I ricercatori sviluppano imballaggi in plastica compostabili dai rifiuti di olive

Ricercatori spagnoli hanno prodotto una plastica biodegradabile e compostabile da rifiuti di fossa d'oliva da utilizzare nei prodotti di imballaggio.

Può. 7, 2020
Di Isabel Putinja

Notizie recenti

Una joint venture spagnola ha sviluppato un nuovo materiale di imballaggio sostenibile a base di rifiuti di olive. Chiamato Olipasto, questo composto plastico biodegradabile e compostabile può essere utilizzato per realizzare prodotti come vassoi, piatti e tappi per contenitori progettati per il confezionamento di olio d'oliva.

Lo scopo di questo progetto è quello di creare una nuova applicazione ad alto valore aggiunto dai rifiuti di nocciolo di oliva mediante lo sviluppo di nuovi materiali per produrre imballaggi sostenibili per i prodotti legati all'olio di oliva.- Belén Redondo, AIMPLAS

Il progetto biennale Go-Oliva è stato avviato a novembre 2019 con l'obiettivo di creare un materiale eco-compatibile e compostabile da utilizzare per il confezionamento dell'olio. Il progetto è una joint venture della società spagnola di tecnologia delle materie plastiche Aimplas Technological Institute of Plastics e della cooperativa di olio d'oliva Olivarera de los Pedroches (OLIPE).

La Spagna è leader olive oil producer e produce una quantità significativa di detriti di nocciolino, un prodotto di scarto del processo di spremitura delle olive. I ricercatori del progetto hanno studiato come riciclare i rifiuti e trasformarli in un nuovo materiale sostenibile.

Vedi anche:Riciclaggio in Olive Oil Produzione

"Lo scopo di questo progetto è quello di creare una nuova applicazione ad alto valore aggiunto dai rifiuti di noccioli di oliva mediante lo sviluppo di nuovi materiali per produrre imballaggi sostenibili per i prodotti legati all'olio d'oliva ", ha detto Belén Redondo, ricercatrice di AIMPLAS Olive Oil Times.

"Fino ad ora questi rifiuti sono stati trattati con valorizzazione energetica o incenerimento. Da un lato, le materie prime sono matrici polimeriche biodegradabili per il nuovo composto ", ha affermato Redondo. "D'altra parte, il nocciolo dell'olivo deve essere trattato per essere incorporato in matrici polimeriche. Il nocciolo delle olive viene macinato per ottenere una granulometria micrometrica. "

pubblicità

Essendo un materiale plastico composto, Oliplast può essere lavorato con gli stessi metodi di estrusione e stampaggio a iniezione per la produzione di plastica e trasformato in imballaggi sostenibili per prodotti derivati ​​dall'olio d'oliva. Questi includono tappi che possono essere utilizzati per il confezionamento di contenitori destinati a cosmetici a base di olio d'oliva o piccoli piatti che possono essere posti sotto una bottiglia di olio d'oliva per evitare fuoriuscite.

La fase successiva del progetto GO-OLIVA, che durerà fino alla fine del 2021, è condurre uno studio comportamentale.

"Il nuovo materiale e i prodotti finali saranno caratterizzati per analizzare se soddisfano tutti i requisiti necessari per le applicazioni finali ", ha affermato Redondo.

Questo sarà seguito da uno studio ambientale per esaminare la compostabilità del nuovo materiale.

"Oliplast potrebbe essere disponibile entro un anno dalla fine del progetto ", ha aggiunto.

Il progetto GO-OLIVA è cofinanziato dal governo spagnolo e dal Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) nell'ambito del partenariato europeo per l'innovazione (EIP-AGRI).

Precedenti studi di ricerca hanno esaminato come i rifiuti avanzati do olive oil produzione, e in particolare il nocciolo delle olive macinate, potrebbero essere riciclati e trasformati in mattoni di argilla e pasta di cemento da utilizzare come materiale da costruzione, per la realizzazione di mobili decorativie anche per la produzione di barriere antirumore.

Produce anche un'azienda turca microsfere di plastica da noccioli di ulivo per l'industria cosmetica.



pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti