Olive Oil ProLa produzione in Libano diventa quasi impossibile con l'aggravarsi delle crisi

L'olio d'oliva locale è diventato un lusso per la maggior parte della popolazione in mezzo a disordini finanziari e politici.

Rosa Bechara Perini
Gennaio 27, 2022
Di Paolo DeAndreis
Rosa Bechara Perini

Notizie recenti

"È un intero paese che è andato in default. Le sue istituzioni, le sue banche. Non è solo una crisi finanziaria, è tutto senza precedenti", ha affermato Rose Bechara Perini, fondatrice di Darmmess Sarl, produttrice di oli extra vergine di oliva a Deir Mimas, Libano.

Il Paese, considerato la culla dell'olivo, da due anni è attanagliato da una spirale di crisi finanziaria che ora ha accelerato notevolmente, avvolgendo la sua banca centrale, il governo e le istituzioni locali.

Ha inghiottito depositi bancari e prosciugato il sostegno del governo per una serie di attività essenziali tra cui servizi sanitari, scuole e agricoltura.

L'elettricità nel paese spesso non è disponibile. Gli insegnanti scioperano per salari migliori. I panifici non possono garantire la produzione di pane. E molti ricorrono alle antiche foreste un tempo protette per il legno per sopravvivere durante l'inverno poiché il carburante è diventato troppo costoso per il cittadino medio.

pubblicità

"L'olio d'oliva libanese era competitivo sui mercati internazionali. Ma ora [i costi del carburante] e lo stop a molti fondi agricoli stanno spingendo quei prezzi su quattro o cinque volte rispetto al 2020", ha detto Bechara Perini Olive Oil Times. "Ciò significa anche che è diventato un lusso acquistare olio d'oliva nel paese per coloro che sono più colpiti dalla crisi".

Al quotidiano locale Al Akhbar è stato chiesto da uno dei suoi lettori, "Compravamo una lattina di olio d'oliva per 150,000 sterline e non era abbastanza per la nostra famiglia. Come possiamo permettercelo ora che costa 2 milioni di sterline? Come potremmo, quando un intero stipendio non è sufficiente per riempire il serbatoio dell'auto?

africa-medio-oriente-produzione-produzione-di-olio-d-oliva-in-libano-diventa-quasi-impossibile-poiché-le-crisi-profondono-tempi-di-olio-d-oliva

Rose Bechara Perini, fondatrice di Darmmess Sarl

Con un debito pubblico alle stelle al 495 per cento del prodotto nazionale lordo e la valuta nazionale svalutata del 95 per cento negli ultimi due anni, governo e banche non possono concordare una strategia comune per uscire dalla peggiore crisi dalla fine della guerra civile in 1990.

Secondo il Central Bureau of Statistics, l'inflazione nel dicembre 2021 ha raggiunto un picco senza precedenti del 224.39%.

I numerosi alleati del Libano nella regione che hanno investito pesantemente nel Paese dopo il 1990, stanno ora riconsiderando le loro posizioni con l'aggravarsi della crisi politica.

Nei prossimi giorni Beirut avvierà colloqui virtuali con il Fondo Monetario Internazionale per chiedere aiuto. Tuttavia, gli eventuali 69 miliardi di dollari di sostegno finanziario salutato dal governo saranno legati a dure riforme in un paese che deve affrontare crescenti tensioni sociali.

Il default finanziario ha colpito in modo significativo i settori agricoli, al punto che alcuni hanno lasciato del tutto il mercato. Gli agricoltori soffrono di una lunga siccità, di una fornitura d'acqua in diminuzione e di elettricità intermittente. Alcuni non potevano prendersi cura dei loro raccolti, né venderli.

"Anche gli olivicoltori sono stati colpiti poiché quelli che sono bravi a coltivare le olive potrebbero non essere così bravi a venderli all'estero quando le condizioni interne cambiano così velocemente e profondamente ", ha osservato Bechara Perini.

Le sfide affrontate dagli olivicoltori in questa stagione includono un'oliva Mosca della frutta l'infestazione e la grave siccità ora minacciano i loro raccolti. Il tanto atteso sollievo deve ancora essere emanato mentre i costi aumentano, come quelli del carburante e degli imballaggi.

"Non abbiamo ancora un prezzo unificato dell'olio d'oliva per la stagione. E mentre ogni giorno emergono nuovi problemi, i costi aumentano vertiginosamente. A livello locale abbiamo gli alberi, ma qualsiasi altra cosa ha un prezzo in dollari americani, dai fertilizzanti ai contenitori, dal carburante alle macchine agricole e così via”, ha avvertito Nassim Raji Al-Maalouf, olive oil produtrice.

Mentre gli incentivi e i fondi per l'agricoltura sono andati male, le persone nel villaggio di Deir Mimas stanno comunque lavorando per aumentare le esportazioni e portare valuta straniera di alto valore.

africa-medio-oriente-produzione-produzione-di-olio-d-oliva-in-libano-diventa-quasi-impossibile-poiché-le-crisi-profondono-tempi-di-olio-d-oliva

"Se c'è qualcosa in cui siamo bravi, è l'agricoltura. Abbiamo un olio extra vergine di oliva di così alta qualità che se fosse meglio conosciuto in tutto il mondo, potrebbe contribuire a rilanciare l'economia locale ", ha affermato Bechara Perini. "I nostri EVOO sono speciali come i nostri alberi millenari".

Secondo la Public Investment Promotion Agency (IDAL), nel 2019 le esportazioni agroalimentari libanesi hanno raggiunto i 434 milioni di dollari, pari al 12.4% di tutte le esportazioni libanesi. Le esportazioni di olio d'oliva sono cresciute dell'2010% nel periodo 2019--.

L'olivicoltura libanese è considerata un settore chiave per l'economia. Secondo i dati del Ministero dell'Agricoltura, gli oliveti coprono circa 62,000 ettari, ovvero il 23% della superficie agricola totale.

Tra splendide colline punteggiate da centinaia di migliaia di ulivi, i contadini del villaggio di Bechara Perini continuano ad operare contro ogni previsione.

"Fa parte della nostra cultura. Tutti in Libano, da nord a sud, dai padri ai figli, coltivano olivi, da migliaia di anni. Qui il clima è ideale per la crescita degli alberi e la loro salute, ed entrambi influiscono positivamente sulla qualità del prodotto finale”, ci ha detto.

Bechara Perini acquista frutta da molti degli olivicoltori di Deir Mimas per il suo Darmmess biologico olio extravergine di oliva monovarietale.

"È un'impresa sociale, perché tutto nasce da qui. Lavoriamo fianco a fianco, aiutandoli a praticare al meglio l'agricoltura biologica. Forniamo loro assistenza tecnica per i loro ulivi tutto l'anno e ci impegniamo ad acquistare la raccolta anticipata ", ha osservato il fondatore di Darmmess.

africa-medio-oriente-produzione-produzione-di-olio-d-oliva-in-libano-diventa-quasi-impossibile-poiché-le-crisi-profondono-tempi-di-olio-d-oliva

Ci sono una serie di condizioni agricole che i coltivatori seguono per contribuire a Darmmess. Le olive di gran parte dei 130,000 alberi di Deir Mimas vengono selezionate, lavorate, filtrate e imbottigliate entro un massimo di 24 ore dalla raccolta.

Gli alberi della zona hanno in media 600 anni, ma alcuni raggiungono i due millenni, "testimoni viventi dell'agricoltura umana", come dicono i locali.

La cultivar di olivo è la varietà Souri, considerata tra le prime coltivate dall'uomo. Conosciuto nella regione con molti nomi, tra cui Nabala e Roman, Souri è comune in Libano, Israele, Cisgiordania, Striscia di Gaza e Giordania. È considerato altamente resistente alla siccità ed è molto apprezzato per le sue rese e per i sapori fruttati unici del suo olio.

"Darmmess EVOO è un prodotto di fascia alta che ci consente di sostenere finanziariamente i nostri agricoltori e dare loro nuove ragioni per sfidare i tempi difficili. Ci permette di promuovere la periferia del Paese con un modello di business che può essere duplicato altrove. Stiamo effettivamente promuovendo un piccolo villaggio su scala globale”, ha osservato Bechara Perini.

Lei disse Olive Oil Times come gli studiosi dell'Università di Atene hanno esaminato Darmmess e hanno scoperto che sfoggiava 620 milligrammi di polifenoli per litro. "Questo è molto più degli EVOO standard", ha osservato Bechara Perini, "e una pietra miliare per il Libano”.

Il successo di Darmmess è fondamentale per la cura degli alberi secolari e per sostenere la biodiversità della regione. "I nostri agricoltori sono più coinvolti con la natura e, in una tale crisi, sono ancora motivati ​​a prendersi cura degli alberi", ha aggiunto l'imprenditore libanese.

Al termine della nostra conversazione, le agenzie di stampa di tutto il mondo hanno annunciato le dimissioni di Saad Hariri, ex primo ministro e uno dei politici più importanti del paese per decenni, uno sviluppo che secondo gli osservatori potrebbe stimolare ulteriori turbolenze politiche.

"Questa è la situazione, ma i libanesi sono persone molto resistenti", ha assicurato Bechara Perini. "Combatteremo sempre per i nostri diritti. Non riesco a ricordare un periodo in cui questo paese abbia mai vissuto in pace.

"Come disse una volta un comico: il Libano è un paese così piccolo che quasi non compare sulle mappe del mondo, quindi da dove vengono tutti questi problemi? Abbiamo imparato ad essere resilienti. E per produrre un ottimo olio extra vergine di oliva”, ha concluso Bechara Perini.



Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti