La stagione degli incendi boschivi 2022 dovrebbe essere la peggiore d'Europa

Nei primi sei mesi del 2022, gli ettari bruciati dagli incendi hanno quasi eguagliato i danni di tutto il 2021, con l'alta stagione che deve ancora arrivare.

Loutraki, Grecia
Giu. 18, 2022
Di Daniel Dawson
Loutraki, Grecia

Notizie recenti

Incendi boschivi hanno bruciato quattro volte più terra in tutta Europa nei primi sei mesi del 2022 rispetto alla media annuale dal 2006 al 2021, secondo dati dal Sistema europeo di informazione sugli incendi boschivi (EFFIS).

Una combinazione di ondate di caldo torrido in tutto il continente e suoli asciutti hanno creato le condizioni ideali per la combustione, provocando l'incendio di circa 700,000 ettari nei primi sei mesi dell'anno. 

In confronto, circa 950,000 ettari di incendi sono bruciati in tutta Europa in tutto il 2021, alimentati da quattro settimane tra la fine di luglio e l'inizio di agosto che hanno visto bruciare 400,000 ettari in Turchia, Italia e Grecia, ognuno dei quali ha registrato la peggiore stagione di incendi in un decennio.

Vedi anche:Le fiamme avvolgono l'antico uliveto di Amfissa

I paesi olivicoli europei ancora una volta non sono stati risparmiati dalle fiamme estive, fenomeno di lunga data nel bacino del Mediterraneo, ma che gli esperti ritengono sia aggravato dalla impatti del cambiamento climatico.

Nella prima metà dell'anno, 206,277 ettari sono già stati bruciati negli 11 maggiori paesi produttori di olive d'Europa. Questi paesi hanno registrato una media annua di 373,785 ettari di danni da incendi boschivi dal 2006 al 2021.

Paese
2022 ettari bruciati
Media 2006 – 2021
Spagna
86,729
66,965
Croazia
27,579
13,113
Italia
22,397
53,961
Francia
20,629
9,826
Montenegro
16,700
15,775
Portogallo
16,329
96,625
Turchia
5,443
46,795
Albania
4,168
24,315
Grecia
4,002
44,640
Cyprus
1,957
1,665
Slovenia
314
103
Fonte: EFFIS

I funzionari europei sono particolarmente preoccupati per il rapido avvicinamento dei mesi peggiori per gli incendi. Ondate di caldo da record in gran parte dell'Europa sudoccidentale, combinate con un'umidità del suolo anormalmente bassa, potrebbero alimentare gli incendi in Europa nei mesi di punta di luglio e agosto.

Gli accademici e gli ingegneri ambientali sono inoltre preoccupati che il continente stia entrando in un circolo vizioso, in cui la copertura forestale esaurita contribuisce a ondate di caldo e incendi più intensi che esauriscono ulteriormente la copertura forestale. 

pubblicità

Tuttavia, gli incendi record hanno spinto i funzionari europei ad agire e hanno visto alcuni dei paesi più a rischio ricevere nuove attrezzature e personale antincendio. Le previsioni scientifiche stanno anche aiutando i funzionari locali a identificare le regioni con il più alto rischio di incendi per distribuire le risorse di conseguenza. 

"L'anno scorso abbiamo assistito alla seconda peggiore stagione di incendi boschivi mai registrata nell'UE", ha affermato Janez Lenarčič, commissario europeo per la gestione delle crisi. "Questo è servito come un doloroso promemoria dell'effetto devastante che gli incendi boschivi hanno sulla vita degli europei".

"Con questa flotta in atto, l'UE aumenta la preparazione del continente ad affrontare gli incendi boschivi”, ha concluso.



Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti