`La Turchia sospende le esportazioni di prodotti agricoli, olio d'oliva sfuso - Olive Oil Times

La Turchia sospende le esportazioni di prodotti agricoli, olio d'oliva sfuso

Aprile 5, 2022
Costas Vasilopoulos

Notizie recenti

Il ministero turco dell'agricoltura e delle foreste ha temporaneamente vietato le esportazioni dirette di prodotti agricoli selezionati dal paese, inclusi oli da cucina, semi oleosi, margarina, lenticchie e fagioli secchi, a causa delle preoccupazioni per la carenza di mercato e un aumento dell'inflazione.

Il divieto è stato imposto in base a un nuovo regolamento governativo che delega al ministero l'autorità di frenare le esportazioni di alcuni prodotti agricoli a sua discrezione per stabilizzare il mercato interno.

Questo divieto temporaneo alle esportazioni, emanato a metà stagione, ha messo in ansia la maggior parte dei membri del settore olivicolo.- Mustafa Tan, presidente del consiglio, National Olive and Olive Oil Council

Per quanto riguarda gli oli, il cordolo riguarda l'olio d'oliva sfuso e gli oli vegetali come girasole, colza, soia, senape e olio di semi di cotone. L'olio d'oliva in bottiglia turco è stato escluso dal divieto di esportazione.

Un simile e molto controverso divieto di esportazione di cinque mesi di olio d'oliva sfuso era implementato lo scorso anno in Turchia per la speculazione sui prezzi e l'incertezza causata nel settore agroalimentare del Paese dal Pandemia di covid-19.

Vedi anche:Notizie commerciali

Anche le spedizioni pronte all'uso di cereali, semi oleosi e olio d'oliva alla rinfusa sono state interrotte dal Ministero del Commercio turco e sono conservate in magazzini doganali nei porti turchi.

La Turchia, o Türkiye, dopo il rebranding ufficiale del nome del paese, ha anche allentato i requisiti di importazione di prodotti agricoli dall'Ucraina, principalmente olio di girasole, per far fronte a possibili carenze del mercato dovute alle interruzioni nelle spedizioni causate dalla guerra russo-ucraina.

pubblicità

Il tasso di inflazione annuale della Turchia è salito a quasi il 49% a gennaio, con il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan che ha annunciato una riduzione dell'imposta sul valore aggiunto sui prodotti alimentari di base per abbassare i costi per i consumatori.

"Non permetteremo all'inflazione di schiacciare la nostra nazione", ha detto Erdoğan.

Vahit Kirişçi, il ministro dell'agricoltura turco, ha invece confutato la carenza di generi alimentari di base nel Paese.

"L'informazione condivisa che non ci sono scorte sufficienti di prodotti alimentari di base come l'olio di girasole non è corretta", ha scritto Kirişçi in un Tweet. "Sono state prese le misure necessarie. Il nostro paese ha scorte sufficienti di olio di girasole. Non fare affidamento su affermazioni infondate. Non c'è motivo di preoccuparsi".

L'Associazione turca degli esportatori di olio d'oliva dell'Egeo (EZZIB) ha criticato il ministero per aver agito unilateralmente per attuare il divieto di esportazione e ha chiesto la ripresa delle esportazioni.

"In qualità di unico rappresentante degli esportatori di olio d'oliva in Türkiye, riteniamo estremamente sbagliato il divieto di esportazione di olio d'oliva in confezioni superiori a cinque chilogrammi senza consultare il settore e chiediamo che questo errore venga annullato il prima possibile, Lo ha affermato l'associazione in un comunicato.

"L'olio d'oliva non è un sostituto degli oli vegetali ", ha aggiunto il comunicato. "Anche se i prezzi dell'olio d'oliva e dell'olio vegetale raggiungessero lo stesso livello, pensiamo che non ci sarà un grande aumento dei consumi nel breve termine".

Vedi anche:Il nuovo regolamento in Turchia consente la rimozione degli ulivi per l'estrazione del carbone

L'associazione ha anche affermato che l'onere gravante sul settore dell'olio d'oliva del paese sarebbe impossibile e che i produttori turchi avrebbero preso il colpo.

"In queste condizioni, il divieto di esportare olio d'oliva in pacchetti infliggerà un colpo irreparabile al settore ", ha affermato l'EZZIB. "L'olio d'oliva non proviene dall'Ucraina o dalla Russia; è una coltura nazionale e nazionale prodotta con il duro lavoro del produttore turco”.

Le preoccupazioni dell'associazione sono state riprese dal presidente del consiglio di amministrazione del Consiglio nazionale dell'oliva e dell'olio d'oliva (UZZK) della Turchia, Mustafa Tan, che ha respinto il divieto di esportazione di olio d'oliva sfuso come dannoso per il settore dell'olio d'oliva del paese.

"Questo divieto temporaneo alle esportazioni, che è stato emanato a metà stagione, ha reso ansiosi la maggior parte dei membri del settore olivicolo insieme all'Associazione degli esportatori dell'Egeo ", ha detto Tan Olive Oil Times.

"Se procediamo con questo divieto, può danneggiare la posizione della Turchia nei mercati in cui siamo attualmente presenti con il nostro olio d'oliva e complicherà anche le cose in possibili nuovi ingressi sul mercato ", ha aggiunto.

Tan ha notato che la Turchia prodotto circa 235,000 tonnellate di olio d'oliva nella campagna 2021/22, mentre all'inizio della stagione sono state stoccate 45,000 tonnellate e le esportazioni del paese hanno raggiunto circa 50,000 tonnellate di olio d'oliva.

"Considerando il consumo interno di circa 150,000 tonnellate, possiamo dire che c'è un surplus di quasi 80,000 tonnellate di olio d'oliva che dovrebbe essere esportato ", ha affermato. "Non sembra realistico mitigare la possibilità di una carenza di olio di girasole e altri oli vegetali derivanti dalla guerra russo-ucraina con l'olio d'oliva nelle condizioni attuali come olio alternativo.

"Pertanto, i membri del settore dell'olio d'oliva chiedono la revoca immediata di questo divieto temporaneo ", ha aggiunto Tan.

Il regolamento governativo che delega al Ministero delle Politiche Agricole e Forestali l'istituzione di restrizioni all'esportazione di prodotti agricoli è valido fino alla fine del 2022.



Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti