L'Andalusia vede una bassa incidenza di infestazione da tignola delle olive

Il governo regionale andaluso ha segnalato livelli di infestazione di falena delle olive di circa la metà di quelli registrati nello stesso periodo dell'anno scorso.
Falena perla oliva
Può. 4, 2022
Simon Roots

Notizie recenti

La rete di allerta e informazione fitosanitaria dell'Andalusia (RAIF) ha classificato livelli di infestazione della tignola nella regione come "molto basso”, con un'incidenza di circa la metà di quella osservata nell'aprile 2021, sebbene l'organismo sia stato rilevato in tutte e otto le province.

I dati del governo regionale andaluso mostrano che gli ulivi nelle province occidentali sono in una fase di crescita fenologica più avanzata, con casi isolati di fioritura (Scala BBCH tappe da 60 a 61) già osservate a Huelva, Cadice, Siviglia e Córdoba; e la caduta dei petali (stadio 67 della scala BBCH) osservata in alcune varietà a fioritura precoce a Siviglia e Cadice.

Vedi anche:I ricercatori reintroducono i pipistrelli negli uliveti andalusi per combattere i parassiti

In Andalusia; nel complesso, tuttavia, la maggior parte degli alberi è stata registrata come compresa tra gli stadi della scala BBCH da 52 a 59, con grappoli di fiori ancora in via di sviluppo. A causa della relazione tra il ciclo di vita della falena dell'olivo e lo sviluppo fenologico del suo ospite, l'incidenza di falene generatrici di antofaghe (mangiatrici di fiori) è corrispondentemente bassa.

Al 27 aprile, non era stata osservata alcuna attività del genere né a Granada né a Jaén, l'infestazione dello 0.7% è stata registrata a Siviglia e Córdoba; e lo 0.2 per cento a Malaga. Questi livelli sono esattamente la metà di quelli registrati nell'ultima settimana di aprile 2021. L'unica eccezione a questa bassa incidenza è la provincia di Cadice, che ha registrato una media del 4.2%.

Nonostante la maggior parte degli alberi in Andalusia sia ancora nelle fasi di pre-fioritura, tuttavia, anche l'incidenza media delle falene dell'olivo fillofagi (mangiatrici di foglie) è molto bassa, variando da solo lo 0.1% registrato a Cadice, a un massimo di 1.2% a Cadice Malaga e Granada.

pubblicità

In una dichiarazione ufficiale, l'agenzia ha concluso che il parassita "sta iniziando la sua attività, con danni molto bassi e incipienti negli appezzamenti fenologicamente più avanzati in quasi tutte le province, ad eccezione di Granada e Jaén, dove la sua attività è ancora nulla. Potremmo dire che siamo in un periodo di transizione tra la generazione fillofaga e quella antofaga”.

Come mezzo di controllo biologico della tignola delle olive, la RAIF raccomanda il rilascio di larve di lacewing nei boschetti negli stadi della scala BBCH da 50 a 59.



pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti