Rival California Olive Packer entra per ritirare i contratti annullati

L'amministratore delegato della Musco Family Olive Company ha affermato che la società farà tutto il possibile per offrire contratti a olivicoltori colpiti dalle cancellazioni del contratto Bell-Carter. Daranno la preferenza alle olive raccolte a macchina.

Marzo 27, 2019
Di Daniel Dawson

Notizie recenti

Poche settimane dopo Bell-Carter ha risolto molti dei suoi contratti con gli olivicoltori della California, concorrenti e occasionali collaboratori, la Musco Family Olive Company ha annunciato che avrebbe ritirato alcuni di questi contratti.

"Vogliamo che tutti gli agricoltori interessati da questa decisione sappiano che la Musco Family Olive Company è impegnata nel settore delle olive mature in California ", ha affermato Felix Musco, CEO dell'azienda. "Le nostre porte sono aperte all'acquisto del raccolto di quest'anno per soddisfare le nostre crescenti esigenze di approvvigionamento da qualsiasi coltivatore che si impegna a raggiungere i nostri moderni obiettivi di crescita e raccolta ".

Ho parlato con Musco, e sono in una lista, di cui sono grato, ma non c'è niente di garantito ... Quindi, devo aspettare e vedere.- Ud Shanker, produttore di olive in California

Musco non ha specificato esattamente quanti contratti sarebbero stati assegnati, ma ha detto che la società farebbe del suo meglio per assumerne il maggior numero possibile di altri. L'azienda inoltre non ha risposto a una richiesta di commento su questa storia.

"Anche se verrà data la preferenza a quei coltivatori che si impegnano a piantare superfici coltivabili meccanicamente, offriremo anche un contratto di un anno a quanti più acri possibile per fornire a tutti più tempo per considerare questa opportunità ", ha detto.

Vedi anche:Table Olive Notizie

Anche con l'aggiudicazione di nuovi contratti, i coltivatori stimano che almeno 31,000 tonnellate di olive rimarranno non raccolte da sole nella Contea di Tulare, che ospita molti dei coltivatori colpiti. I leader del settore stimano che questo costerà alla contea $ 40 milioni di entrate perse.

Tricia Stever Blattler, direttrice esecutiva dell'Ufficio della fattoria della contea di Tulare, ha dichiarato a Visalia Times Delta che quest'anno molti agricoltori avrebbero sofferto finanziariamente e potrebbero dover lasciare i loro frutteti nella stagione del raccolto in arrivo.

pubblicità

"L'impatto sulla nostra economia locale sarà avvertito da molti, tra cui gli olivicoltori che hanno perso i loro contratti di trasformazione e i 1,500 stimati lavoratori agricoli che potrebbero trovare il loro reddito annuale gravemente influenzato dalla perdita del lavoro di raccolta che viene tradizionalmente fatto a settembre e ottobre quando si verifica la raccolta delle olive ", ha detto.

Musco Family Olive Company, insieme a Bell-Carter, ha presentato una denuncia antidumping contro i produttori spagnoli di olive da tavola con la Commissione per il commercio internazionale degli Stati Uniti nell'estate del 2017. Ciò, combinato con un addebito antisovvenzioni separato dal Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti, ha portato all'imposizione di tariffe sulle olive da tavola spagnole importate del 37.4%.

DCoop, insieme al suo partner marocchino Devica, che ha combinato due dei maggiori esportatori di olive da tavola negli Stati Uniti, ha risposto alle tariffe acquisto di una quota del 20 per cento in Bell-Carter.

Questa mossa ha permesso alla società di spedire olive da tavola negli Stati Uniti prima di consentire loro di ossidarsi. Con questa fase del processo che si sta svolgendo negli Stati Uniti, DCoop è in grado di vendere le sue olive nel paese gratuitamente, secondo il presidente della cooperativa, Antonio Luque. Bell-Carter ha negato che sia così.

Nell'ambito dell'accordo, Dcoop e Devica sono diventati anche i fornitori quasi esclusivi delle olive da tavola di Bell-Carter. Tuttavia, Tim T. Carter, CEO di Bell-Carter, ha affermato che, nonostante ciò, la società continuerà a raccogliere alcune olive dai coltivatori della California.

Tuttavia, è improbabile che molti olivicoltori colpiti dalle improvvise cancellazioni del contratto di Bell-Carter saranno in grado di vendere le loro olive a Musco.

"Ho parlato con Musco e sono in una lista, di cui sono grato, ma non c'è niente di garantito ", ha detto Ud Shanker, un olivicoltore californiano che ha avuto il suo contratto con Bell-Carter risolto all'inizio di questo mese Olive Oil Times.

"Preferiscono quelli che raccolgono usando le macchine e io non sono uno di loro ”, ha aggiunto. "Quindi, devo aspettare e vedere ".





pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti