ministro ha visitato per la prima volta la fattoria di famiglia di Ivan Cvitana, dove 400 ulivi sono bruciati in un incendio.

"I danni saranno risarciti", ha detto. "Ad esempio, qualcuno che ha bruciato 300 ulivi riceverà lo stesso numero di nuove piantine. Dal programma di sviluppo rurale, può ottenere fondi per la raccolta di nuove piantagioni e un risarcimento per il mancato guadagno".

Vedi anche:La stagione degli incendi boschivi 2022 dovrebbe essere la peggiore d'Europa

L'incendio ha devastato più di 330 ettari, tra cui 137 fattorie e 413 appezzamenti registrati ad Arkod, il sistema di registrazione dei terreni in Croazia.

Secondo le prime stime sono stati bruciati circa 95 ettari di terreno agricolo, principalmente uliveti, vigneti e piantagioni di fichi e mandorli. Ci sono state anche segnalazioni di danni a diverse colonie di api.

pubblicità

I danni sono ancora in fase di somma e, quando sono definitivi, inizia la procedura per la dichiarazione di calamità naturale, che di solito dura circa due mesi. Un disastro naturale viene dichiarato dalla comunità locale, in questo caso la contea di Sebenico e Tenin. "Una volta fatto, tutto andrà avanti", ha detto Vučković.

I fondi del programma di sviluppo rurale, stanziati in seguito a calamità naturali, saranno messi a disposizione degli agricoltori colpiti dall'incendio che faranno domanda per la gara.

I consulenti del ministero hanno visitato le aziende agricole colpite subito dopo l'incendio e continueranno a essere presenti sul campo ea disposizione degli agricoltori durante tutto il processo.

Sebbene queste procedure siano state semplificate negli ultimi anni, ogni agricoltore può chiedere al proprio consulente di compilare la documentazione necessaria, ha affermato Vučković.

Ha anche confermato che il governo, in collaborazione con la contea di Šibenik-Knin, valuterà la possibilità di ulteriore assistenza agli agricoltori per compensare parte del mancato guadagno, al fine di ripristinare la produzione agricola il prima possibile.

Secondo dati dal Sistema europeo di informazione sugli incendi boschivi (EFFIS), 135 incendi hanno bruciato 30,889 ettari in Croazia dall'inizio dell'anno.

Molti degli incendi stanno bruciando in Istria e Dalmazia, le due regioni olivicole più importanti del paese.

Tra il 2008 e il 2021, gli incendi hanno bruciato una media di 13,600 ettari ogni anno in Croazia. L'alta stagione degli incendi inizia tra la fine di luglio e l'inizio di agosto.


pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti