Promozione del ruolo delle donne nel settore olivicolo

Jill Myers ha fondato la rete Women in Olive Oil per connettere le donne di tutto il settore promuovendo al contempo le loro voci ed evidenziando i loro contributi.
Jill Myers ha fondato Women in Olive Oil dalla sua casa in Virginia nel 2020.
Di Ofeoritse Daibo
3 gennaio 2024 16:25 UTC

Jill Myers ha la missione di promuovere il ruolo delle donne nella coltivazione dell'olivo e nella produzione di olio d'oliva.

"Il mio viaggio con olio extravergine d'oliva è iniziato in Italia nel 2014, dando vita a una passione che mi ha portato a diventare sommelier attraverso il Olive Oil Times Education Lab e l' International Culinary Center", ha detto Myers. "Questa esperienza mi ha messo in contatto con esperti mondiali di olio extra vergine di oliva.

Le donne tendono a conservare la cultura e il patrimonio e insegnano ai bambini ricette e segreti, che poi vengono tramandati di generazione in generazione. Sono essenzialmente i custodi dell’agro-saggezza.- Jill Myers, fondatrice di Women in Olive Oil

Successivamente, ha importato olio extra vergine di oliva da produttori guidati da donne, ha giudicato concorsi internazionali ed è diventata una rispettata esperta sul campo, concentrandosi sul sostegno delle donne nel settore.

Quando la pandemia di Covid-19 ha interrotto la vita quotidiana nella sua città natale di Charlottesville, in Virginia, nel 2020, Myers ha utilizzato il suo tempo libero per pensare a come connettersi meglio con le numerose donne che aveva incontrato nel mondo dell'olio d'oliva.

Vedi anche:Pandolea festeggia i suoi 20 annith Anniversario a Roma

"Era un periodo in cui eravamo tutti bloccati a casa e ho creato questa piattaforma [Women in Olive Oil] per promuovere la comunicazione per le donne del settore, per lavorare insieme e sostenersi a vicenda", ha affermato.

La piattaforma Women in Olive Oil [WiOO] ha contribuito a rafforzare una rete più ampia di donne nel settore, riunendo piattaforme simili, tra cui Arab Olive Oil Women's Network, Pandolea, Donne dell'Olio e Women and Olives LATAM.

"La rete riunisce ora circa 3,000 donne provenienti da 50 paesi che rappresentano una vasta gamma di professioni nel settore dell'olio d'oliva, da agricoltori, direttori di frantoi, ricercatori e chimici a rivenditori, importatori, esportatori, distributori, operatori di marketing, produttori di sapone, artisti, autori e chef”, ha detto Myers.

Uno degli obiettivi della rete è promuovere marchi e aziende di proprietà femminile in un settore tradizionalmente dominato dagli uomini.

Sebbene i dati specifici del settore dell'olio d'oliva siano difficili da ottenere, le donne rappresentano circa il 43% della forza lavoro agricola globale.

"Ad esempio, una delle donne della nostra rete, una rivenditrice, acquista e vende intenzionalmente solo oli d'oliva prodotti da donne", ha aggiunto. "E sempre più rivenditori acquistano oli d'oliva di proprietà femminile. È anche un'ottima rete per commercializzare marchi di proprietà femminile."

Sebbene il settore dell'olio d'oliva sia ancora in gran parte dominato dagli uomini, gli esperti ritengono che il lavoro delle donne olivicoltrici non sia sempre preso in considerazione nelle statistiche ufficiali.

Secondo Myers, le donne sono determinanti nel trasmettere la conoscenza del processo di produzione dell'olio d'oliva alla generazione successiva.

"Le donne tendono a conservare la cultura e il patrimonio e a insegnare ai bambini le ricette e i segreti, che poi vengono tramandati di generazione in generazione”, ha affermato. "Sono essenzialmente i custodi dell’agro-saggezza”.

Myers ha visto come le donne in Francia, Giordania, Portogallo e Turchia preservano le tradizionali tecniche di coltivazione dell'olivo e di produzione dell'olio.

"Le madri insegnano alle loro figlie a raccogliere le olive a mano ", ha detto. "Mentre in Giordania, la rete delle donne arabe dell'olio d'oliva ha condotto laboratori scolastici sulla coltivazione sostenibile dell'olivo.

"Emmanuel Dechelette presiede un concorso di olio d'oliva, Giorni Olio Nuovo, giudicato dai bambini”, ha aggiunto Myers. "Insegna loro a discernere l'olio extra vergine di oliva di alta qualità, instillando l'apprezzamento per questo mestiere. Questi momenti mostrano il ruolo cruciale delle donne nel coltivare il rispetto della prossima generazione per la tradizione dell'olio d'oliva.

pubblicità
pubblicità

Nei suoi sforzi per promuovere il ruolo delle donne nel settore dell'olio d'oliva, Myers ha collaborato con il Consiglio oleicolo internazionale.

Nel 2022 ha incontrato il direttore esecutivo Abdellatif Ghedira per discutere opportunità di collaborazione.

"Andando avanti, entità come il CIO potrebbero collaborare con vari gruppi industriali per fornire laboratori didattici e seminari sulla politica e sul ruolo delle donne nel settore dell'olio d'oliva ", ha affermato Myers.

"Le donne nel settore potrebbero istituire programmi di tutoraggio in collaborazione con reti professionali, organizzazioni imprenditoriali femminili e gruppi agricoli, in linea con le iniziative del CIO per lo sviluppo del settore”, ha aggiunto.

Nel mese di novembre ha preso il sopravvento il ruolo delle donne nel settore dell'olio d'oliva scena centrale alla celebrazione della Giornata mondiale dell'olivo del CIO.

Myers ha affermato che la Giornata mondiale dell'olivo è stata un'opportunità per la più ampia rete di associazioni di discutere queste politiche, sottolineando al contempo l'importanza delle donne nel settore.

"Le donne sono sempre state profondamente coinvolte nella gestione della catena del valore dell'olio d'oliva ", ha detto Imene Trabelsi Trigui, capo del dipartimento di promozione del CIO Olive Oil Times in un'intervista del novembre 2023. "Grazie alla loro conoscenza ed esperienza, svolgono un ruolo cruciale nello sviluppo di questo importante settore e hanno un impatto significativo sulle generazioni attuali e future”.

Guardando al 2024 e oltre, Myers prevede di organizzare più eventi di networking, collaborando con varie organizzazioni per creare connessioni tra le donne e i leader del settore.

"È importante anche condurre campagne di sensibilizzazione sul ruolo delle donne nel processo decisionale, collaborare con organizzazioni non governative e gruppi di sostegno e sfruttare la piattaforma globale del CIO per un impatto più ampio”, ha affermato.

"Dovremmo anche prendere in considerazione l’implementazione di programmi di leadership per le donne, coinvolgendo le istituzioni accademiche e attingendo ad altre organizzazioni con interessi allineati e ad altri esperti del settore”, ha aggiunto Myers.

Parte di questo richiederà il lavoro all’interno degli istituti di istruzione superiore e di ricerca per studiare il ruolo delle donne nel settore e guidare le politiche promozionali con i dati.

"Infine, potremmo cercare di offrire borse di studio e sovvenzioni per le donne in collaborazione con fondazioni educative e organizzazioni filantropiche”, ha affermato. “[Potremmo anche] evidenziare storie di successo, collaborando con le reti dei media e sfruttando partnership come quelle con il CIO per una più ampia visibilità”.

Con WiOO destinato a compiere quattro anni entro la fine dell’anno, Myers spera che l’organizzazione e le sue numerose controparti locali continueranno a ottenere sostegno e ad amplificare la voce delle donne.

"Spero in un maggiore supporto. Ad esempio, avere più donne voce in capitolo nel processo decisionale”, ha concluso Myers. "È importante riconoscere il potenziale delle donne. Finora, la collaborazione e la condivisione delle conoscenze nella nostra rete hanno creato effetti positivi di ricaduta in altri settori, tra cui salute e bellezza”.


pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati