`Zona euro in crisi, i commercianti di olio d'oliva spostano gli obiettivi - Olive Oil Times

Eurozona in crisi, gli obiettivi degli operatori di marketing degli oli di oliva

Settembre 26, 2012
Costas Vasilopoulos

Notizie recenti

L'importanza del marchio e della standardizzazione nell'industria dell'olio d'oliva è stata ripetutamente sottolineata. Il branding può stabilire la qualità di un prodotto e costruire la sua reputazione. Ancora più importante, il valore aggiunto del marchio può produrre profitti pari alla qualità del prodotto.

Ma oggi, poiché la maggior parte dei paesi della zona euro si trova nei sentieri cupi e ripidi della crisi finanziaria in agguato, le aziende dell'industria dell'olio d'oliva dovrebbero essere caute: il PIL europeo nel suo complesso si è ridotto dello 0.4% durante il secondo trimestre del 2012 rispetto al 2011, e le due maggiori economie della zona sono in pericolo; La Germania ha avuto una crescita marginale dello 0.3 per cento mentre la crescita in Francia è stata stagnante. Anche il Belgio, il fulcro della zona euro, sta iniziando ad assaporare il sapore amaro della recessione con una crescita in calo dello 0.6 per cento nel secondo trimestre del 2012 rispetto al primo trimestre.

Il potere d'acquisto dei consumatori si riduce costantemente in Europa e presto cercheranno prodotti più economici come persone in Grecia ho già fatto. Così, olive oil proproduttori ed esportatori dovrebbero pensarci due volte prima di inviare le loro bottiglie di extra vergine di marca al mercato comune europeo.

La soluzione ovvia è rivolgersi ad altri mercati e promuovere lì i loro prodotti. La Russia e la Cina sono in grado di assorbire grandi quantità di olio d'oliva e già a questo punto alcuni esportatori intraprendenti hanno aperto negozi lì.

Dopo aver partecipato a una mostra commerciale a Mosca e aver sbalordito i visitatori con i suoi prodotti di altissima qualità, il cretese "L'organizzazione Crissa Gea "invia il suo petrolio ai supermercati e ai ristoranti russi. La prossima tappa è la regione di Szechuan in Cina con i suoi 80 milioni di consumatori.

Quindi, ci sono altri mercati non così promettenti ma aperti a nuovi prodotti; "Agrovim ", con sede nel sud della Grecia, esporta il suo olio d'oliva a Dubai avendo praticamente monopolizzato il mercato lì.

pubblicità

Un'alternativa è differenziare e mirare a gruppi target specifici, un processo più impegnativo e ad alta intensità di marketing. Alle aziende piace "Moria Elea ”e "Speiron ”vende il loro olio extravergine di altissima qualità a prezzi stravaganti: 500 ml rispettivamente per € 29 e € 50 ei prezzi aumentano se lo ordini in una confezione regalo. Ma tutto viene curato nei minimi dettagli, dalla bottiglia all'etichetta, al tappo, e ovviamente al contenuto. Questi prodotti non sono facilmente reperibili nel mercato o nei negozi di gastronomia ei loro acquirenti sono quelli che perseguono la perfezione e se lo possono permettere.

Esistono modi per promuovere e vendere olio d'oliva in periodi turbolenti. Hanno bisogno di professionalità, perseveranza e persone di mentalità aperta.


pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti