`Le famiglie statunitensi potrebbero ridurre le emissioni riducendo il consumo di cibo spazzatura - Olive Oil Times

Le famiglie statunitensi potrebbero ridurre le emissioni riducendo il consumo di cibo spazzatura

Dicembre 7, 2021
Paolo De Andreis

Notizie recenti

I consumatori negli Stati Uniti possono significativamente ridurre le emissioni di gas serra alterando il modo in cui fanno le loro scelte di selezione del cibo, un nuovo studio spettacoli.

Mentre una dieta vegetariana o vegana ridurrebbe ulteriormente le emissioni, tutti i consumatori possono fare la loro parte senza drastici cambiamenti nella dieta, ha scoperto l'American Chemical Society in uno studio su oltre 57,000 famiglie.

Le famiglie piccole acquistano più prodotti alimentari rispetto alle famiglie più grandi, il che significa che probabilmente acquistano o consumano più del necessario.- Hua Cai, professore associato, Puedue University

Secondo i ricercatori, studi precedenti sulla riduzione delle emissioni derivanti dagli alimenti dalle famiglie si sono concentrati su specifiche note, come carne e latticini essendo più elevato nelle emissioni rispetto a frutta, verdura o cereali.

"Sulla base di tale conoscenza, i ricercatori precedenti hanno fornito suggerimenti sui cambiamenti che gli individui o le famiglie possono apportare per ridurre le emissioni generate dalla produzione alimentare", hanno affermato i ricercatori. "Tuttavia, la maggior parte di queste raccomandazioni si è basata su un 'dieta americana media.' In realtà, non tutti mangiano gli stessi tipi o quantità di alimenti”.

Vedi anche:L'etichetta proposta consentirebbe ai consumatori di confrontare la sostenibilità dei prodotti alimentari

Tenendo questo a mente, i ricercatori hanno lavorato per identificare le fonti esatte delle emissioni di carbonio alimentare delle famiglie e per confrontare cosa accadrebbe se le famiglie passassero a una dieta sana e sostenibile.

Secondo le loro scoperte, "eliminare gli alimenti con un alto contenuto calorico e bassi valori nutrizionali comporterebbe una riduzione del 29% delle potenziali emissioni totali, migliorando anche potenzialmente i risultati sulla salute”.

pubblicità

Questi numeri non includono una valutazione delle emissioni causate dall'imballaggio e dal trasporto degli alimenti poiché tali dati non erano inclusi nella serie originale di registri di acquisto di cibo delle famiglie statunitensi utilizzati per lo studio, raccolti nel 2010.

Nella loro ricerca attuale, gli scienziati hanno scoperto che il 71% delle famiglie potrebbe migliorare la propria impronta di carbonio. Hanno suggerito che le piccole famiglie evitino di acquistare troppo cibo alla rinfusa, il che spesso si traduce in più cibo che viene buttato via.

Hanno anche raccomandato che i produttori si concentrino sull'offerta ai consumatori "dimensioni del pacchetto convenienti.”

Hua Cai, professore associato di ingegneria ambientale alla Purdue University e ricercatore capo dello studio, ha detto a Food Dive che "le piccole famiglie acquistano più prodotti alimentari rispetto alle famiglie più grandi, il che significa che probabilmente acquistano o consumano più del necessario".

"Le persone dovrebbero acquistare prodotti da forno meno salati e cibi pronti", ha aggiunto. "Sebbene questi alimenti siano responsabili di emissioni di carbonio relativamente basse, le grandi quantità di questi prodotti acquistati si sommano a emissioni significative".



Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti