`L'Europa discute l'uso della mosca delle olive modificata - Olive Oil Times

L'Europa discute dell'uso della mosca dell'oliva modificata

Settembre 4, 2012
Julie Butler

Notizie recenti

Mentre la Spagna aumenta la sua campagna annuale contro uno dei più grandi nemici del suo raccolto di olive - la mosca delle olive - un'altra campagna è in corso in Europa contro il permesso di un geneticamente modificato (GM) 'mosca sterile da utilizzare come alternativa priva di sostanze chimiche.

Ogni anno, in Spagna vengono utilizzati spruzzi aerei e controllo del suolo, tra cui esche con feromoni, per ridurre le infestazioni, ma la posta in gioco è particolarmente elevata ora con il paese più profondo nella crisi finanziaria e siccità, gelate e altri fattori dovrebbero almeno dimezzare la produzione nella prossima stagione, che inizia ufficialmente ad ottobre.

E nella capitale mondiale dell'olio d'oliva, l'Andalusia, il governo regionale avrebbe ritirato i sussidi per il controllo della mosca delle olive nello stesso momento in cui gli agricoltori affrontano un aumento dell'imposta sulle vendite nazionale.


Olimerca riferisce che nella denominazione di origine Baena, gli olivicoltori dovranno sostenere i costi fino a € 170,000 ($ 214,000) di irrorazione aerea di 60,000 ettari.

Nel frattempo, un panel dell'Autorità europea per la sicurezza alimentare ha appena concluso la consultazione pubblica su un documento che potrebbe aprire la strada all'uso di mosche geneticamente modificate. Questa era una delle possibili applicazioni future degli insetti GM elencati nel suo "Guida alla valutazione del rischio ambientale per animali geneticamente modificati. "

GeneWatch UK afferma che una tale mossa sarebbe un "grande scommessa con le nostre provviste alimentari e l'ambiente ”e "miliardi di uova di insetti e bruchi geneticamente modificati sarebbero lasciati nelle verdure e nella frutta ”, comprese le olive.

pubblicità

Ma la società britannica di biotecnologia Oxitec - che ha sviluppato mosche di ulivo maschio geneticamente modificate in modo che la loro prole muoia - afferma che il trattamento può essere cronometrato in modo che "gli insetti sono molto bassi o assenti al momento del raccolto, impedendo quindi la presenza di uova di insetti e bruchi nei frutti ".

Oxitec afferma che la mosca dell'olivo (Bactrocera oleae) lo è "il singolo problema più grande che affligge la maggior parte degli oliveti di tutto il mondo ”e "anche a livelli bassi rende le olive da tavola non commerciabili e influisce negativamente sull'acidità, e quindi sulla qualità e sul valore dell'olio d'oliva ".

Afferma che i controlli attuali si basano in gran parte sugli insetticidi chimici, ma il costo è elevato, la resistenza sta riducendo l'efficacia e numerosi insetticidi sono stati, o sono stati, gradualmente eliminati a causa di problemi ambientali o di salute.

I suoi ceppi di ulivo hanno subito prove contenute "con risultati eccellenti ”e sono pronti per prove in campo aperto, afferma.



Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti