Il nuovo regolamento in Turchia consente la rimozione degli ulivi per l'estrazione del carbone

Il regolamento ha lo scopo di rafforzare la sicurezza energetica turca. Tuttavia, l'associazione nazionale dell'olio d'oliva del paese sta già impugnando la decisione.
Izmir, Turchia
Marzo 11, 2022
Daniel Dawson

Notizie recenti

Un nuovo regolamento autorizzato in Turchia consente alle società minerarie di rimuovere gli ulivi se ciò consente un accesso più facile ai giacimenti di carbone sotterranei.

Il Partito per la giustizia e lo sviluppo (AKP) al governo del paese ha inquadrato la mossa come un modo per rafforzare la sicurezza energetica della Turchia alla luce del recente Invasione russa dell'Ucraina.

Una quantità molto significativa dei 190 milioni di ulivi sarà eventualmente influenzata negativamente dalle operazioni minerarie.- Mustafa Tan, presidente del consiglio, National Olive and Olive Oil Council

Tuttavia, hanno aggiunto che tutti gli alberi rimossi per scopi minerari devono essere ripiantati altrove. Le società minerarie sarebbero anche responsabili della coltivazione degli ulivi nell'area dopo aver completato le loro attività.

Secondo l'Associazione europea per il carbone e la lignite, ci sono notevoli riserve di carbone nella regione dell'Egeo occidentale della Turchia e nella sua costa meridionale con il Mar Mediterraneo. Queste aree ospitano la stragrande maggioranza degli uliveti del paese.

Vedi anche:La Turchia annuncia un piano per promuovere l'agricoltura sostenibile

La decisione dell'AKP è stata accolta con grande scetticismo da partiti di opposizione, ambientalisti e agricoltori. Sostengono che la mossa danneggerà il settore dell'olio d'oliva del paese e aggraverà il impatti del cambiamento climatico, già sentiti dai produttori locali.

"Con questo regolamento, le società minerarie saccheggeranno gli uliveti ", ha affermato Süleyman Bülbül, un legislatore dell'opposizione. "Questo regolamento aprirà la strada alle società filo-governative per saccheggiare i boschi”.

pubblicità

Mustafa Tan, il presidente del consiglio di amministrazione del Consiglio nazionale dell'oliva e dell'olio d'oliva della Turchia (UZZK per le sue iniziali turche), ha detto Olive Oil Times che nessun albero è stato ancora rimosso ai sensi del regolamento, ma "siamo preoccupati che inizi presto".

"Ci sono circa 500,000 famiglie che producono olive in Turchia e circa 10 milioni di persone traggono vantaggio dall'industria direttamente o indirettamente ", ha aggiunto. "Una quantità molto significativa dei 190 milioni di ulivi sarà eventualmente influenzata negativamente dalle operazioni minerarie.

asia-business-nuovo-regolamento-in-turchia-permessi-rimozione-di-ulivi-per-estrazione-di-carbone-oil-times

Dove coincidono i più grandi giacimenti di carbone e gli uliveti della Turchia

Tuttavia, Tan ha affermato che il nuovo regolamento non ha lo stesso potere di una legge. Sembrava ottimista sul fatto che il regolamento sarebbe stato impugnato in tribunale e alla fine ribaltato.

"Quasi tutte le parti interessate dell'industria olivicola, noi [l'UZZK], le ONG, i comuni e alcuni partiti politici hanno già avviato il procedimento legale per impugnare la decisione", ha affermato.

"Ci aspettiamo che i tribunali annullino questo regolamento", ha aggiunto Tan. "Abbiamo anche chiesto al relativo ministero di ritirare questo regolamento sbagliato”.

Bahar Alan, il proprietario di Nova Vera, Ha detto Olive Oil Times che i suoi 160 ettari di oliveti ad Ayvalik, la storica capitale della turco olive oil produzione, e Manisa non ne risentirebbe. Tuttavia, è preoccupata per l'impatto del regolamento sul settore in generale.

Alan ha insistito sul fatto che gli ulivi sono una risorsa molto più preziosa del carbone. Dopotutto, l'olio dei loro frutti ha alimentato il popolo turco e la sua economia per migliaia di anni.

"È un settore che crea un valore aggiunto di circa 1.5 miliardi di dollari (1.36 miliardi di euro) all'anno ed è in queste terre da 8,000 anni", ha detto Olive Oil Times. "Crediamo che il minerale più grande e sacro sia l'oliva. È il più grande desiderio di noi produttori che questa decisione sbagliata irreversibile venga rivista prima che sia troppo tardi".



Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti