`La corte ordina l'interruzione dell'operazione di estrazione del carbone negli oliveti della Turchia - Olive Oil Times

La corte ordina l'interruzione dell'operazione di estrazione del carbone negli oliveti della Turchia

Può. 6, 2022
Paolo De Andreis

Notizie recenti

New operazioni minerarie nelle aree olivicole in Turchia sono stati fermati da una decisione del Consiglio di Stato.

il 8th La Camera del più alto tribunale amministrativo del Paese ha optato per uno stop temporaneo per approfondire la questione.

I media locali hanno riferito che il consiglio ha preso la sua decisione perché la decisione del governo di consentire le operazioni minerarie sembrava contraddire la legge sull'olivicoltura n. 3573 del paese.

Vedi anche:La Turchia sospende le esportazioni di prodotti agricoli, olio d'oliva sfuso

La legge regola olivicoltura operazioni stabilendo principi e parametri quali l'estensione minima della superficie degli oliveti, le modalità di interazione con gli enti locali e altri requisiti connessi alle operazioni olivicole e il finanziamento pubblico.

Il Consiglio di Stato ha aggiunto che il nuovo regolamento presentato dal Partito per la giustizia e lo sviluppo (AKP) al governo del paese potrebbe anche rivelarsi contrario all'interesse pubblico.

pubblicità

L'AKP ha affermato che il regolamento è necessario per sfruttare le vaste riserve di carbone del paese nella regione dell'Egeo occidentale della Turchia e la sua costa meridionale con il Mar Mediterraneo. Queste regioni coincidono anche con le zone olivicole più rilevanti del paese.

I partiti di opposizione e le associazioni di agricoltori hanno criticato le nuove regole. Lo ha detto Mustafa Tan, presidente del consiglio di amministrazione del Consiglio nazionale per l'oliva e l'olio d'oliva della Turchia Olive Oil Times che nessun albero era stato rimosso dalla seconda settimana di marzo, ma "siamo preoccupati che inizi presto".

"Ci sono circa 500,000 famiglie che producono olive in Turchia e circa 10 milioni di persone traggono vantaggio dall'industria direttamente o indirettamente ", ha aggiunto. "Una quantità molto significativa dei 190 milioni di ulivi sarà eventualmente influenzata negativamente dalle operazioni minerarie.

L'AKP ha sostenuto l'espansione dell'operazione mineraria a causa della crisi in corso nel mercato internazionale dell'energia causata dall'invasione russa dell'Ucraina.

Secondo la US Energy Information Administration, il carbone è la fonte di energia più importante della Turchia. Inoltre, il paese ha visto la sua domanda di energia salire alle stelle dal 2010, ben al di sopra della crescita media riportata dall'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico per i suoi paesi membri.

La Turchia è anche una delle più importanti al mondo olive oil proriduttori. Secondo i dati del Consiglio oleicolo internazionale, turco olive oil proriduzione per la campagna 2021/22 raggiungerà le 227,000 tonnellate. Solo la Spagna e l'Italia, tradizionalmente i due maggiori paesi produttori di olio d'oliva, quest'anno hanno prodotto più olio d'oliva.



Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti